Dopo che Powell ha attenuato le preoccupazioni sull’inflazione, l’indice Nasdaq ha chiuso a un livello record – shareandstocks.com

[ad_1]

Nonostante il brusco crollo dello scorso fine settimana, poiché il presidente della Fed Jerome Powell ha insistito nelle udienze del Congresso sul fatto che il recente aumento dei prezzi è solo temporaneo, alleviando i timori che aumenti imprevisti dei tassi di interesse potrebbero colpire il mercato azionario, il mercato azionario è comunque salito a nuovi massimi.

Martedì l’indice Nasdaq, dominato dai titoli tecnologici, è salito dello 0,8% a 14.253 punti, superando il massimo di chiusura dal 14 giugno.

Netflix, Amazon e Facebook sono i titoli in testa all’indice, in rialzo rispettivamente del 3%, 2% e 1,9%.

Allo stesso tempo, il Dow Jones Industrial Average è aumentato di 69 punti o 0,2% a 33.945 punti, che era di circa il 2,3% inferiore rispetto al massimo storico di chiusura del 7 maggio, mentre l’indice S&P 500 è aumentato dello 0,5% a 4.248 punti, rispetto al la volta precedente Anche il 14 giugno si è registrato il massimo di chiusura di circa lo 0,1%.

In testimonianza alla sottocommissione Coronavirus alla Camera dei Rappresentanti martedì pomeriggio, Powell ha ribadito la posizione a lungo termine della Fed secondo cui l’aumento dell’inflazione negli ultimi mesi è stato causato da fattori temporanei o temporanei, tra cui strozzature dell’offerta, un rimbalzo della spesa e straordinari cambiamenti dall’inizio dell’anno.Letture di inflazione bassa. Pandemia.

Powell ha anche annunciato che la Fed non alzerà preventivamente i tassi di interesse sulla base esclusivamente delle preoccupazioni sull’inflazione, ma che la banca centrale risponderà solo a “prove effettive di inflazione effettiva”, che i funzionari della Fed si aspettano possano portare a un aumento dei tassi nel 2023.

Dopo il discorso di Powell di martedì, il mercato azionario è generalmente aumentato, con i settori dei beni voluttuari, della tecnologia e delle comunicazioni di Standard & Poor’s a guidare il mercato.

L’aumento dei tassi di interesse e l’accelerazione della crescita economica quest’anno hanno spinto il mercato azionario a passare da titoli di crescita (come i titoli tecnologici) a settori di mercato ciclici e orientati al valore come i titoli energetici e finanziari. Gli analisti di Morgan Stanley hanno scritto in un rapporto di ricerca la scorsa settimana: “La performance di crescita è in ritardo rispetto al mercato, ma questa dinamica potrebbe non durare per sempre”. tassi di interesse per combattere l’aumento dell’inflazione. I prezzi possono scuotere più duramente i titoli tecnologici che colpiscono il mercato. Poiché i trader temevano che la Fed stesse per alzare i tassi di interesse, venerdì il Dow ha concluso la sua settimana peggiore da ottobre. Tuttavia, i commenti di Powell di martedì hanno indicato che la Fed non intende aumentare i tassi di interesse a breve termine.

I prezzi al consumo sono aumentati dello 0,6% tra aprile e maggio e sono aumentati del 5% nei 12 mesi fino a maggio, il tasso annuale più alto degli ultimi 13 anni e superiore alle aspettative degli economisti. “Sebbene lo sconvolgimento economico della pandemia abbia effettivamente cambiato radicalmente i modelli di consumo dei consumatori di tutto il mondo e abbia sollevato preoccupazioni per l’aumento dell’inflazione, questi livelli sono quelli che ci aspettavamo e rappresentano una tendenza a breve termine che andrà avanti nel tempo. E correggere “, ha affermato Oliver Wright, responsabile dei prodotti e servizi di consumo globali di Accenture.

L’S&P 500 e il Nasdaq hanno raggiunto livelli record mentre i titoli tecnologici sono rimbalzati prima della decisione della Fed (Forbes)

Poiché i trader sono preoccupati per l’imminente rialzo dei tassi della Fed, l’indice Dow Jones ha avuto la sua settimana peggiore da ottobre since (Forbes)

leggi di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *