Dopo la chiusura della base principale, la maggior parte delle truppe statunitensi è stata ritirata dall’Afghanistan

[ad_1]

Gli Stati Uniti hanno lasciato la loro principale base militare in Afghanistan nell’ambito di un ritiro accelerato che ha portato i talebani a riconquistare territorio ea temere che il Paese possa precipitare nel caos.

L’esercito afgano prenderà il controllo dell’aeroporto di Bagram, un’enorme base americana che un tempo era un centro di comando nazionale e un enorme simbolo della “guerra eterna” del paese. La chiusura della base è stata annunciata venerdì, il che significa che la maggior parte delle truppe statunitensi ha lasciato il Paese.

Circa 600 soldati rimarranno per proteggere le missioni diplomatiche americane e trasformare il ruolo di Washington per fornire supporto finanziario e logistico all’Afghanistan dall’estero.

Il Pentagono dovrebbe completare un ritiro completo l’11 settembre, vent’anni dopo che il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha promesso di sconfiggere i talebani e Al Qaeda.

La maggior parte dei paesi europei ha ritirato le proprie truppe e Germania, Italia e Polonia hanno annunciato la scorsa settimana che le loro truppe sono tornate a casa.

Con il deteriorarsi della situazione della sicurezza in Afghanistan, i talebani hanno lanciato un’ondata di offensive contro l’esercito e i civili afghani e l’esercito americano si è ritirato.

I colloqui di pace tra i talebani e il governo afghano, iniziati a settembre, non sono riusciti a raggiungere una soluzione politica o un cessate il fuoco.

Il generale Austin S. Miller, comandante militare degli Stati Uniti in Afghanistan, ha avvertito in una rara conferenza stampa la scorsa settimana che il paese potrebbe essere precipitato in una guerra civile in peggioramento.

Mir Haider Afzaly, presidente della commissione per la difesa del parlamento afghano e membro del parlamento, ha dichiarato che da maggio 80 delle circa 400 aree dell’Afghanistan sono cadute sotto il controllo dei talebani.

“Negli ultimi mesi, violenze e combattimenti si sono intensificati”, ha detto. “Abbiamo bisogno del sostegno delle forze militari straniere, soprattutto nei settori dell’aviazione e dell’intelligence”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso di sostenere l’Afghanistan dopo aver incontrato il presidente Ashraf Ghani alla Casa Bianca il mese scorso.

Ghani ha chiesto 3,3 miliardi di dollari in assistenza per la sicurezza e 3 milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus di Johnson & Johnson. Il Paese è stato colpito da un’impennata dei contagi causati dalla variante Delta.

Andrew Watkins, un analista senior dell’organizzazione no-profit International Crisis Group, ha dichiarato: “La più grande misura pratica supportata dagli Stati Uniti saranno le finanze: pagano l’intero budget delle forze armate e continueranno a farlo per il prossimo futuro. .” .

“Ma il loro sostegno è anche politico e psicologico; il morale dell’esercito afghano dipende dalla sensazione che la loro forza aerea, le loro linee di rifornimento e i loro stipendi siano supportati in modo affidabile dagli Stati Uniti”.

Alla fine di giugno, il Comando Centrale degli Stati Uniti ha consegnato 6 strutture al Ministero della Difesa afghano e spedito l’equivalente di 800 C-17 dall’Afghanistan.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *