Dopo la vacanza dell’imposta di bollo, le vendite di case nel Regno Unito sono crollate a luglio

[ad_1]

Aggiornamenti immobiliari nel Regno Unito

I dati fiscali ufficiali hanno mostrato che il numero di vendite di case e appartamenti nel Regno Unito è diminuito drasticamente il mese scorso dopo che gli acquirenti hanno accelerato i loro acquisti a giugno per recuperare il ritardo con l’imminente vacanza dell’imposta di bollo.

Secondo i dati rilasciati martedì dal servizio delle entrate e delle dogane del Regno Unito, l’adeguamento stagionale temporaneo delle transazioni residenziali nel Regno Unito a luglio è stimato in 73.740, ovvero il 63% in meno rispetto a quando è salito a 198.400 a giugno.

Anche i dati di luglio sono ben al di sotto della media mensile di 145.000 nei primi sei mesi di quest’anno.

L’HMRC ha sottolineato che i contribuenti sono desiderosi di completare le transazioni immobiliari al fine di sfruttare gli incentivi fiscali che sono stati gradualmente eliminati dalla fine di giugno. La cifra per questo mese è il doppio della cifra media mensile per il 2012-2019.

HMRC ha dichiarato: “Da allora, è stato osservato un calo previsto ma significativo nelle statistiche provvisorie sulle transazioni residenziali nel Regno Unito per luglio 2021”.

Dal 1° luglio, la soglia per gli acquirenti in Inghilterra e Irlanda del Nord per evitare di pagare l’imposta di bollo è stata ridotta da £ 500.000 a £ 250.000. Da ottobre, il limite sarà ripristinato a £ 125.000, che è il livello prima dell’introduzione della misura nel luglio 2020, che mira a stimolare il mercato immobiliare dopo il primo lockdown del coronavirus.

Anna Claire Harper, amministratore delegato di SPI Capital, una società di consulenza immobiliare, ha dichiarato: “Investitori, proprietari di case, avvocati e banche stanno lavorando duramente per completare la transazione in modo tempestivo in modo che gli acquirenti possano completarla entro la fine di giugno per approfittare di questa mitigazione temporanea.” .

Paul Stockwell, Chief Commercial Officer di Gatehouse Bank, ha dichiarato: “Il volume delle transazioni di agosto potrebbe aumentare di nuovo e prevediamo un’altra ondata di attività a settembre poiché gli acquirenti cercano di completare le vendite prima che vengano annullati i risparmi finali sull’imposta di bollo”.

Ma gli esperti dicono che la forza del mercato immobiliare del Regno Unito supera di gran lunga la volatilità causata dai cambiamenti della politica fiscale.

Jason Tebb, CEO del sito di ricerca immobiliare OnTheMarket.com, ha affermato che sebbene la domanda degli acquirenti rimanga forte, i tassi di interesse sui mutui sono a livelli storicamente bassi e sempre più persone possono utilizzare prodotti di deposito più bassi. Tuttavia, “la storica mancanza di proprietà disponibili in molte aree può essere un fattore chiave per stabilizzare i livelli di transazione tra oggi e il nuovo anno”.

Secondo dati separati dal National Building Council, a causa dell’aumento del lavoro a distanza, molte persone hanno rivalutato le proprie esigenze, aumentando così la domanda di alloggi.I prezzi delle case nel Regno Unito hanno continuato ad aumentare a un tasso annuo a due cifre a luglio.

I bassi tassi di interesse record e i tassi di risparmio delle famiglie storicamente elevati hanno spinto i prezzi delle case all’impennata Passa attraverso Nella maggior parte dei paesi sviluppati, con o senza incentivi fiscali, ci sono pochi segnali di aggiustamenti importanti nei prossimi mesi.

Nel Regno Unito, Mike Scott, capo analista dell’agenzia immobiliare Yopa, ha affermato di aspettarsi che le vendite di case saranno completate nel 2021 per avvicinarsi a 1,5 milioni, un aumento di quasi il 50% rispetto alle vendite totali nel 2020 colpite dalla pandemia. Questo è il numero più alto dal 2007.

“Il mercato immobiliare del Regno Unito è ancora molto attivo e non abbiamo quasi visto alcun segno di rallentamento, anche se è troppo tardi per i nuovi acquirenti per rispettare la scadenza di settembre”, ha aggiunto.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *