Dopo risultati record, i dirigenti di Channel 4 si sono opposti al piano di privatizzazione

[ad_1]

I dirigenti di Channel 4 hanno avvertito i ministri di non minare la sua missione pubblica con la privatizzazione “irreversibile”, poiché la BBC ha riportato la sua migliore performance finanziaria di sempre nel 2020 dopo aver tagliato la spesa per la programmazione.

Il governo avvierà immediatamente le consultazioni sulla proprietà e sui termini di riferimento di questa società di radiodiffusione finanziata commercialmente ma di proprietà statale, e Opinioni sulla privatizzazione del gruppo Non appena il prossimo anno per garantire la sua Era dello streaming digitale.

Notando l'”importanza” della censura governativa per il servizio pubblico radiotelevisivo, Charles Gulasa, Canale 4 Il presidente ha affermato che le “eccellenti” prestazioni dell’emittente durante la pandemia più turbolenta sono state una testimonianza della “flessibilità del suo modello di business” e della “sostenibilità continua”.

L’amministratore delegato Alex Mahon ha avvertito che il passaggio a un modello a scopo di lucro potrebbe mettere a repentaglio la spesa dell’emittente al di fuori di Londra, il suo sostegno ai produttori indipendenti e il suo impatto sul pubblico giovane.

“Dobbiamo sempre stare attenti a non fare cose che potrebbero essere irreversibili e potrebbero danneggiare ciò che facciamo per l’industria e il Regno Unito”, ha detto quando l’emittente ha pubblicato i suoi risultati del 2020.

Oltre il 90% delle entrate di Channel 4 proviene dalla pubblicità, che sostiene la spesa per i suoi programmi commissionati, che possono raggiungere un pubblico più giovane e diversificato e supportare visualizzazioni alternative.

A causa delle pesanti perdite pubblicitarie nella prima metà dello scorso anno, la produzione si è interrotta, Channel 4 ha tagliato i costi e rinviato i piani per mantenere le operazioni e la spesa per i contenuti è scesa da 660 milioni di sterline a 522 milioni di sterline.

Le entrate annuali sono diminuite del 5% a 934 milioni di sterline e le prestazioni sono state migliori del previsto dopo il rimbalzo dell’annuncio, come ad esempio Ottima cucina britannica con custodia per gli occhialiLe riduzioni dei costi hanno aiutato l’emittente senza scopo di lucro a raggiungere un avanzo al lordo delle imposte di 74 milioni di sterline e le sue riserve di cassa nette hanno raggiunto i 201 milioni di sterline.

Fin dalla sua istituzione nel 1982, il cosiddetto modello editore-emittente ha consentito a Channel 4 di fornire le proprie responsabilità di servizio pubblico senza richiedere il supporto dei contribuenti.

Ma sta affrontando serie sfide a causa dei servizi di streaming globali come Netflix, Amazon e Disney Occupa una quota di pubblico in crescita E le spese di produzione nel Regno Unito. La copertura dei canali TV tradizionali di Canale 4 (circa il 10% di share) è diminuita del 3,7% lo scorso anno.

Mahon cerca di accelerare la trasformazione di Channel 4 in un’emittente “digital first”, ponendo maggiore enfasi sul suo servizio di video on demand finanziato dalla pubblicità All 4. L’anno scorso, il numero totale di visualizzazioni sulla piattaforma è aumentato del 25% a 1,25 miliardi.

Secondo il suo statuto, il consiglio di amministrazione di Channel 4 ha la responsabilità di svolgere i compiti dell’emittente e gli amministratori hanno la responsabilità di opporsi a qualsiasi piano che potrebbe metterla in pericolo.

Quando le è stato chiesto se avrebbe continuato a supervisionare la privatizzazione se il consiglio di amministrazione si fosse opposto a tale mossa, Ma Hong ha risposto: “Il mio compito è svolgere le funzioni di Channel 4… Qualsiasi contenuto che cambia.”

I sostenitori della privatizzazione ritengono che ciò consentirà al gruppo di raccogliere capitali e investimenti in modo da poter sopravvivere nel mercato dello streaming ferocemente competitivo.

Ma alla domanda sui vantaggi della proprietà privata, Ma Hong ha dichiarato: “Come consiglio di amministrazione e team esecutivo, non stiamo spingendo per una maggiore libertà finanziaria alla ricerca di opportunità”.

Gurassa ha aggiunto che se servono finanziamenti, l’emittente, che ha una sede e un bilancio solido, “ha potenza di fuoco. [invest] Lo pubblicheremo”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *