Due persone sono state uccise in un sospetto attacco di droni su una petroliera vicino all’Oman

[ad_1]

Aggiornamento del petrolio

Un ufficiale della sicurezza marittima britannico e un equipaggio rumeno sono stati uccisi in un sospetto attacco di droni su una petroliera vicino all’Oman, aumentando la minaccia per le navi che attraversavano una delle rotte commerciali più importanti del mondo.

La compagnia britannica Zodiac Maritime, che gestisce la nave, ha affermato che la petroliera Mercer Street, collegata al miliardario israeliano Eyal Ofer, è stata colpita venerdì mattina presto nell’Oceano Indiano settentrionale.

I due decessi hanno segnato un’escalation significativa dei rischi affrontati dalle navi che attraversano questa rotta, che passa quasi ogni giorno circa un terzo della fornitura mondiale di petrolio. Negli ultimi mesi si sono verificati una serie di incidenti: esperti di sicurezza marittima hanno accusato Iran e Israele di aver preso di mira navi collegate a questi due Paesi.

Ambrey, il più grande fornitore al mondo Sicurezza marittima La guardia ha detto in una dichiarazione che un membro della sua squadra è stato “tragicamente ucciso in un incidente di sicurezza” a bordo, ma non ha approfondito le circostanze dietro l’attacco.

Tre persone che hanno familiarità con la questione hanno affermato di ritenere che si tratti di un attacco di droni, ma hanno sottolineato di essere ancora in attesa di una conferma ufficiale di quanto accaduto.Un funzionario americano ha dichiarato al Financial Times: “È [The vessel] Sembra che sia stato attaccato da un drone che esplode a senso unico. Questo è fondamentalmente un drone caricato con esplosivi e vola verso il bersaglio ed esplode al contatto. Il funzionario americano ha detto che c’erano “molti segni” che provenisse dall’Iran. Il funzionario ha aggiunto che la nave aveva segnalato un tentativo di attacco poche ore fa perché un drone sembrava colpire l’acqua a 20 metri dalla nave. .

La Zodiac Maritime ha dichiarato venerdì in una dichiarazione che la petroliera Mercer Street è ora “scortata” dalla Marina degli Stati Uniti, ma è “sotto il controllo dell’equipaggio a 14 nodi e 14 nodi in una posizione sicura”.

Secondo i dati di localizzazione satellitare, negli ultimi mesi la petroliera Mercer Street viaggia regolarmente tra l’Africa orientale e i centri petroliferi di Fujairah, negli Emirati Arabi Uniti.

L’attacco è avvenuto in un momento in cui le tensioni nella regione sono aumentate a causa dei negoziati con le potenze mondiali su un accordo nucleare nuclear Teheran È stato accantonato.

Un portavoce del governo britannico ha confermato di essere a conoscenza dell’incidente e ha affermato che “il quartier generale militare britannico nella zona sta attualmente indagando”.

In una precedente dichiarazione, Zodiac Maritime ha affermato che l’incidente è stato un “pirata”, ma sia il British Maritime Trade Operations (il dipartimento informazioni della Royal Navy) che il Centro di sicurezza marittima del Corno d’Africa (MSC-HOA) lo hanno negato. piccolo.

Secondo persone che hanno familiarità con la questione, al momento dell’attacco, le persone su una nave entro 5 miglia nautiche da Mercer Street hanno ricevuto trasmissioni ad alta frequenza dalla petroliera, che è stata segnalata essere un drone.

MSC-HOA ha dichiarato che il rapporto dell’attacco è stato “dopo che un altro rapporto ha affermato che un drone sembrava essere caduto in acqua in un bagliore, ma al momento non c’è modo di collegare i due incidenti”. Consiglia alle navi di “fare molta attenzione” quando attraversano l’area.

Munro Anderson, il socio fondatore di Dryad Global, una società di analisi della sicurezza marittima, ha affermato che l’incidente è stato probabilmente un drone inviato dall’Iran.

Ha detto in un rapporto: “Sebbene molti dettagli non siano ancora stati confermati, quest’ultimo attacco porta il segno distintivo della “guerra ombra” israelo-iraniana in corso, che ha visto attacchi alle navi associate a ciascun paese. L’attacco è stato scambiato”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *