EDF dice che se il reattore di Tarzan è in Francia, si spegnerà

[ad_1]

L’operatore nucleare francese EDF afferma che chiuderà il reattore sotto inchiesta Barra del carburante Se l’impianto si trova in Francia, ci sono problemi nel sud della Cina, ma la decisione di continuare a gestire l’impianto nella sua joint venture cinese è al di fuori del suo controllo.

La centrale nucleare di Taishan è controllata e gestita dal China General Nuclear Power Group, con EDF che detiene il 30% delle azioni.Giovedì si è tenuta una riunione del consiglio ad interim per rivedere gli ultimi dati dopo i problemi verificatisi il mese scorso.

“Secondo l’analisi condotta, le procedure operative di EDF per la centrale nucleare francese porteranno EDF a spegnere il reattore in Francia per valutare con precisione la situazione in corso e interromperne lo sviluppo”, ha affermato EDF in una nota.Dopo l’incontro

“A Taishan, la decisione corrispondente appartiene a TNPJVC [Taishan Nuclear Power Joint Venture Co.]. “

EDF ha detto il mese scorso che l’assemblea della nobiltà [or inert] Il gas di Tarzan sembra essere causato da un problema con il guscio esterno che circonda alcune barre di combustibile, che è la prima delle tre barriere di contenimento del reattore.

La società ha dichiarato giovedì di aver ricevuto il permesso di analizzare i dati relativi al “rilevamento di barre di assemblaggio non sigillate nel reattore n. 1 della centrale elettrica di Taishan”.

L’EDF ha affermato che i dati forniti dal China General Nuclear Power Group hanno mostrato che i “parametri radiochimici” sono ancora al di sotto della soglia regolamentare cinese di “conformità alla pratica internazionale”. Tuttavia, ha aggiunto che la situazione è “in evoluzione”.

L’azienda francese ha cercato di minimizzare il problema dopo una valutazione iniziale Rapporto della CNN Il rischio di fuoriuscita di radiazioni è stato aumentato a giugno. L’azienda ha dichiarato che le perdite all’esterno dell’impianto non costituiscono un pericolo e l’accumulo di gas inerte è stato controllato.

Giovedì un portavoce dell’EDF ha dichiarato al Financial Times che la preoccupazione principale è iniziare la manutenzione il prima possibile per risolvere il problema.

“Vogliamo evitare che le barre di combustibile si deteriorino ulteriormente e condurre indagini per scoprire perché le barre di combustibile hanno perso i sigilli. Vogliamo che la manutenzione necessaria sia il più semplice possibile”, ha affermato il portavoce.

“Questa non è un’emergenza o un incidente. Questa è una situazione coperta da una procedura operativa conosciuta e compresa”.

Taishan è la prima centrale nucleare al mondo a far funzionare un reattore pressurizzato europeo, una tecnologia franco-tedesca che è stata afflitta da ritardi e superamento dei costi per due decenni.

Il primo reattore dell’impianto di Taishan è entrato in esercizio commerciale nel dicembre 2018 e il secondo reattore è stato messo in funzione nel settembre 2019.

CGN ed EDF stanno anche collaborando alla costruzione della centrale nucleare EPR nel Regno Unito, in costruzione a Hinkley Point, Somerset.

La CNN ha riferito il mese scorso, citando fonti e documenti non identificati, che Framatone, una sussidiaria di EDF, ha notificato al governo degli Stati Uniti una potenziale “minaccia radiologica imminente”. [Taishan] Sito web e pubblico”.

La rete ha dichiarato a giugno che il Consiglio di sicurezza nazionale del presidente Joe Biden sta monitorando la situazione ma ritiene che non abbia ancora raggiunto un “livello di crisi”.

L’energia nucleare cinese è al centro degli ambiziosi obiettivi ambientali del presidente Xi Jinping, che includono il raggiungimento di emissioni nette di anidride carbonica pari a zero entro il 2060. Ci sono circa 50 reattori nucleari in funzione in Cina, che rappresentano circa il 5% della produzione totale di energia.

Giovedì la China General Nuclear Power non ha risposto a una richiesta di commento al di fuori del normale orario di lavoro.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *