Elliott chiede a GlaxoSmithKline di cambiare e aumentare la pressione su Wormsley

[ad_1]

L’hedge fund Elliott Management ha chiesto al consiglio di amministrazione di GlaxoSmithKline di nominare nuovi direttori e avviare un processo per determinare se l’amministratore delegato Emma Walmsley guiderà il Regno Unito dopo lo spin-off della sua divisione consumer. Candidati idonei per i produttori farmaceutici.

Queste richieste fanno parte di una serie di raccomandazioni inviate a GlaxoSmithKline e rilasciate pubblicamente da Eliot giovedì, in cui l’aggressivo hedge fund ha criticato “anni di cattiva gestione” per la sua scarsa performance del prezzo delle azioni.

Questa lettera di 17 pagine di Elliott segna la prima volta da quando è stato pubblicato il Financial Times che ha confermato pubblicamente di aver detenuto GSK con un valore di mercato di 71,5 miliardi di sterline. Annunciato ad aprile Gli hedge fund detengono miliardi di sterline in azioni.

“Lasciate che le operazioni a lungo termine di GlaxoSmithKline e la sottoperformance del prezzo delle azioni continuino senza misure urgenti appropriate, che deluderanno l’interesse di tutti per l’azienda. Il consiglio di amministrazione deve raccogliere la sfida e proporre un cambiamento. Piani ambiziosi per colmare il divario”, Elliot ha scritto al presidente della GlaxoSmithKline Jonathan Simmonds.

La richiesta di cambiamento di GlaxoSmithKline arriva dalle case farmaceutiche britanniche Confermato la scorsa settimana L’anno prossimo continuerà a promuovere il piano di spin-off del suo dipartimento per la salute dei consumatori, in modo che l’attività snella sarà completamente focalizzata sui biofarmaci.

Mentre descriveva questi piani, Walmsley ha fatto una forte difesa della sua leadership, cercando di dipingersi come un “agente di cambiamento” impegnato a cambiare il gruppo farmaceutico britannico perché si è concentrato sugli investimenti nella sua pipeline di farmaci.

Walmsley è un ex dirigente di L’Oréal, è entrata a far parte di GlaxoSmithKline nel 2010 e ha assunto la carica di CEO nel 2017. Data la sua esperienza nel settore dei prodotti di consumo, la sua esperienza nel settore farmaceutico è stata messa in discussione.

Dopo l’aggiornamento degli investitori, il prezzo delle azioni di GlaxoSmithKline è aumentato e gli analisti erano generalmente ottimisti sull’obiettivo prefissato della società di raggiungere una crescita annuale delle vendite di oltre il 5%.

Elliott ha affermato nella lettera che l’aggiornamento degli investitori “è un passo importante nella giusta direzione”, ma “non è sufficiente per risolvere la sfida di credibilità di GlaxoSmithKline”.

Ha detto al consiglio di amministrazione di GlaxoSmithKline di aggiornare il suo team e assumere immediatamente direttori indipendenti con esperienza in biofarmaci o salute dei consumatori, quindi entreranno nel comitato per intervistare candidati esterni e interni.

“Elliott non sostiene risultati specifici, ma piuttosto un processo solido, perché il consiglio di amministrazione assicura agli azionisti attuali e futuri che la nuova leadership delle due società viene selezionata attraverso un processo credibile e coerente con le migliori pratiche di governo societario. Questo è molto importante. “

Riportato dal Financial Times All’inizio di questo mese Alcuni azionisti di GlaxoSmithKline hanno affermato che Elliott ha espresso in privato dubbi sul fatto che Wormsley debba rimanere dopo lo spin-off.

Elliott ha anche invitato il consiglio a valutare eventuali offerte di acquisizione per la sua divisione per la salute dei consumatori, il che suggerisce che se ci sono offerte da private equity o concorrenti del settore, potrebbe promuovere la vendita della divisione prima della separazione.

Elliott ha aggiunto che il consiglio dovrebbe introdurre incentivi alle prestazioni più forti, aumentare i suoi obiettivi di profitto a lungo termine ed evitare la piena integrazione delle sue attività farmaceutiche e di vaccini.

Elliott è stata fondata e gestita da Paul Singer a New York, gestisce circa 42 miliardi di dollari di asset, ha fatto campagne per aziende come AT&T, BHP e SoftBank e si è guadagnata la reputazione di preoccupante investitore attivista.

Il suo investimento in GlaxoSmithKline è stato utilizzato dal suo ufficio di Londra, gestito dal figlio di Singer, Gordon, e guidato dai gestori di portafoglio Mark Levine e Sebastien de La Riviere.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *