Exclusive-Dover avverte dell’interruzione del commercio Brexit a causa dell’afflusso di turisti in Europa Reuters

[ad_1]

© Reuters. Al termine del periodo di transizione della Brexit, i veicoli entreranno nel porto di Dover il 4 gennaio 2021 a Dover, in Inghilterra. REUTERS/Toby Melville/Files

di Kate Holden

LONDRA (Reuters)-Il responsabile del più grande porto britannico ha affermato che se i vacanzieri britannici si recassero in Europa per le vacanze estive, potrebbero verificarsi di nuovo interruzioni del commercio e ha invitato il governo a riconsiderare urgentemente la riqualificazione dei fondi di Dover (NYSE:) per prevenire danno a lungo termine.

Durante la pandemia di COVID-19, a causa della mancanza di traffico turistico verso la Francia, il processo di uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea si è allentato, consentendo al personale portuale di occuparsi delle pratiche burocratiche aggiuntive necessarie ai camion per entrare in Europa e mantenere in movimento le merci.

Ma giovedì il governo ha revocato i requisiti di quarantena di viaggio per i britannici completamente vaccinati, il che potrebbe aumentare il numero di veicoli che potrebbero atterrare nel porto sud-occidentale durante le vacanze estive.

Il boom commerciale pre-Brexit ha portato a lunghe code per 20 miglia, ma il CEO del porto di Dover, Doug Bannister, ha dichiarato a Reuters che dopo che il Regno Unito ha finalmente lasciato il blocco commerciale dell’UE, il sito ha finora completato con successo la transizione all’ispezione doganale completa 2020.

“Questo perché non abbiamo visto la domanda di turisti dalle nostre strutture, come di solito ci aspettiamo”, ha detto in una giornata di sole quando un traghetto stava salpando per Calais.

“Il tempo di transazione sarà più lungo e l’elaborazione sarà maggiore”, ha detto Bannister. Se le autovetture torneranno rapidamente a Dover, nel 2019, verranno utilizzati circa 2,4 milioni di camion, 2 milioni di autobus e 74.000 autobus a lunga percorrenza. Buddha.

Il ministro dei trasporti britannico Grant Sharps ha affermato che il nuovo controllo dello stato di vaccinazione potrebbe anche portare a code negli aeroporti e nei porti, comprese le trafficate rotte attraverso lo stretto.

punto di rottura

L’industria britannica ha avvertito prima della Brexit che la catena di approvvigionamento potrebbe essere tesa sull’orlo del collasso. La Brexit comporterà il ritiro della Gran Bretagna dal mercato unico e dall’unione doganale dell’Unione europea.

Anche il governo ha affermato che se i documenti non vengono compilati correttamente, circa 7.000 camion potrebbero essere ritirati da Dover.

Al contrario, la corsa all’accaparramento di merci nel paese a dicembre ha comportato un calo del volume degli scambi a gennaio e ha permesso ai produttori e ai gruppi logistici di adattarsi alle nuove richieste.

Dover si trova a sole 21 miglia dalla costa francese e ha richiesto 33 milioni di sterline di fondi al governo per adeguare il porto in risposta alle ulteriori ispezioni di cui ha bisogno, ma la domanda è stata respinta.

Ora chiede di nuovo. Ha affermato che era necessario migliorare le capacità di controllo dei passaporti, riorganizzare alcune rotte del traffico e rendere più facile per i camion con documenti errati lasciare luoghi stretti tra le bianche scogliere di Dover e il mare.

Inoltre, Dover non sa quali modifiche debbano essere apportate prima dell’introduzione del nuovo programma di sicurezza dell’UE, del sistema di immigrazione e, se del caso, il programma raccoglie dati sulla circolazione delle persone.

“Ci occupiamo di scambi per un valore di 122 miliardi di sterline (168 miliardi di dollari USA) ogni anno, il che è molto importante”, ha affermato Bannister. “Ora, se questa situazione inizia a diminuire, si farà sentire in tutte le parti del Regno Unito”.

“Se i soldi non sono a posto, allora dobbiamo prendere alcune decisioni difficili”.

Bannister ha affermato che è logico che il governo fornisca finanziamenti per la ricostruzione, perché l’aumento delle ispezioni doganali fa parte dell’accordo sulla Brexit che ha negoziato. Ha detto che “il meccanismo di finanziamento alternativo del governo” è ora necessario.

Il governo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Ha fornito fondi all’area locale e ha istituito un centro di sdoganamento lontano dal porto di Dover.

(1 USD = 0,7256 sterline)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *