Fonti hanno affermato che i comandanti iraniani hanno sollecitato un’escalation delle forze armate statunitensi in una riunione in Iraq

[ad_1]

3/3

© Reuters. File photo: Un muro di esplosione nel dormitorio dei soldati americani è stato visto alla base dell’aeronautica di Ain al-Asad nella provincia di Anbar, Iraq, 13 gennaio 2020. REUTERS/John Davison/Foto d’archivio

2/3

(Ripristinare la parola “a” soppressa al paragrafo 11)

Baghdad (Reuters)-Tre fonti della milizia e due fonti della sicurezza irachene che hanno familiarità con il raduno hanno affermato che in un incontro a Baghdad la scorsa settimana, un alto comandante della Guardia rivoluzionaria iraniana ha esortato la milizia sciita irachena a intensificare gli attacchi contro obiettivi americani.

Dopo che la delegazione iraniana guidata dal capo dei servizi segreti delle Guardie rivoluzionarie, Hussein Taib, ha effettuato attacchi aerei mortali contro le milizie sostenute dall’Iran al confine tra Siria e Iraq il 27 giugno, le truppe statunitensi in Iraq e Siria sono state ripetutamente attaccate.

Tre fonti della milizia che hanno ascoltato il briefing dell’incontro hanno affermato che, pur incoraggiando ritorsioni, gli iraniani hanno consigliato agli iracheni di non spingersi troppo oltre per evitare che la situazione degenerasse.

Tuttavia, secondo una delle tre fonti della milizia, un alto comandante della milizia locale che ha ascoltato il briefing dell’incontro, gli iraniani hanno raccomandato di espandere la portata dei loro attacchi e di vendicarsi contro le truppe statunitensi di stanza in Siria.

Al momento dell’epidemia, i principali disaccordi gettano un’ombra sugli sforzi diplomatici per ripristinare l’accordo nucleare iraniano del 2015, abbandonato dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ma l’Iran spera di ripristinare l’accordo per consentirgli di riprendere le principali esportazioni di petrolio.

Un alto funzionario della zona ha ascoltato un briefing delle autorità iraniane sulla visita a Taib, affermando che durante la visita Taib ha incontrato diversi capi delle milizie irachene e ha comunicato loro “ciò che il capo supremo ha comunicato loro. Il messaggio è continuare a esercitare pressioni sulle truppe statunitensi di stanza in Iraq prima che lascino l’Iraq”. la zona”.

Dopo gli attacchi aerei statunitensi, gli attacchi alle truppe e al personale o alle basi statunitensi si sono intensificati in Iraq e si sono estesi alla Siria orientale.

Il ministero degli Esteri iraniano non ha risposto immediatamente alle domande sollevate da Reuters in merito a questo articolo e i funzionari dell’Ufficio per le pubbliche relazioni delle Guardie rivoluzionarie iraniane non hanno immediatamente commentato.

L’inviato iraniano delle Nazioni Unite questo mese ha negato le accuse degli Stati Uniti secondo cui Teheran avrebbe sostenuto gli attacchi contro le truppe statunitensi in Iraq e Siria e ha condannato gli attacchi aerei statunitensi contro i militanti sostenuti dall’Iran.

Il governo iracheno o l’ufficio del primo ministro non hanno risposto immediatamente alle domande sull’incontro.

Per la delicatezza dell’argomento, la fonte intervistata da Reuters non ha voluto essere nominata.

Confronto USA-Iraq

Essendo il più grande paese a maggioranza sciita nel mondo arabo, l’Iraq è stato il palcoscenico per il confronto tra Stati Uniti e Iran da quando l’invasione guidata dagli Stati Uniti del 2003 ha rovesciato il leader sunnita Saddam Hussein.

Le milizie sciite hanno lanciato una campagna continua e sempre più complessa contro le forze armate statunitensi che, dopo il ritiro delle forze armate statunitensi nel 2011, ha guidato una coalizione che combatteva il gruppo dello Stato islamico in Iraq nel 2014.

Tuttavia, dopo gli attacchi aerei degli Stati Uniti, c’è stato un aumento degli attacchi, compresi i droni carichi di esplosivo.La milizia alleata con l’Iran ha affermato che gli attacchi aerei degli Stati Uniti hanno ucciso quattro dei suoi membri.

Due fonti di sicurezza irachene vicine alle attività e alle operazioni di queste organizzazioni hanno affermato che gli iraniani hanno consegnato le fotografie aeree delle posizioni statunitensi nella Siria orientale ai loro alleati iracheni durante l’incontro del 5 luglio.

Il Pentagono ha espresso la sua profonda preoccupazione per questi attacchi, compreso l’attacco missilistico alla base aeronautica di Al Ain Assad il 7 luglio, che ha ferito due soldati statunitensi.

In qualità di alto funzionario della guardia, Taib è un sacerdote sciita di medio livello che è considerato dagli addetti ai lavori e dagli analisti politici iraniani come vicino al leader supremo Ayatollah Ali Khamenei.

Alti funzionari della regione hanno affermato che dopo che il generale di brigata Esmail Ghaani, che è stato nominato capo della brigata Quds, il ramo di spedizione delle guardie, ha visitato l’Iraq lo scorso anno, Khamenei aveva inviato Taib in Iraq, ma non è riuscito a peggiorare la situazione.

Un funzionario del governo iracheno ha dichiarato che l’Iran sembra stia cercando di usare i suoi alleati in Iraq per esercitare pressioni sull’accordo nucleare, in base al quale gli Stati Uniti solleveranno severe sanzioni in cambio di restrizioni sulle attività nucleari dell’Iran.

Un alto diplomatico iraniano ha affermato che la visita di Taib a Baghdad ha dimostrato che dopo l’uccisione del generale Qassem Soleimani, ex comandante della brigata Quds, in un attacco di droni statunitensi in Iraq all’inizio dello scorso anno, Khamenei era direttamente coinvolto negli affari iracheni.

Un portavoce di una delle milizie sostenute dall’Iran durante l’attacco aereo statunitense del mese scorso ha confermato che l’ultimo attacco è stato effettuato dalla Resistenza islamica in Iraq, riferendosi all’organizzazione sciita sostenuta dall’Iran.

Il portavoce della fazione di Kataib Sayyed al-Shuhada, Kadhim al-Fartousi, ha dichiarato a Reuters: “L’escalation militare contro l’esercito americano continuerà fino a quando tutte le truppe da combattimento non lasceranno l’Iraq”.

Saad al-Saadi, un alto funzionario dell’ufficio politico dell’organizzazione Asaib Ahl al-Haq sostenuta dall’Iran, ha affermato che se gli americani continuano ad attaccare le milizie, attacchi più efficaci contro le forze armate statunitensi sono possibili ovunque in Iraq e in Siria. .

Due comandanti delle milizie locali hanno affermato che l’incontro si è tenuto nell’esclusivo quartiere Jadiriya di Baghdad, in una villa dall’altra parte del Tigri rispetto all’ambasciata degli Stati Uniti.

Iran e Stati Uniti hanno avviato negoziati indiretti a Vienna all’inizio di aprile per ripristinare l’accordo nucleare. Nessuna data è stata fissata per ulteriori colloqui e i colloqui saranno aggiornati al 20 giugno.

Alcuni funzionari occidentali e iraniani hanno affermato che i colloqui sono ancora lontani dalla conclusione a causa di disaccordi su questioni come la revoca delle sanzioni da parte degli Stati Uniti e gli impegni nucleari che l’Iran deve assumere e quando esisteranno ancora.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *