Germania e Francia promuovono il vertice Ue e Putin in fiamme

[ad_1]

Dopo che i critici hanno messo in guardia contro le “concessioni gratuite” mentre le relazioni con il Cremlino si sono deteriorate, gli sforzi di Francia e Germania per spingere i leader dell’UE a considerare di invitare il presidente russo Vladimir Putin al vertice sono falliti.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha guidato un’iniziativa questa settimana Rafforzare il dialogo con Putin, Ha ottenuto il sostegno del presidente francese Emmanuel Macron.

Ma al vertice dei leader dell’UE a Bruxelles giovedì sera, questo sforzo è stato accolto dall’opposizione. Paesi tra cui gli Stati baltici e la Polonia hanno protestato contro i piani per l’UE di riprendere il dialogo con la Russia. Anche Paesi Bassi e Svezia hanno espresso cautela.

I critici di questa mossa da parte di Germania e Francia hanno bloccato la precedente proposta di discussioni “a livello di leader” con Putin e hanno privato l’area del “contatto selettivo” con Mosca nel comunicato del vertice. Piuttosto, la conclusione è una vaga promessa di esplorare la forma e le condizioni del dialogo.

Merkel ha partecipato al suo ultimo vertice UE prima delle elezioni federali di settembre, affermando che le discussioni sull’UE non erano “facili” e che non è stato raggiunto un accordo. “Abbiamo ancora una volta determinato le condizioni in base alle quali siamo pronti a cooperare e comunicare più strettamente con la Russia. Oggi non è stato raggiunto alcun accordo sull’immediato svolgimento di una riunione della leadership”, ha detto Merkel ai giornalisti.

Il presidente della Lituania, Gitanas Nauseda, è stato uno di quelli che ha messo in guardia contro il contatto, ma non ha prima posto chiari prerequisiti affinché Mosca potesse migliorare il suo comportamento.

Prima dell’incontro, anche il primo ministro lettone Krisjanis Karins aveva messo in guardia dall’offrire troppo a Putin. “Il Cremlino non capisce che le concessioni gratuite sono un simbolo di forza”, ha detto.

Il primo ministro polacco Mateus Morawiecki ritiene che il dialogo dovrebbe svolgersi solo in caso di “reale retrocessione”.

Il primo ministro olandese Mark Rutte ha avvertito che non parteciperà al vertice con Putin e che qualsiasi incontro dovrebbe essere limitato ai presidenti della Commissione europea e del Consiglio europeo.

Berlino e Parigi hanno presentato le loro proposte mercoledì alla vigilia del vertice dei leader, il che ha fatto muovere i loro partner dell’UE con il piede sbagliato.Seguì l’iniziativa franco-tedesca L’incontro della scorsa settimana Il presidente Joe Biden e Putin hanno tenuto colloqui a Ginevra per stabilizzare il deterioramento delle relazioni USA-Russia.

Da quando Mosca ha annesso la Crimea, il vertice UE-Russia è stato sospeso. L’ultimo incontro si è tenuto tra Putin e il Presidente della Commissione Europea e del Consiglio Europeo nel gennaio 2014.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha avvertito che, date le differenze dell’UE, non è chiaro se si terrà un incontro in futuro. “Non sappiamo nemmeno se altri Stati membri dell’UE sono d’accordo con questo”, ha detto.

In un discorso al Bundestag prima della riunione di Bruxelles, la Merkel ha affermato che l’UE dovrebbe cercare un “contatto diretto” con la Russia come ha fatto Biden. “Quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato con il presidente russo, non è stato sufficiente. Accolgo con favore questo, ma l’UE deve anche creare una forma di dialogo. Altrimenti, non saremo in grado di risolvere il conflitto”, ha avvertito.

Macron ha dichiarato di sperare in un dialogo “impegnativo e ambizioso” con la Russia basato sul coordinamento e sulla solidarietà europea e insiste sul fatto che l’UE non può mantenere una reazione pura quando si tratta di Putin.

L’intervento dei due maggiori paesi dell’UE ha causato divergenze tra i leader che hanno trascorso diverse ore con hours Victor Orban Più che diritti LGBTI+. Un diplomatico ha affermato che le strategie di Parigi e Berlino erano ampiamente considerate “sbagliate”.

Ma i difensori dell’iniziativa franco-tedesca hanno indicato contenuti più rigorosi nel loro testo proposto, promettendo di cercare una “risposta ferma e coordinata” a qualsiasi ulteriore “attività dannosa, illegale e distruttiva” in Russia. Questo linguaggio ne ha fatto la conclusione finale del vertice.

Il leader ha anche accettato di studiare Sanzioni economiche Come parte dell’arsenale dell’Unione europea quando si tratta con la Russia.

Ma la conclusione finale ha ridotto il lungo elenco di aree precedentemente designate per il “contatto selettivo” con il Cremlino a Berlino e Parigi. Il testo finale ha eliminato i riferimenti alla cooperazione artica, alla politica spaziale e alla lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata.

Newsletter Euro Express

Registrati qui Ricevi Europe Express, una guida importante per capire cosa sta succedendo in Europa, inviata direttamente nella tua casella di posta ogni giorno lavorativo

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *