GlaxoSmithKline e accordo di biotecnologia degli Stati Uniti per concludere il trattamento del cancro

[ad_1]

GlaxoSmithKline ha accettato di pagare fino a 2,1 miliardi di dollari a un’azienda biotecnologica statunitense per collaborare al trattamento del cancro nei primi studi, mentre il produttore farmaceutico britannico cerca di sostenere una pipeline di farmaci che è stata criticata dagli investitori.

Il gruppo farmaceutico britannico pagherà 625 milioni di dollari in anticipo alla società di biotecnologia di Boston iTeos Therapeutics per uno studio di fase 2 sui tumori solidi avanzati per la cooperazione con la terapia anticorpale, chiamato EOS-448. In caso di successo, iTeos riceverà anche pagamenti per milestone e royalty per le vendite al di fuori degli Stati Uniti.

Il dottor Hal Barron, direttore scientifico di GlaxoSmithKline, ha affermato che l’immuno-oncologia, la scienza che utilizza il sistema immunitario del paziente per curare i tumori, ha “cambiato il trattamento del cancro”. Tuttavia, ha aggiunto che meno del 30% delle persone risponde al farmaco principale della categoria (chiamati inibitori del checkpoint).

Dopo l’accordo con iTeos, GlaxoSmithKline Sarà l’unica azienda ad avere anticorpi contro tre checkpoint conosciuti, ognuno dei quali può spegnere il sistema immunitario e impedirgli di combattere il cancro. Il team prevede di combinarli con il Jemperli recentemente approvato, che potrebbe creare modi più efficaci per trattare molti tipi di cancro. GSK inizierà a studiare queste combinazioni il prossimo anno.

“Siamo molto felici di lavorare con il team di iTeos e insieme possiamo svolgere un ruolo di primo piano nella prossima generazione di terapie immuno-oncologiche”, ha affermato Barron.

L’accordo arriva mentre GlaxoSmithKline si prepara a delineare i piani futuri del suo gruppo la prossima settimana Affari per la salute dei consumatori Spalato nel 2022. L’amministratore delegato Emma Walmsley è sotto pressione affinché gli azionisti si preoccupino del futuro del farmaco. L’hedge fund americano Elliott Management detiene già miliardi di sterline nella società e sta guidando il cambiamento.

All’Investor Day del 23 giugno, il produttore di farmaci prevede di concentrarsi sugli investimenti in ricerca e sviluppo nella scienza del sistema immunitario, che ritiene sia una migliore integrazione, piuttosto che una scissione, come hanno affermato alcuni analisti. —— La sua attività di medicina e vaccini.

Dopo che il suo predecessore Sir Andrew Witty ha venduto i suoi prodotti nella regione a Novartis nel 2015, Walmsley sta ricostruendo l’attività oncologica di GSK. L’azienda ha attualmente 16 asset oncologici, inclusi tre farmaci sul mercato, che rappresentano circa un quarto della sua linea di prodotti.

GSK e iTeos condivideranno i costi globali di sviluppo di potenziali farmaci e li commercializzeranno congiuntamente. Eventuali profitti negli Stati Uniti saranno divisi equamente.

Michel Detheux, CEO di iTeos, ha dichiarato che l’azienda ha scelto di lavorare con GlaxoSmithKline per le sue “capacità commerciali, esperienza in immuno-oncologia e impegno nell’investire in trattamenti in rapida evoluzione”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *