GlaxoSmithKline prevede di costruire un grande centro di biotecnologia che creerà fino a 5.000 posti di lavoro

[ad_1]

GlaxoSmithKline prevede di costruire uno dei più grandi parchi biotecnologici d’Europa, creando fino a 5.000 posti di lavoro nel Regno Unito e attirando 400 milioni di sterline di investimenti privati.

Il gruppo farmaceutico venderà i suoi 33 acri di terreno a Stevenage, nell’Hertfordshire, per raccogliere fondi da investitori privati ​​e trasformarlo in un parco di scienze biologiche.

La società ha dichiarato che l’obiettivo della joint venture è creare fino a 5.000 posti di lavoro nei prossimi 5-10 anni.

GlaxoSmithKline prevede di selezionare un partner di sviluppo quest’anno, iniziare i lavori nel 2022 e rinnovare il sito di ricerca e sviluppo di 92 acri dell’azienda.

“Il nostro obiettivo è rendere Stevenage la destinazione numero uno per la medicina e la ricerca scientifica entro la fine di questo decennio”, ha affermato Tony Wood, vicepresidente senior della scienza e della tecnologia medica presso GlaxoSmithKline.

“Gli ultimi 18 mesi hanno dimostrato che l’industria delle scienze della vita nel Regno Unito è al suo meglio”, ha aggiunto, osservando che il paese ha sviluppato una visione di 10 anni per il suo settore delle scienze della vita.

Questo investimento arriva mentre GlaxoSmithKline si prepara a scorporare il suo dipartimento per la salute dei consumatori, lasciando un’attività snella focalizzata su farmaci e vaccini. “New GlaxoSmithKline” sta cercando di trasformare la sua pipeline di farmaci investendo pesantemente in ricerca e sviluppo.

Ma lo spin-off ha anche sollevato dubbi sul fatto che il gruppo potesse diventare un obiettivo di acquisizione da parte di acquirenti stranieri, il che potrebbe preoccupare alcuni politici che hanno spinto il Regno Unito a diventare un centro di investimento per le scienze della vita dopo la Brexit.

Il governo britannico questo mese ha annunciato la sua strategia decennale per investire nelle scienze della vita, sperando di accelerare lo sviluppo di trattamenti per malattie come la demenza, nonché nuove immunoterapie come i vaccini contro il cancro.

Poiché gli immobili commerciali sono in difficoltà a causa del blocco e preoccupati che molti lavoratori non torneranno in ufficio a tempo pieno, alcuni proprietari sono stati desiderosi di investire nei parchi delle scienze della vita a causa dell’aumento degli investimenti nel settore durante la pandemia.

Secondo i dati della società di consulenza Bidwells, nel 2020 gli investimenti nel settore delle scienze della vita nel “Triangolo d’oro” di Londra, Oxford e Cambridge raggiungeranno la cifra record di 2,4 miliardi di sterline.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *