Gli ansiosi afghani britannici esprimono dubbi sul piano di reinsediamento britannico

[ad_1]

Quando i talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan all’inizio di questo mese, Najmudin Saqeb ha deciso di salvare la sua famiglia. Saqeb, 38 anni, cittadino britannico nato in Afghanistan e residente a Harrow, a nord-ovest di Londra, sembrava preoccupato quando parlava della sicurezza di suo fratello e delle sue due sorelle.

Tuttavia, nonostante la promessa del governo del Regno Unito il 18 agosto Piano di reinsediamento Saqeb ha detto di non aver trovato un modo per aiutare i suoi fratelli e sorelle in pericolo a fuggire fino a 20mila afgani che verranno portati nel Regno Unito. La sua rabbia si è diffusa ampiamente negli uffici dell’organizzazione comunitaria dell’Afghanistan e dell’Asia centrale (ACAA) a Feltham, a ovest di Londra.

Come il restante esercito e diplomatico britannico Ritorno in Inghilterra Domenica mattina – l’evacuazione di 15.000 cittadini afgani britannici e vulnerabili da Kabul nelle ultime due settimane è terminata – l’attenzione ora si sposta sul piano del governo di reinsediare fino a 8.000 cittadini afgani.

Il sottosegretario agli Interni, Victoria Atkins, è responsabile di un programma chiamato Operation Warm Welcome, che mira a garantire che le persone in arrivo ricevano sostegno in materia di alloggi, assistenza sanitaria e istruzione.

Il piano creerà un portale centrale in cui individui, organizzazioni e aziende possono fornire supporto e donare oggetti come vestiti e giocattoli. Saranno inoltre forniti corsi di lingua inglese gratuiti.

Il piano di reinsediamento afghano alla fine accetterà fino a 20.000 persone nel primo anno, 5.000 delle quali, ha affermato il ministro degli Interni Priti Patel, questo numero è il numero più grande che il Regno Unito può ospitare contemporaneamente. Il piano è separato e complementare all’Afghanistan Relocation and Assistance Policy (Arap), che prevede il ricollocamento prioritario per gli afgani che lavorano nelle agenzie governative britanniche considerate gravemente minacciate dai talebani.

Ma le osservazioni di Saqeb al Financial Times durante la sua visita all’ACAA la scorsa settimana riflettevano diffusi dubbi sull’adeguatezza degli sforzi di reinsediamento britannici da parte di gruppi della comunità afghana, attivisti dell’immigrazione e avvocati.

Personale dell’ufficio londinese dell’Afghanistan and Central Asian Association © Anna Gordon/FT

Gli afgani che vivono nel Regno Unito hanno affermato che il numero di programmi di reinsediamento è molto al di sotto delle potenziali esigenze dei parenti stretti nella comunità afghana britannica, che conta almeno 100.000 persone.

“Il ministero dell’Interno attualmente non sta aiutando affatto”, ha detto Saqeb. “I miei avvocati dicono che non possono fare nulla perché non sanno cosa fare”.

Chetal Patel, un avvocato specializzato in immigrazione presso Bates Wells, uno studio legale cittadino che fornisce consulenza alle organizzazioni afgane, ha affermato che i pochi dettagli rivelati finora indicano che è “inadatto allo scopo”.

“Dobbiamo ampliare la portata di questo piano di reinsediamento”, ha detto.

Il 26 agosto, il ministro degli Interni Priti Patel ha parlato con un rifugiato afghano arrivato all'aeroporto di Londra Heathrow con un volo di evacuazione

Il ministro degli Interni Priti Patel (secondo da sinistra) parla con i rifugiati afgani in arrivo all’aeroporto di Londra Heathrow con un volo di evacuazione il 26 agosto © Dominic Lipinski/PA

La mancanza di portata e portata del piano può incoraggiare gli afghani a utilizzare metodi segreti, come ad esempio traversata in barca Arrivando nel Regno Unito, ha avvertito Mohamed Hotak, presidente del British Afghanistan Council.

Regole dure in Nazionalità e legge sui confini Hotak ha detto che l’attuale passaggio del parlamento non fermerà i più disperati. Il disegno di legge renderebbe un reato la richiesta di protezione asilo nel Regno Unito senza permesso, con una pena massima di quattro anni di carcere.

“La situazione è al punto più alto di disperazione e disperazione”, ha detto Hotak. “Non credo che una legge del genere li fermerà”.

I ministri hanno affermato che il nuovo piano di reinsediamento si baserà su un piano simile che reinsedierà 20.000 rifugiati della guerra siriana nel Regno Unito. Non sono stati forniti ulteriori dettagli.

Il Ministero degli Interni ha dichiarato: “Il Regno Unito ha una storia orgogliosa di protezione delle persone in situazioni di pericolo di vita. Attraverso il nuovo piano di reinsediamento per i cittadini afgani, migliaia di afgani che hanno più bisogno di aiuto saranno accolti dal Regno Unito”.

Ma Mariam Baraky, una consulente per l’immigrazione che lavora per Paiwand, un’associazione di comunità afghane a Edgware, a nord-ovest di Londra, ha affermato che il piano è attualmente “solo un’idea”.

“Non c’è struttura”, ha detto. “Nessuna politica, nessuna informazione.”

Particolarmente preoccupanti sono i criteri di ammissibilità per i cittadini britannici di origine afghana a portare parenti dall’Afghanistan.

All’ACAA, Ares Ahmadzai di Hayes ha affermato di aver trascorso alcune ore a chiamare la linea di assistenza del Ministero degli Interni la scorsa settimana per cercare aiuto per le mogli e i figli dei cittadini afgani che soggiornano a Kabul. , Ma senza successo.

La sua famiglia non poteva prendere il volo che il governo britannico ha evacuato da Kabul. Sebbene avesse richiesto un visto per loro presso l’Alta Commissione britannica a Islamabad, in Pakistan, nessuno gli ha detto se il visto era stato approvato.

“Voglio solo avere un aiuto”, ha detto del motivo della sua visita all’ACAA.

Ares Ahmedzai

Ares Ahmedzai ha detto che la sua famiglia in Afghanistan non poteva prendere il volo che il governo britannico ha evacuato da Kabul © Anna Gordon/FT

Patel di Bateswells ha affermato di aver visto e-mail in cui si affermava che i responsabili dei casi del Ministero degli Interni avrebbero preso in considerazione solo i familiari diretti dei cittadini britannici per il reinsediamento, non i genitori, i fratelli e gli altri parenti. Gli avvocati dell’immigrazione hanno sottolineato che ciò non è coerente con l’importanza delle famiglie estese per molti afghani.

Shabnam Nasimi, capo degli Amici del Partito Conservatore in Afghanistan e membro del Segretariato dell’ACAA, ha affermato che il Regno Unito attualmente non intende estendere la protezione alle persone più vulnerabili ai talebani.

Sebbene alcuni partecipanti abbiano chiesto regole più chiare per specificare quale tipo di protezione il piano di reinsediamento fornirà ai sikh e ad altre minoranze religiose in Afghanistan. Hazara musulmani sciiti, Nasimi ha espresso particolare attenzione agli artisti creativi.

“Musicisti e artisti sono diventati bersagli dei talebani e dicono loro: ‘Ti stiamo cercando'”, ha detto.

Sabah South Nasimi

Shabnam Nasimi ha dichiarato che il Regno Unito attualmente non intende estendere la protezione ad alcune delle persone più minacciate dai talebani, compresi gli artisti © Anna Gordon/FT

Una donna della linea ACAA ha detto di essere preoccupata per suo padre e i suoi fratelli. Ha spiegato che suo padre era un consigliere dell’ex governo afghano: da quando i talebani sono subentrati, si è sempre sentito incapace di lasciare la sua casa a Kabul, mentre i suoi fratelli si sono chiusi in una stanza della loro casa per evitare i talebani. Famiglia.

Si preoccupa che se non agisce rapidamente, qualsiasi aiuto sarà troppo tardi.

“Sono fiducioso, ma [a rescue] Deve succedere il prima possibile perché non possono chiudersi in casa per sempre”, ha detto. “Ho paura. “

Tuttavia, Nasimi ha affermato che il “rischio imminente” affrontato da queste persone è in netto contrasto con il previsto ritmo di reinsediamento.

“Se tutti quelli sulla lista delle priorità muoiono in pochi mesi, qual è lo scopo del piano?”, ha detto. “Non credo che capisca le realtà politiche e militari”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *