Gli azionisti votano per rimuovere il presidente del consiglio di amministrazione di Toshiba, una grande vittoria nella governance giapponese Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: il logo di Toshiba è stato visto nella fabbrica dell’azienda a Kawasaki, in Giappone, il 13 febbraio 2017. REUTERS/Issei Kato

2/2

Autore: Yamazaki Makiko

TOKYO (Reuters)-Gli azionisti di Toshiba (OTC:) Corp in crisi hanno votato venerdì per la rimozione del presidente del consiglio di amministrazione e di un altro direttore. Questa è una forte condanna della società perché è stata trovata collusione con il governo per sopprimere gli investimenti esteri Gli interessi del proprietario.

Per molti, i risultati dell’assemblea annuale degli azionisti hanno segnato un nuovo momento spartiacque nella corporate governance giapponese, dopo che gli azionisti radicali di Toshiba hanno vinto un’indagine sulle accuse di pressioni da parte degli investitori esteri all’inizio di quest’anno.

“Questo risultato è un segno di un cambiamento di paradigma in Giappone e incoraggerà solo gli investitori attivisti nazionali e stranieri”, ha affermato Justin Tang, capo della ricerca asiatica presso United First Partners a Singapore.

Ma i sostenitori dell’attuale ex presidente del consiglio di amministrazione, Osamu Nagayama, hanno affermato che la sua incapacità di vincere la rielezione avrebbe solo portato Toshiba ulteriormente, privando la leadership esperta del gruppo industriale che è in crisi dal 2015.

I dettagli del voto non sono stati immediatamente resi noti. Il nuovo consiglio di amministrazione si riunirà più tardi venerdì per discutere chi guiderà il nuovo consiglio.

Secondo una fonte Toshiba, il numero di voti degli investitori stranieri ha superato la precedente riunione degli azionisti della società perché lo consideravano un importante banco di prova per la corporate governance giapponese.

La fonte non era autorizzata a parlare con i media e ha rifiutato di essere nominata.

Nagayama non è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di Toshiba fino alla metà del 2020. In precedenza, si diceva che gli azionisti stranieri lo avessero fatto pressioni affinché votasse in conformità con la nomina del consiglio di amministrazione.

L’ex CEO di Chugai Pharmaceutical e Sony (NYSE:) Direttore del consiglio di amministrazione di Group Corp, è molto rispettato, il gigante dell’elettronica e l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Giappone John Roos hanno espresso il suo sostegno.

Ma i suoi critici credono che dovrebbe dimettersi e assumersi la responsabilità del boicottaggio del consiglio di risoluzione di queste accuse.

Le società di consulenza per gli azionisti Institutional Shareholder Services Inc e Glass Lewis hanno consigliato agli azionisti di non riconfermarlo, mentre 3D Investment Partners, il secondo azionista di Toshiba a Singapore con una quota del 7,2%, gli ha chiesto di dimettersi.

3D Investment ha dichiarato in una dichiarazione dopo i risultati che spera che l’assemblea generale annuale segnerà l’inizio di una nuova era per Toshiba e attende un dialogo costruttivo e continuo con il consiglio di amministrazione e il team di gestione di Toshiba.

Toshiba ha nominato 11 direttori all’assemblea generale annuale, compreso Nagayama. Anche Nobuyuki Kobayashi, membro del comitato di verifica, è stato respinto.

Dopo l’annuncio dei risultati, il titolo Toshiba ha recuperato le perdite precedenti ed è rimasto stabile. Spinto dall’acquisizione della società da parte della società di private equity CVC Capital per 20 miliardi di dollari, il prezzo delle azioni della società è aumentato di oltre due terzi quest’anno. Sebbene Toshiba abbia rifiutato l’offerta, si è impegnata a una revisione strategica.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *