Gli esportatori brasiliani chiedono 3,8 miliardi di dollari alle banche per manipolare la valuta – Rapporto Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto d’archivio: 22 ottobre 2015, vista dei container nel porto di Jaragua do Sul, Santa Catarina, Brasile. La foto è stata scattata il 22 novembre 2015. REUTERS/Paulo Prada

São Paulo (Reuters)-I maggiori esportatori brasiliani, tra cui Vale (NYSE:) e Suzano SA, hanno chiesto a 19 banche di pagare 19 miliardi di reais (3,77 miliardi di dollari) in una class action, accusandole di manipolazione dei tassi di cambio, secondo quanto riportato dai giornali Valor Economico .

Secondo il rapporto, l’AEB, l’associazione degli esportatori che ha intentato una class action, ha dichiarato che gli esportatori brasiliani hanno subito una perdita di 107,4 miliardi di reais per presunta manipolazione bancaria di valuta. Il calcolo della compensazione di AEB tiene conto del fatto che l’associazione rappresenta il 20% degli esportatori brasiliani.

Le banche partecipanti alla class action includono Itau Unibanco Holding SA, Banca Santander (MC:) Brasil SA, HSBC Bank (acquisita da Banco Bradesco SA), Citigroup (codice NYSE:) e BNP Paribas (codice OTC:).

Citi ha rifiutato di commentare, affermando che il suo comportamento era conforme. Santander ha affermato di non essere ancora a conoscenza delle azioni collettive, mentre Itau ha affermato che sfiderà queste accuse. Altre banche non hanno risposto immediatamente alla richiesta di Reuters di commentare la questione.

Il risarcimento richiesto dagli esportatori brasiliani è un altro sviluppo in uno scandalo valutario globale che ha causato alle banche globali multe per miliardi di dollari. Nel 2013 sono state segnalate per la prima volta accuse di manipolazione diffusa del mercato dei cambi a pronti.

(1 USD = 5,0437 reais)

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *