Gli indici Dow Jones e Standard & Poor’s 500 sono aumentati dopo che i rapporti di luglio hanno mostrato che l’inflazione è salita al di sotto delle aspettative

[ad_1]

L’indice Dow Jones e S&P 500 sono balzati a nuovi massimi intraday l’11 agosto perché Ufficio di statistica del lavoro (BLS) Indice dei prezzi al consumo (IPC) pubblicazione Mostra che l’aumento dei prezzi a luglio è stato inferiore al previsto. L’IPC destagionalizzato è aumentato dello 0,5% a luglio dopo essere aumentato dello 0,9% a giugno.

Indice dei prezzi al consumo di baseEscludendo la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, è aumentato dello 0,3%. Questa cifra è stata leggermente inferiore all’atteso 0,4%, rispetto allo 0,9% di giugno, riflettendo un modesto aumento dei prezzi per la maggior parte delle categorie ad eccezione di cibo ed energia.

Punti chiave

  • Il rapporto BLS mostra che l’IPC è aumentato dello 0,5% da giugno a luglio, leggermente inferiore alle previsioni degli economisti.
  • Il prezzo del cibo da asporto è aumentato dello 0,8%, il più grande aumento negli ultimi 40 anni, e il prezzo del cibo da asporto è aumentato dell’1%.
  • I prezzi delle auto usate sono aumentati dell’1,7% dopo essere aumentati di oltre il 7,3% per tre mesi consecutivi.

Il prezzo dell’energia e dei servizi energetici ha promosso l’aumento mensile complessivo del CPI, di cui il gas naturale è aumentato maggiormente con il 2,4%, seguito dai servizi a gas naturale, che è aumentato del 2,2%, e i nuovi veicoli sono aumentati dell’1,7%.


I prezzi delle auto usate si raffreddano

Dopo essere cresciuto di oltre il 7,3% ad aprile, maggio e giugno, l’indice delle auto usate è aumentato solo dello 0,2% a luglio. I prezzi delle assicurazioni auto sono diminuiti del 2,8% a luglio, uno dei pochi indicatori di declino, interrompendo il calo continuo di sei mesi. I servizi di trasporto hanno registrato il calo maggiore, con un calo dell’1,1% a luglio dopo quattro mesi consecutivi di crescita costante. Anche i prezzi dei biglietti aerei sono diminuiti, scendendo dello 0,1% dopo essere aumentati bruscamente negli ultimi mesi.

Il costo di cenare fuori dopo il più grande balzo in quattro decenni

I prezzi delle case e dei generi alimentari sono aumentati, ma in misura minore. I prezzi del cibo sono aumentati dello 0,7% e i prezzi delle case sono aumentati dello 0,4%. A giugno, cibo e alloggio sono aumentati rispettivamente dello 0,8% e dello 0,5%. La crescita del cibo fuori casa ha superato quella della spesa o del cibo a domicilio, dallo 0,7% allo 0,8%, il più grande aumento mensile del cibo fuori casa dal 1981. I pasti di servizio sono aumentati dell’1%. Nella categoria generi alimentari, cereali e prodotti da forno hanno registrato l’aumento maggiore, mentre l’indice di frutta e verdura fresca è addirittura diminuito, in calo dello 0,9% dopo l’aumento dello 0,7% di giugno.

I tassi di interesse annuali rimangono invariati rispetto ai massimi di giugno

Il tasso annuo dell’indice complessivo non è cambiato con il rilascio di luglio: l’IPC complessivo è aumentato del 5,4% su base annua, lo stesso dell’aumento di giugno, che è stato il più alto aumento su base annua da agosto 2008. Nel lungo periodo, i prezzi dell’energia e delle auto di seconda mano continuano a guidare l’aumento, con i prezzi del gas naturale in aumento del 41,8%, le auto di seconda mano in aumento del 41,7% e i servizi di utilità del gas in aumento del 19% su base annua. La maggior parte delle altre categorie sono cresciute a una cifra.

Facilità preoccupazioni

La notizia ha alleviato le preoccupazioni che la Fed potrebbe dover ridurre i suoi sforzi di stimolo economico per frenare gli aumenti dei prezzi, portando gli investitori ad acquistare azioni e vendere obbligazioni, spingendo gli indici Dow Jones e S&P 500 a registrare massimi intraday. Il presidente della Fed Jerome Powell ha insistito sul fatto che il picco di inflazione fosse di natura temporanea, ma ha affermato in una conferenza stampa a luglio che non era sicuro di quando l’inflazione avrebbe iniziato a scendere.

Segnalazione aggiuntiva di Bill McCall.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *