Gli inserzionisti maschi vincono il caso di discriminazione sessuale

[ad_1]

Aggiornamento pubblicitario

Due direttori creativi maschi di una delle principali società pubblicitarie in un discorso hanno invitato l’azienda a “cancellare” la sua reputazione di membro dello staff “bianco, britannico, privilegiato, eterosessuale” e hanno vinto una denuncia per discriminazione sessuale.

Un tribunale di tre giudici ha stabilito questo mese che J Walter Thompson di WPP ha licenziato ingiustamente Chas Bayfield e Dave Jenner, che si sono fusi con un’altra agenzia nel 2018 per formare Wunderman Thompson dopo aver sollevato preoccupazioni sul discorso sulla diversità.

I due uomini hanno affermato di essere stati discriminati e vittimizzati dopo essersi lamentati della dimostrazione della diversità dell’agenzia nel maggio 2018 e sono stati successivamente selezionati per i licenziamenti.

La società pubblicitaria afferma che Bayfield e Jenner, che hanno contribuito a progettare la famosa pubblicità di Blackcurrant Tango alla fine degli anni ’90, sono stati abbastanza selezionati nel processo di licenziamento.

Le aziende di molti settori stanno lottando per capire come promuovere la diversità, specialmente tra i dirigenti, e ridurre il divario retributivo tra i diversi generi e razze.

La sentenza del tribunale arbitrale ha sottolineato che il divario retributivo medio di genere di JWT nel 2017 era del 38,8% e un rapporto interno lo ha definito “molto deludente”.

Poco dopo, il direttore creativo Joe Wallace e il suo collega Lucas Peon hanno pronunciato un discorso che è stato descritto dal tribunale arbitrale come “non controverso, ma anche severo”.

Secondo la sentenza, si affermava che l’agenzia pubblicitaria “ha goduto della reputazione del Knightsbridge Boys Club per molti anni”.

Tuttavia, il tribunale arbitrale ha sottolineato che c’era una “contesa significativa” riguardo ad alcune diapositive utilizzate nella presentazione e nei commenti di accompagnamento. Ha sottolineato che “la reputazione che JW Thompson una volta ha vinto era piena di uomini bianchi, inglesi, privilegiati, eterosessuali ‘, e ha creato la pubblicità tradizionale online e offline ‘…deve essere eliminata”.

Bayfield ha risposto alla presentazione inviando un’e-mail a un dirigente senior dell’agenzia, esprimendo preoccupazione per il fatto che la presentazione “ha promesso di eliminare l’eterosessualità della classe media bianca”. [the agency’s] Reparto creativo. Ci sono molte persone molto preoccupate. “

I due hanno successivamente presentato una denuncia congiunta alla società, affermando di aver presentato una “reclamo efficace” contro la “discriminazione basata sul genere, la razza, la nazionalità, l’orientamento sessuale e l’età”. Due mesi dopo furono licenziati.

Bayfield ha dichiarato al Financial Times che JWT ha cercato di “portare via il gruppo che non vuoi più, allontanarlo e sostituirlo con le persone che desideri”.

Poiché la percentuale di uomini bianchi in molte aziende è troppo alta, soprattutto ai vertici, “è facile da vedere [them] È un problema, ma non puoi semplicemente licenziarli”, ha aggiunto Bayfield.

Il tribunale arbitrale ha concluso che la procedura di ricorso e la sua conclusione equivalgono a vittimizzazione. I giudici hanno dichiarato: “Ci sono stati evidenti fallimenti in questo processo e l’indagine non è stata equa e appropriata”.

Il giudice che ha emesso la sentenza, Mark Emery, ha dichiarato: “Abbiamo poi valutato se il licenziamento del ricorrente fosse dovuto al loro genere. La conclusione a cui siamo giunti è stata”.

“Un motivo per il licenziamento del ricorrente è che avrà un impatto sia in termini di numeri che in termini di prospettive di posizioni dirigenziali che possono essere ricoperte da donne”, ha aggiunto.

Wunderman Thompson ha dichiarato che avrebbe impugnato la sentenza del tribunale arbitrale, aggiungendo che “non tollera alcuna forma di discriminazione o molestia” e non ha presentato alcuna denuncia contro Wallace che “non ha partecipato al processo decisionale sul licenziamento”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *