Gli scienziati avvertono dell’aumento della frequenza di eventi meteorologici estremi

[ad_1]

Aggiornamento sui cambiamenti climatici

Secondo uno studio su questo disastro condotto da importanti meteorologi, poiché il cambiamento climatico riscalda il pianeta, le precipitazioni estreme (come le precipitazioni dopo le inondazioni in Germania e Belgio il mese scorso) diventeranno più frequenti e intense.

La ricerca della World Weather Attribution Initiative di un gruppo di esperti internazionali ha dimostrato che le precipitazioni senza precedenti hanno causato Più di 200 persone Rispetto all’era preindustriale, la probabilità che si verifichi oggi in Germania e in Belgio è da 1,2 a 9 volte superiore.

Lo studio ha aggiunto che il cambiamento climatico ha aumentato le precipitazioni nella regione del 3-19% in un giorno. L’ambito di entrambe le valutazioni è il risultato di dati storici limitati e dell’incertezza intrinseca della modellazione informatica.

“Queste inondazioni ci mostrano che anche i paesi sviluppati non sono immuni dal grave impatto del clima estremo che abbiamo visto. [which will] Mentre il cambiamento climatico peggiora”, ha affermato Frederick Otto, uno degli autori dello studio e vicedirettore dell’Istituto per il cambiamento ambientale dell’Università di Oxford.

L’impatto del cambiamento climatico causato dall’uomo sta diventando sempre più evidente. L’Europa questo mese ha stabilito la temperatura più calda di sempre. La temperatura dell’Italia ha raggiunto i 48,8 gradi Celsius. Gli incendi hanno spazzato il Mediterraneo, dalla Turchia alla Spagna, e le inondazioni hanno causato gravi danni in alcune parti del nord Europa.

Dopo le inondazioni in Germania, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo, un forte acquazzone ha causato oltre 90 mm di pioggia nelle aree intorno ai fiumi Ahr ed Erft, che è stata la più grande pioggia in un giorno nella regione.

Martin Van Alster, direttore del Centro per il clima della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa e altro autore dello studio, ha affermato che il cambiamento climatico sta “aumentando” il rischio di condizioni meteorologiche così estreme. “Se non altro, ci aspettiamo che la probabilità che ciò accada l’anno prossimo sarà maggiore rispetto a quest’anno. Possiamo aspettarci che ciò accada di nuovo”.

Segue la ricerca della WWA Rapporto delle Nazioni Unite Questo mese ha evidenziato la possibilità di un riscaldamento di 1,5°C entro il 2040. Ha concluso che gli eventi meteorologici estremi, come le inondazioni in Europa, diventeranno più frequenti e intensi con ogni frazione del riscaldamento.

Martedì la WWA ha dichiarato che se il riscaldamento raggiungerà i 2 gradi Celsius in più rispetto ai livelli preindustriali, la probabilità e l’intensità di eventi di precipitazioni estreme nell’Europa occidentale aumenteranno ulteriormente.

Il mese scorso, l’iniziativa WWA ha dichiarato che senza il cambiamento climatico causato dall’uomo, l’ondata di caldo nordamericano quest’estate sarebbe “quasi impossibile”.

I risultati dell’indagine della WWA si basano su registrazioni meteorologiche storiche e simulazioni al computer, confrontando il clima di oggi con i climi del passato.I gas serra emessi dalle attività umane hanno causato l’aumento della temperatura media globale.

Poiché le precipitazioni possono essere localizzate e variare in base al luogo e all’anno, gli scienziati hanno analizzato i dati della regione europea, che era più ampia dell’area colpita dall’alluvione di luglio.

Cosiddetto “Scienza dell’attribuzione”Il collegamento di singoli eventi estremi al cambiamento climatico è diventato sempre più popolare negli ultimi anni perché i modelli informatici rendono questo tipo di ricerca più accurato e i responsabili delle politiche cercano maggiori informazioni per aiutarli a prepararsi per il futuro.

Segui @ftclimate su Instagram

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora il rapporto del “Financial Times” del Regno Unito qui.

Sei curioso di conoscere l’impegno di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *