Gli Stati Uniti e la Russia iniziano “un lavoro difficile” dopo un vertice attivo

[ad_1]

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il suo presidente russo Vladimir Putin potrebbero avere la sensazione di fare bene quando hanno lasciato Ginevra.Turbato dalla reciproca sfiducia, il vertice dei due paesi è passato Nessun grande disaccordo E ha concordato un elenco di importanti aree di cooperazione.

Ma la Russia ha avvertito che sarà molto più difficile approfondire i dettagli e fare progressi reali.

“Questa è una sfida alla matematica diplomatica superiore”, ha affermato il viceministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov. “In questa materia, è ovviamente importante mostrare non solo volontà politica, ma anche metodi creativi”.

Putin e Biden hanno concordato di riavviare i negoziati sul controllo degli armamenti al vertice di giovedì, Stabilire discussioni bilaterali sulla sicurezza informatica Ed esplora il potenziale dello scambio di cittadini detenuti nelle rispettive carceri. In passato, nessuna delle parti ha compiuto progressi in questi settori.

“Non esiste una corrispondenza perfetta”, ha detto Ryabkov in un’intervista pubblicata venerdì dal ministero degli Affari esteri. “Se è così, allora in generale significa che tutti gli accordi sono stati raggiunti”.

“Al contrario, la nostra impressione è che il metodo americano contenga costanti molto diverse dalle nostre. Combinare questi metodi e queste due formule sarà un compito difficile”, ha detto a proposito dei negoziati sul controllo degli armamenti, aggiungendo Ha detto che le consultazioni supplementari potrebbero iniziare “entro poche settimane.”

Gli Stati Uniti si sono ritirati dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF) sotto il presidente Donald Trump, che vietava i missili terrestri con una gittata di 500-5500 chilometri e si rifiutava di negoziare un accordo alternativo che non includesse la Cina.

Allo stesso tempo, Washington ha accusato la Russia di ordinare, supportare o favorire attacchi informatici a società, agenzie governative e infrastrutture statunitensi. Mosca ha respinto queste affermazioni e ha affermato di essere stata anche vittima continua di attacchi di hacking.

Sebbene Putin e Biden abbiano confermato che continueranno il dialogo tra l’esercito in Siria, si sono comunque opposti direttamente Mosca sostiene il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko E il conflitto in corso in Ucraina.

Biden ha detto che il test sarà se i negoziati faranno progressi nei prossimi tre-sei mesi, ma ha espresso il suo scetticismo sui compiti futuri ai giornalisti dopo il vertice: “Quando ho detto che ero fiducioso?”

I loro comunicati stampa separati consentiranno ai due leader di scambiarsi complimenti professionali, ribadendo le loro lamentele di vecchia data.

Biden ha condannato il trattamento riservato dalla Russia all’attivista dell’opposizione Alexei Navalny e ha avvertito “Conseguenze devastanti“Per Mosca, se è morto in prigione, ha anche criticato il Cremlino per aver molestato i media stranieri.

Putin aveva precedentemente confrontato la detenzione di Navalny con quelli accusati di aver partecipato alle rivolte del Campidoglio degli Stati Uniti a gennaio e ha citato la struttura di detenzione statunitense a Guantanamo Bay per accusare Biden di ipocrisia sulle questioni dei diritti umani.

Ma l’atteggiamento generale delle due parti ha mostrato che i colloqui hanno almeno impedito che la spirale delle relazioni tra i due paesi raggiungesse il punto più basso dopo la Guerra Fredda.

“Abbiamo avvertito fin dall’inizio di non avere aspettative troppo alte per questo vertice. Ma ora possiamo dire che, prima di tutto, in base all’opinione dello stesso presidente, si può dire che questo sia abbastanza positivo”, il portavoce di Putin Dmitry Pace Cove ha detto venerdì mattina.

“I due leader hanno l’opportunità di mostrare direttamente le loro posizioni e capire più o meno dove possono interagire e dove sono temporaneamente impossibilitati a interagire a causa delle loro differenze assolute”.

Per aiutare le due parti a tradurre l’accordo presidenziale in risultati tangibili, è previsto che nei prossimi giorni tornino al loro posto gli ambasciatori dei due Paesi, assenti per diversi mesi dopo aver deciso di lasciarli tornare a casa per consultazioni.

Ma Peskov ha messo in guardia dal fare rapidi progressi. Ha affermato che non è stato raggiunto alcun accordo specifico sulla sicurezza informatica e che non c’era “nessuna scadenza” per eventuali scambi di prigionieri.

“Ci sono discussioni quadro a livello statale, e poi inizierà un lavoro molto, molto difficile”, ha detto, riferendosi allo scambio di prigionieri. “Devi sederti e parlare del livello di lavoro. In effetti, tutte le altre questioni sono le stesse”.

Un alto funzionario dell’amministrazione Biden ha affermato che lo scopo del vertice è iniettare stabilità e prevedibilità nelle relazioni tra i due paesi, mantenendo basse le aspettative.

“[W]Il funzionario ha detto ai giornalisti dopo il vertice. “Questo sarà un processo in corso e il test finale è se ci sono risultati effettivi”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *