Gli Stati Uniti segnalano una forte crescita dell’occupazione, una forte crescita dei salari Reuters

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: L’8 maggio 2020, in una strada a Miami, Florida, USA, è possibile vedere un annuncio pubblicitario per l’autolavaggio della toilette con un cartello di “assunzione”. REUTERS/Marco Bello/File Photo

Lucia Muticani

Washington (Reuters)-La crescita dell’occupazione negli Stati Uniti è forte a causa della domanda di lavoratori dei servizi ad alta intensità di lavoro. Il tasso di disoccupazione è sceso a luglio, dissipando le preoccupazioni per il rallentamento delle assunzioni e lasciando intendere che l’economia sta guadagnando slancio all’inizio della seconda metà dell’anno .

Il rapporto sull’occupazione seguito da vicino dal Dipartimento del Lavoro venerdì ha mostrato anche una forte crescita dei salari poiché i datori di lavoro hanno gareggiato per i lavoratori scarsi e il tasso di disoccupazione è sceso al minimo di 16 mesi. Il rapporto è stato pubblicato dopo l’annuncio della scorsa settimana che l’economia si è completamente ripresa nel secondo trimestre dal forte calo della produzione durante la brevissima recessione pandemica.

Il numero di occupati non agricoli è aumentato di 943.000 il mese scorso dopo un aumento di 938.000 a giugno. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano in precedenza un aumento dell’occupazione di 870.000 unità. Le stime vanno da un minimo di 350.000 a un massimo di 1,6 milioni. Il numero di occupati è di 5,7 milioni al di sotto del picco di febbraio 2020.

Poiché la pandemia di COVID-19 ha portato a cambiamenti stagionali dell’occupazione nelle scuole, la crescita dell’occupazione è stata parzialmente lusingata.

“A causa della forte domanda repressa e delle società di servizi ad alta intensità di lavoro che continuano ad assumere, le condizioni del mercato del lavoro all’inizio del terzo trimestre sembrano essere sane”, ha affermato l’economista senior Sam Brad. banca FuGuo (Borsa di New York:) A Charlotte, Carolina del Nord.

Prima della pandemia, l’occupazione nell’istruzione di solito perdeva circa 1 milione di posti di lavoro a luglio a causa della chiusura delle scuole, ma quest’anno molti studenti stanno recuperando terreno nelle scuole estive a causa dell’interruzione causata dalla pandemia. Ciò potrebbe abbandonare il modello oi fattori stagionali che il governo utilizza per rimuovere le fluttuazioni stagionali dai dati, aumentando così l’occupazione.

Il mese scorso, il numero di impieghi governativi è aumentato di 240.000 e il numero di impieghi nell’istruzione del governo locale è aumentato di 221.000. Il Labor Statistics Bureau del Dipartimento del Lavoro, che ha compilato il rapporto sull’occupazione, ha dichiarato che “le fluttuazioni del personale educativo legate alla pandemia distorcono il normale aumento stagionale e i modelli di licenziamento e possono contribuire alla crescita dell’occupazione a luglio”.

Il numero di dipendenti nel settore del tempo libero e dell’ospitalità è aumentato di 380.000 e il numero di dipendenti nei ristoranti e nei bar è aumentato di 253.000. Anche le assunzioni nei settori dei servizi professionali e aziendali, dei trasporti e del magazzinaggio e della sanità sono forti. I posti di lavoro nel settore manifatturiero sono aumentati di 27.000, mentre i posti di lavoro nell’edilizia sono rimbalzati di 11.000.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 5,4% dal 5,9% di giugno, il livello più basso da marzo 2020. Anche se 261.000 persone sono entrate nel mercato del lavoro, il tasso di partecipazione è salito al 61,7% dal 61,6% di giugno, ma è diminuito. Tuttavia, il tasso di disoccupazione continua a essere sottovalutato perché le persone si classificano erroneamente come “ha un lavoro ma non un lavoro”. Senza questa errata classificazione, il tasso di disoccupazione a luglio sarebbe stato del 5,7%.

Dopo la pubblicazione del rapporto, le azioni statunitensi hanno aperto nettamente in rialzo. Il dollaro è salito contro un paniere di valute. Il prezzo dei titoli del Tesoro USA è sceso.

(Grafica: versione Unemployment-Work-Flat JPG-https://graphics.reuters.com/USA-ECONOMY-UNEMPLOYMENT/0100318Z2TX/usa-economy-unemployment.jpg)

Aumento salariale

La crescita economica di quest’anno dovrebbe essere intorno al 7%, che sarà il tasso di crescita più veloce dal 1984. La salute del mercato del lavoro influenzerà seriamente i prossimi passi di politica monetaria della Fed.

“I dati forti nei prossimi mesi sembrano probabilmente dare alla Fed il via libera per un annuncio anticipato di ridimensionamento alla riunione di settembre”, ha affermato James McCann, vice capo economista di Aberdeen Standard Investments a Boston.

Tuttavia, l’aumento delle infezioni da COVID-19 guidato dalla variante Delta del coronavirus rappresenta un rischio. Sebbene non si prevedano grandi interruzioni dell’attività economica, quasi la metà della popolazione è completamente vaccinata, ma il numero crescente di casi potrebbe trattenere i lavoratori a casa e ostacolare il reclutamento.

La carenza di lavoratori ha impedito ai datori di lavoro di coprire un record di 9,2 milioni di posti di lavoro vacanti. A causa della scarsità di lavoratori, i datori di lavoro continuano ad aumentare i salari. Spinto dalle industrie a basso salario, il mese scorso il salario orario medio è aumentato dello 0,4% e un aumento simile si è verificato a giugno. Ciò ha aumentato l’aumento dei salari su base annua dal 3,7% di giugno al 4,0%.

(Grafica: lavori per settore lavori per settore-https://graphics.reuters.com/USA-FED/INDUSTRY/qmypmdoolvr/chart.png)

Le persone incolpano la mancanza di servizi di assistenza all’infanzia a prezzi accessibili e la paura di contrarre il coronavirus come i motivi che inducono i lavoratori (principalmente donne) a rimanere a casa. Ci sono anche pensionamenti e cambiamenti di carriera legati alla pandemia.

Repubblicani e gruppi imprenditoriali danno la colpa della contrazione del lavoro all’aumento dei sussidi di disoccupazione, incluso il pagamento settimanale del governo federale di $ 300. Sebbene più di 20 stati guidati da governatori repubblicani abbiano terminato questi benefici federali prima della loro scadenza il 6 settembre, ci sono poche prove che la cessazione promuova il reclutamento.

Si prevede che quando le scuole riapriranno in autunno per l’apprendimento faccia a faccia, la carenza di lavoratori si allenterà, ma alcuni economisti non sono così ottimisti.Ritengono che l’economia stia creando molti posti di lavoro poco qualificati, e non ci sono abbastanza persone per accettare questi lavori.

Ron Hetrick, economista senior del lavoro presso Emsi Burning Glass a Mosca, ha dichiarato: “Uno dei maggiori problemi che affrontiamo attualmente è che circa i due terzi delle offerte di lavoro non richiedono un diploma universitario di alcun tipo.” , Idaho. “Abbiamo circa 6 milioni di posti vacanti che non richiedono una laurea, ma abbiamo solo 3,4 milioni di disoccupati che non hanno una laurea”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *