Gli Stati Uniti uccidono il “pianificatore” Isis dietro l’attentato all’aeroporto di Kabul

[ad_1]

Aggiornamento Afghanistan

Gli Stati Uniti hanno effettuato un attacco di droni su un “pianificatore” dell’ISIS-K nell’Afghanistan orientale. attacco fatale Giovedì all’aeroporto di Kabul, i paesi stanno facendo del loro meglio per evacuare migliaia di afgani che stanno cercando di fuggire.

Il comando centrale degli Stati Uniti ha dichiarato venerdì sera che l’esercito americano ha condotto “un’operazione antiterrorismo fuori dall’orizzonte” nella provincia di Nangarhar. “Il segnale iniziale è che abbiamo ucciso il bersaglio”, ha detto un portavoce. “Sappiamo che non ci sono state vittime civili”.

La mossa degli Stati Uniti è arrivata dopo un nuovo avvertimento emesso da alti funzionari della sicurezza degli Stati Uniti che un altro attacco terroristico potrebbe verificarsi a Kabul, solo pochi giorni prima della scadenza per il ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan martedì.

Iside-K, Il ramo afghano dell’organizzazione terroristica Isis, Ha rivendicato la responsabilità dell’attacco che questa settimana ha ucciso più di 100 civili afgani e almeno 13 militari statunitensi.

Migliaia di persone stanno ancora aspettando di essere evacuate all’aeroporto, anche se la loro speranza di andarsene sta svanendo mentre i paesi effettuano voli di evacuazione finali e i combattenti talebani rifiutano gli sfollati idonei.

Molti di loro hanno lavorato o si sono associati con forze o organizzazioni straniere Pericolo imminente Le organizzazioni umanitarie internazionali hanno dichiarato che se vengono lasciate indietro, subiranno ritorsioni da parte dei talebani.

Il capo di stato maggiore britannico Nick Carter ha dichiarato alla BBC che la Gran Bretagna completerà la sua evacuazione sabato. “Non siamo riusciti a far uscire tutti”, ha detto. “Questo è straziante. Alcuni giudizi molto impegnativi devono essere espressi sul campo”.

Il governo britannico afferma che potrebbero esserci fino a 1.100 afgani idonei a viaggiare Lasciato indietro, Anche se i legislatori dell’opposizione hanno affermato che il numero reale è molto più alto. Altri paesi, tra cui Italia, Canada e Paesi Bassi, hanno completato le operazioni di evacuazione.

La gente del posto dice che ormai pochi cittadini afgani riescono a passare attraverso i posti di blocco istituiti dai talebani per controllare l’accesso all’aeroporto, ma nonostante ci siano dei passaggi per uscire, i militanti li tengono lontani.

Giovedì, un uomo di 30 anni, sua moglie e due giovani figlie sono saliti a bordo di un autobus noleggiato per trasportare gli sfollati in Europa all’aeroporto, ma alla fine sono rimasti intrappolati nel caos dopo l’attacco terroristico per 36 ore.

“Non ci sono servizi igienici, cibo adeguato, pasti e acqua”, ha detto l’uomo. “Tutto ciò che abbiamo è condiviso l’uno con l’altro”.

Quando un combattente talebano è salito a bordo dell’autobus venerdì sera, l’autobus aveva superato il primo checkpoint talebano all’ingresso dell’aeroporto. “Ci ha chiesto: ‘Perché stai lasciando i miei fratelli? Di chi hai paura? Per favore, vai a casa, il paese ha bisogno di te”.

Possono transitare solo i cittadini stranieri sull’autobus. L’uomo e la sua famiglia stanno ora tornando a casa in attesa di un altro tentativo di evacuazione, anche se le loro speranze stanno svanendo.

Funzionari statunitensi hanno affermato che dalla fine di giugno sono state evacuate circa 114.800 persone, di cui oltre 12.000 venerdì. Ma hanno aggiunto che più di 5.000 persone stanno ancora aspettando di essere evacuate all’aeroporto di Kabul.

Ambasciata degli Stati Uniti a Kabul Ribadisce l’appello venerdì I cittadini evitano di recarsi all’aeroporto della capitale afghana e lasciano “subito” qualsiasi ingresso.

I talebani ora affermano di controllare alcuni cancelli dell’aeroporto di Kabul, anche se il Pentagono nega.

Rapporto aggiuntivo di Fazelminallah Qazizai a Kabul

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *