Google rimanderà il suo ritorno in carica fino al 2022

[ad_1]

Google(Google) Il CEO Sundar Pichai ha dichiarato in una dichiarazione che i dipendenti di tutto il mondo non saranno tenuti a tornare in ufficio almeno fino al 10 gennaio 2022. Nota per i dipendenti Martedì. (Questa politica si applica solo a Google, non alla sua società madre Alphabet, ha detto un portavoce dell’azienda).

Ha detto: “Dopo il 10 gennaio, consentiremo ai paesi e alle regioni di decidere quando terminare il lavoro volontario da casa in base alle condizioni locali. Questo varia notevolmente tra i nostri uffici”, ha aggiunto, aggiungendo che i dipendenti riceveranno “30 giorni prima di essere chiesto di tornare».

La decisione segna la seconda volta negli ultimi mesi che Google ha posticipato una piena ripresa dei lavori – aveva precedentemente promosso Da settembre a ottobre -Quanto è spiegato Bersaglio in movimento Con la diffusione della variante Delta del coronavirus, continua la riapertura.

Le grandi aziende tecnologiche che hanno preso l’iniziativa di mandare a casa i dipendenti aziendali all’inizio della pandemia sono ora più caute nel riportarli indietro.

Sia Facebook che Amazon hanno annunciato all’inizio di questo mese che non richiederanno ai dipendenti di tornare prima di gennaio e Lyft ha fissato la data al 2 febbraio. Altre società, tra cui Apple, Microsoft e Uber, stanno attualmente rispettando i loro piani di riapertura nell’ottobre di quest’anno.

Google ha cambiato più volte la sua politica, inizialmente richiedendo ai dipendenti di tornare nei loro uffici pre-pandemia almeno tre giorni alla settimana, ma Allora permetti loro Richiedi un lavoro remoto permanente o cambia sede.

Google ha dichiarato martedì che a partire dal 2 luglio circa 10.000 dipendenti hanno chiesto di cambiare sede di lavoro, di cui il 45% cerca di mantenere il lavoro a distanza per sempre e il 55% vuole cambiare ufficio. Ha aggiunto che la società ha approvato l’85% delle richieste.

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *