Gopuff taglia lo stipendio dopo aver raccolto miliardi di dollari

[ad_1]

Aggiornamento Gig Economy

Secondo un’organizzazione per i diritti dei lavoratori, meno di un mese dopo aver ricevuto 1 miliardo di dollari in capitale di rischio, l’app per le consegne Gopuff ha tagliato gli stipendi di molti dei suoi dipendenti a livelli che a volte sono inferiori al salario minimo.

Gopuff, con sede a Filadelfia, ha annunciato il suo ultimo conferimento di capitale il 30 luglio, valutato a 15 miliardi di dollari, che è più che triplicato in meno di un anno.Sono passati solo quattro mesi Raccolto 1,15 miliardi di dollari a marzoLa società ha dichiarato che intende utilizzare i soldi per espandere la propria presenza negli Stati Uniti e in Europa.

Tuttavia, gli attivisti affermano che mentre lo fanno, la startup di otto anni sta schiacciando il reddito dei suoi autisti per proteggere i magri profitti del business della “domanda immediata”, alcuni dei quali Giocatori ben finanziati La terra viene rimescolata selvaggiamente nei campi emergenti.

“A differenza di concorrenti come DoorDash e Instacart, Gopuff è sempre riuscita a mettere il loro trattamento dei lavoratori sotto il radar, fino ad ora”, ha affermato Working Washington, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Seattle.

Come i suoi concorrenti, gli autisti di Gopuff sono lavori saltuari, pagano carburante e altre spese e non c’è alcuna garanzia di orario di lavoro. Tuttavia, l’autista può scegliere di prenotare “turni” con un reddito orario minimo garantito, che varia da una località all’altra. Se il solo pagamento della commissione (di solito circa $ 3 per viaggio) non soddisfa il reddito minimo orario, Gopuff aumenterà il reddito dell’autista nei fine settimana.

Secondo i dati della Washington Work Organization, che raccoglie dati da 71 sedi Gopuff negli Stati Uniti, circa la metà dei conducenti vede diminuire la propria tariffa oraria minima garantita, che in media è di circa $ 4 all’ora.

Nel caso più estremo registrato, la tariffa minima garantita per i conducenti che operano in una sede di Gopuff a Dallas, in Texas, è scesa da $ 20 a $ 9 all’ora.

“Penso che Gopuff sia alla ricerca di modi per semplificare le operazioni e ridurre i costi”, ha affermato Brittain Ladd, consulente del settore. “E, sfortunatamente, ridurre il costo dei conducenti è solo una delle cose che stanno facendo”.

Utilizzando il benchmark del costo per miglio dell’IRS, 56 centesimi, l’organizzazione ritiene che i lavori dei conducenti siano generalmente inferiori al salario minimo. Il team ha condiviso un esempio di un turno durato quasi 9 ore durante il quale l’autista ha guidato per 113 miglia nell’area vicino a San Antonio, in Texas.

Gopuff gestisce circa 300 magazzini negli Stati Uniti, escluse le sedi ereditate dall’acquisizione del rivenditore di liquori BevMo! E Liquor Barn ha affermato che è fuorviante riferirsi al calo delle garanzie di reddito come “tagli di stipendio”.

Gopuff ha affermato che il tasso salariale precedente era un aumento salariale “temporaneo” attuato durante “cambiamenti operativi” in mercati selezionati, ma non ha elaborato. Dice che la maggior parte dei conducenti guadagna tra $ 18 e $ 22 all’ora, sebbene ciò includa i suggerimenti dei clienti.

“Data la natura in rapida evoluzione del nostro settore, adegueremo la compensazione dei nostri partner per bilanciare le mutevoli dinamiche della domanda e dell’offerta in ciascun mercato che serviamo”, ha affermato Gopuff.

Tuttavia, la maggior parte dei lavoratori intervistati da Working Washington ha dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che questi cambiamenti fossero temporanei. Il pilota dell’Ohio Bradleigh Aeh ha affermato che anche tra coloro che lo hanno fatto, “non ci sono informazioni su quanto durerà o quando finirà”.

Ha detto: “Non abbiamo tempo per occuparci dei nostri affari alla fine del rilancio. Questa è già una lotta. Sicuramente renderà la mia vita più difficile”.

Inoltre, in almeno 16 località, i tassi sono scesi al di sotto del livello prima dell’aumento “temporaneo” di Gopuff.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *