Gran Bretagna e Australia concordano un accordo di libero scambio post-Brexit

[ad_1]

Il Regno Unito e l’Australia hanno concordato i termini generali di un accordo di libero scambio, che dovrebbe diventare un modello per la politica commerciale britannica post-Brexit.

Sebbene gli agricoltori dei due paesi abbiano espresso preoccupazione per il contenuto dell’accordo, i primi ministri Boris Johnson e Scott Morrison annunceranno l’accordo in linea di principio martedì.

Gli agricoltori britannici hanno paura Le concessioni che consentono importazioni esenti da dazi e quote di carne bovina, agnello e zucchero australiani danneggeranno gravemente il settore agricolo nazionale. Sono anche preoccupati per gli standard di benessere dell’Australia, compreso l’uso di ormoni da parte di alcuni produttori di carne bovina.

Allo stesso tempo, in Australia, gli agricoltori hanno avvertito che le proposte per esentare i viaggiatori zaino in spalla britannici dal dover lavorare nelle fattorie quando si rinnovano i visti aggraveranno la carenza di manodopera e interromperanno il settore.

Johnson e Morrison negoziano Termini generali dell’accordo I funzionari hanno detto al Financial Times di cenare a Downing Street lunedì sera per fare un annuncio ufficiale.

Martedì un portavoce del ministro del Commercio australiano Dantham ha dichiarato: “I due primi ministri si sono incontrati a Londra durante la notte e hanno risolto questioni in sospeso relative all’accordo di libero scambio”.

“Il loro accordo è una vittoria per l’occupazione e le imprese [and] Libero scambio e ha sottolineato ciò che due libere democrazie possono ottenere quando cooperano. “

Se l’accordo commerciale potrà essere firmato prima della fine dell’anno, segnerà il primo accordo bilaterale su larga scala negoziato interamente dal Regno Unito da quando il Regno Unito ha lasciato l’Unione europea nel gennaio 2020. Giappone con Norvegia Basarsi sugli accordi esistenti negoziati quando il Regno Unito era membro dell’Unione europea.

Il professore associato Mark Melatos dell’Università di Sydney ha affermato che l’accordo australiano è di grande importanza per il Regno Unito, ma Spada a doppio taglio.

“Da un lato, questo dimostra che il Regno Unito può concludere un accordo commerciale bilaterale dopo la Brexit, anche con un amico molto intimo, l’Australia. Questo è importante per l’ottica politica”, ha affermato.

Informazioni sulla Brexit

Presta attenzione ai principali problemi causati dalla Brexit. Ricevi la newsletter Brexit nella tua casella di posta ogni giovedì. Registrati qui.

“D’altra parte, questo accordo costituisce un precedente per un accordo potenzialmente più complesso che il Regno Unito negozierà in seguito. Qualsiasi concessione data all’Australia ora diventerà il punto di riferimento per i futuri negoziati con gli Stati Uniti, l’Unione Europea, ecc.

Il più grande esportatore di carne bovina del paese, Australian Agricultural Corporation, prevede che Le esportazioni di carne bovina sono aumentate di dieci volte Se viene raggiunto un accordo a tariffa zero, sarà contro il Regno Unito.

Tuttavia, gli agricoltori australiani si sono opposti alla richiesta della Gran Bretagna di annullare l’obbligo per i viaggiatori zaino in spalla britannici di lavorare nelle fattorie per almeno 88 giorni al fine di estendere i visti per le vacanze lavorative.

Il ministro dell’agricoltura australiano David Littleproud ha dichiarato martedì che Canberra introdurrà un meccanismo per sostituire i circa 10.000 backpackers britannici che lavorano nel settore agricolo australiano, se richiesto dall’accordo commerciale.

Il governo stima che l’accordo di libero scambio con l’Australia aumenterà il PIL dello 0,01-0,02% entro 15 anni, ovvero tra 200 milioni e 500 milioni di sterline in più rispetto ai livelli del 2018.

Segreti commerciali

Il “Financial Times” britannico ha rivisto “Trade Secrets”, che è la sua newsletter quotidiana imperdibile sul volto mutevole del commercio internazionale e della globalizzazione.

Registrati qui Scopri quali paesi, aziende e tecnologie stanno plasmando la nuova economia globale.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *