Guadagni di JPMorgan Chase: cosa cercare

[ad_1]

Punti chiave

  • Gli analisti stimano l’utile per azione a $ 3,18, rispetto a $ 1,38 per il secondo trimestre dell’anno fiscale 2020.
  • Si prevede che i ricavi delle negoziazioni obbligazionarie diminuiranno significativamente di anno in anno.
  • Si prevede che il reddito da negoziazione di azioni diminuirà leggermente di anno in anno.
  • A causa dei bassi tassi di interesse e della bassa volatilità del mercato, le entrate a livello aziendale dovrebbero diminuire.

JP Morgan Chase Company (JP Morgan) Dopo il crollo nella prima metà del 2020 a causa della pandemia di COVID-19, gli utili sono rimbalzati negli ultimi trimestri. La banca trasferirà parte dei suoi profitti direttamente agli azionisti e prevede di aumentare il dividendo del terzo trimestre da 0,90 dollari USA per azione a 1,00 dollari USA per azione. Pochi giorni prima che JPMorgan Chase annunciasse un aumento dei dividendi, la Fed ha revocato le restrizioni sui pagamenti dei dividendi bancari e sui riacquisti annuali di azioni. Prova di stress della banca.

Gli investitori staranno a vedere se JPMorgan Chase può mantenere il suo slancio quando annuncerà i suoi guadagni del secondo trimestre fiscale 2021 il 13 luglio 2021. Gli analisti si aspettano che la pagella sia mista. Utile per azione (Utile per azione) dovrebbe crescere rapidamente, anche se notevolmente inferiore rispetto al primo trimestre di quest’anno. Ma segnali inquietanti sono che le entrate dovrebbero diminuire al ritmo più veloce in almeno 14 trimestri.

Nei risultati trimestrali, gli investitori presteranno attenzione anche al reddito di negoziazione del dipartimento di compravendita di obbligazioni e del dipartimento di compravendita di azioni di JPMorgan Chase.I proventi delle transazioni bancarie hanno beneficiato di volatilità Per la maggior parte dell’anno passato, in borsa. Ma per il secondo trimestre, gli analisti prevedono che i ricavi del trading di azioni e obbligazioni di JPMorgan Chase diminuiranno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con il trading obbligazionario che ha registrato il calo maggiore.

Le azioni di JPMorgan Chase hanno sovraperformato di gran lunga il mercato nell’ultimo anno. Ma il titolo è iniziato relativamente lentamente. Dall’estate del 2020 al novembre 2020, il prezzo delle azioni di JPMorgan Chase ha tenuto il passo con il mercato più ampio. Ma dopo le elezioni presidenziali statunitensi all’inizio di novembre e i successivi dati positivi sugli studi sui vaccini COVID-19, ha iniziato a sovraperformare il mercato. Le azioni di JPMorgan Chase hanno registrato un rendimento totale del 75,5% nell’ultimo anno, quasi il doppio del rendimento totale del 38,6% dell’S&P 500.


Fonte: TradingView.

Storia dei guadagni di JPMorgan Chase

Il prezzo delle azioni di JPMorgan Chase inizialmente è aumentato dopo aver riportato guadagni e entrate che hanno superato le aspettative degli analisti Primo trimestre dell’anno fiscale 2021L’utile per azione è aumentato del 473,8%, grazie al rilascio di 5,2 miliardi di dollari di riserve di credito. La banca aveva precedentemente accantonato i soldi per le perdite sui prestiti, ma non era riuscita a incassarli. Quando la banca ha istituito una riserva per perdite su prestiti durante la pandemia, anche l’utile per azione eccezionalmente basso della banca nello stesso periodo dello scorso anno ha contribuito alla crescita dell’utile per azione del trimestre. Le entrate nel primo trimestre dell’anno fiscale 2021 sono aumentate del 14,1%, il secondo tasso di crescita più veloce in almeno 13 trimestri. La forte performance del dipartimento di compravendita di azioni della banca ha guidato la crescita dei ricavi.

JPMorgan Chase ha anche superato l’utile per azione e le aspettative di fatturato degli analisti Quarto trimestre dell’anno fiscale 2020, Ma questi battiti non sono sufficienti per impedire che le sue azioni continuino a diminuire la prossima settimana e poi alla fine saliranno. L’utile per azione è cresciuto al tasso più rapido dal quarto trimestre dell’anno fiscale 2018, con un aumento del 46,8%. Come nel primo trimestre, anche gli utili hanno beneficiato del rilascio di riserve di credito, questa volta per 2,9 miliardi di dollari. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, i ricavi sono aumentati del 3,7%, in parte a causa della forte crescita dei ricavi da compravendita di azioni.

Gli analisti si aspettano risultati contrastanti per il secondo trimestre dell’anno fiscale 2021. L’utile per azione dovrebbe crescere del 130,0%, che sarà il secondo tasso di crescita più veloce in almeno 14 trimestri dopo l’aumento astronomico del primo trimestre. Tuttavia, si prevede che le entrate diminuiranno del 10,1%, il calo più rapido in almeno 14 trimestri. Per l’intero anno fiscale 2021, gli analisti stimano che l’utile per azione crescerà del 50,4%, che sarà il tasso di crescita più rapido in almeno cinque anni. Le entrate annuali dovrebbero diminuire dello 0,4%, che sarà il primo calo negli ultimi cinque anni.

Cifre chiave di JPMorgan Chase
Stime per il secondo trimestre (anno fiscale) del 2021 Il secondo trimestre del 2020 (anno fiscale) Secondo trimestre del 2019 (anno fiscale)
Utile per azione ($) 3.18 1.38 2.82
Reddito ($ miliardi) 29,7 33.1 28,8
Reddito da negoziazione di obbligazioni ($ miliardi) 4.2 7.3 3.7
Reddito da negoziazione di azioni ($ miliardi) 2.2 2.4 1.7

fonte: Visibile alfa

Indicatori chiave

Come accennato in precedenza, gli investitori presteranno attenzione anche al reddito da negoziazione di titoli e obbligazioni di JPMorgan Chase. La banca si riferisce a questi flussi di entrate rispettivamente come entrate del mercato a reddito fisso e entrate del mercato azionario. A causa dei tassi di interesse estremamente bassi che hanno portato a un calo del margine di interesse, JPMorgan Chase ha dovuto fare più affidamento sul proprio dipartimento commerciale per il reddito. Questi trading desk hanno beneficiato dell’aumento della volatilità causata dalla pandemia. Tuttavia, la volatilità di quest’anno si è attenuata, rendendo sempre più difficile per i trader trarre profitto dalle forti fluttuazioni dei prezzi nel mercato dei titoli.

Le entrate annuali del trading obbligazionario di JPMorgan Chase per l’anno fiscale 2020 sono aumentate del 44,8%, almeno il tasso di crescita più rapido degli ultimi quattro anni. Questo aumento è dovuto principalmente alla forte crescita nella prima metà dell’anno, poiché i ricavi da negoziazione di obbligazioni sono aumentati del 34,0% nel primo trimestre dell’anno fiscale 2020 e poi sono aumentati del 98,9% nel secondo trimestre dell’anno fiscale 2021. Questa crescita è rallentata al 29,2% e al 14,6% rispettivamente nel terzo e nel quarto trimestre. Dopo un aumento del 15,4% nel primo trimestre dell’anno fiscale 2021, gli analisti prevedono che i ricavi del trading obbligazionario della banca diminuiranno del 42,7% nel secondo trimestre dell’anno fiscale 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Questo sarà il primo calo dal primo trimestre dell’anno fiscale 2019. Per l’intero anno fiscale 2021, gli analisti prevedono che i ricavi delle negoziazioni obbligazionarie diminuiranno del 17,0%, il primo calo dall’anno fiscale 2018.

Anche le entrate annuali del trading azionario di JPMorgan Chase sono cresciute al ritmo più veloce degli ultimi quattro anni nell’anno fiscale 2020, con un aumento del 32,5% su base annua. Il più grande aumento nel secondo trimestre, il reddito da negoziazione di azioni è aumentato del 37,7%. Questa crescita è successivamente rallentata al 31,8% e al 31,9% rispettivamente nel terzo e nel quarto trimestre, ma è rimbalzata di nuovo nel primo trimestre dell’anno fiscale 2021, con un aumento del 47,0%. Tuttavia, gli analisti stimano che i ricavi del trading azionario della banca nel secondo trimestre dell’anno fiscale 2021 diminuiranno del 6,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, che sarà il primo calo dal terzo trimestre dell’anno fiscale 2019. Per l’intero anno fiscale 2021, gli analisti prevedono che i ricavi del trading di azioni aumenteranno del 7,2%.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *