Haiti affronta rabbia e disperazione una settimana dopo il terremoto, esacerbando i problemi di sicurezza Reuters

[ad_1]

6/6

© Reuters. Il 20 agosto 2021, a Les Keys, ad Haiti, i seguaci dell’ex presidente haitiano Michel Matelli combattono con la guardia del corpo di Matelli per donazioni in denaro quando se ne va dopo aver lasciato l’ospedale OFATMA. REUTERS/Ricardo Arduengo

2/6

Autori: Laura Gottesdiener e Ricardo Arduengo

Marceline, Haiti (Reuters)-Le tensioni ad Haiti si sono intensificate sabato a causa della mancanza di assistenza nelle aree remote più colpite dal devastante terremoto della scorsa settimana, che ha ucciso più di 2.000 persone nel povero paese caraibico.

Molti haitiani le cui case e mezzi di sussistenza sono stati distrutti dal terremoto di magnitudo 7.2 il 14 agosto hanno affermato di non essere nemmeno sicuri di come iniziare la ricostruzione.

Venerdì, la rabbia della gente per il tempo necessario per i soccorsi ha iniziato a ribollire e i residenti hanno attaccato il camion dei soccorsi https://www.reuters.com/world/americas/aid-struggles-reach-remote-areas-haiti-quake-zone -2021- 08-20 Diverse città nel sud degli Stati Uniti.

Dopo che l’ex presidente Michel Martelly ha visitato un ospedale di Les Cays, sono scoppiati anche degli scontri: uno dei suoi collaboratori ha lasciato lì una borsa, scatenando una feroce battaglia.

Sabato pomeriggio, dopo che una folla frustrata è diventata ostile, un’altra consegna di pasti è stata abbreviata in una chiesa vicino all’aeroporto di Les Cayes, spingendo i soccorritori a sospendere le operazioni.

Pierre Honnorat, capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite ad Haiti, ha dichiarato: “Siamo preoccupati che il deterioramento della situazione della sicurezza possa minare la nostra assistenza agli haitiani vulnerabili”.

Il bilancio ufficiale delle vittime del terremoto è stato di 2.189 e si stima che le persone disperse siano ancora 332. I residenti delle città rurali del sud stanno ancora riesumando corpi che si ritiene siano sotto le macerie.

Sabato mattina, i soccorritori haitiani e messicani hanno rimosso con cura più strati di detriti di cemento da una casa crollata a Les Cayes, alla ricerca di persone che potrebbero essere ancora vive un’intera settimana dopo il terremoto.

Venerdì sera, il team ha utilizzato un dispositivo sonar per fare un’improbabile scoperta, che mostrava possibili segni di respirazione o movimento.

“Vogliamo un miracolo”, ha detto Luis Alva, uno dei soccorritori messicani della Rescate Internacional Topos.

Decine di migliaia di case sono state distrutte e, nonostante la forte pioggia notturna, molte famiglie non hanno avuto altra scelta che dormire fuori. La stagione degli uragani nei Caraibi continua fino alla fine di novembre e il primo ministro Ariel Henry ha avvertito i residenti di affrontare più tempeste.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha dichiarato su Twitter che la USS Arlington si sta dirigendo verso Haiti, trasportando elicotteri, una squadra chirurgica e un mezzo da sbarco per assistere nei soccorsi. Molti paesi, compresi gli Stati Uniti, hanno inviato squadre di soccorso e soccorso.

L’UNICEF ha affermato che il suo primo lotto di 9,7 tonnellate di forniture mediche, idriche e igienico-sanitarie è arrivato venerdì nella capitale, Port-au-Prince, e si prevede che nei prossimi giorni arriveranno altre 30 tonnellate di forniture.

Allo stesso tempo, una squadra di ricerca e soccorso dell’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID) è partita sabato mattina da Port-au-Prince per fornire assistenza nella zona del terremoto.

Frane e danni alle autostrade hanno impedito l’accesso alle aree più colpite. I combattimenti tra bande complicano il viaggio tra Port-au-Prince e la parte meridionale del paese, dove i raccolti e l’acqua potabile sono stati distrutti. Sono stati uccisi anche alcuni animali allevati.

Funzionari e residenti nelle piccole città e nelle aree rurali continuano a contare i morti e i dispersi. Per innumerevoli altri, il terremoto ha sconvolto le loro vite in un modo più tranquillo ma più duraturo.

Venerdì, Manithe Simon, 68 anni, era in piedi davanti alla sua casa crollata a Marceline, scioccata dalla rapidità con cui la sua luna di miele si è trasformata in un incubo.

Solo pochi giorni prima del terremoto, Simon e Wisner De Rossier decisero finalmente di celebrare il loro matrimonio in una vicina chiesa battista. Stanno insieme da 44 anni e hanno cresciuto quattro figli insieme. Ora indossa un abito bianco senza maniche nella camera da letto dove ha scattato le foto del matrimonio, con petali che decorano il suo letto, sdraiata in un mucchio di macerie.

“Il nostro matrimonio è stato così bello, anche se quel giorno pioveva a dirotto”, ha detto. “Ma ora abbiamo perso tutto”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *