Hayes Tourism: l’agenzia cerca disperatamente di sopravvivere alla pandemia

[ad_1]

Quando Hays Travel ha acquisito 555 agenzie di viaggio di alto livello dal tour operator fallito Thomas Cook nel 2019, l’acquisizione è stata nella migliore delle ipotesi un approccio avventato.

7,8 milioni di sterline commercio Raddoppiato le dimensioni dell’area commerciale di Hays e aggiunto 2.300 dipendenti al libro paga dell’azienda con sede a Sunderland. Circa un terzo del patrimonio di Thomas Cook non è redditizio.

“Chi vorrebbe aprire centinaia di negozi nella loro testa quando la vacanza su Internet è in piena espansione?”, ha scritto un commentatore.

John Hays, il fondatore della compagnia britannica di 41 anni Hays Travel, ha appuntato l’articolo sul suo specchio da barba per ricordargli che i suoi avversari si sbagliavano.

Ma la portata della sfida è troppo grande anche per l’osservatore più scettico da immaginare.

Meno di sei mesi dopo che Hays ha acquisito Thomas Cook, il Regno Unito è entrato nel primo blocco di Covid, il confine internazionale è stato chiuso e tutti i negozi non essenziali sono stati costretti a chiudere.

Dopo mesi di crudeli tentativi di ridurre i costi dell’attività, l’azienda alla fine ha licenziato 503 dei suoi 6.500 dipendenti a settembre. John Hays novembre.

Prima dell’accordo con Thomas Cook, John conosceva i nomi di tutti i dipendenti dell’azienda e sua moglie, Irene, presidente di Hayes, ha descritto la sua morte come “un’enorme perdita”. Ma ha detto: “Siamo assolutamente determinati a sviluppare la società in suo nome”.

Finora, Hays sembra essere in grado di resistere meglio a questa epidemia rispetto a molti dei suoi concorrenti.

Anche con la partenza del negozio al dettaglio di 450 negozi e la partenza del suo fondatore, è sopravvissuto al Covid multi-onda che ha innescato il divieto di viaggio e i cambiamenti dell’ultimo minuto nelle linee guida del governo, senza aggiungere una libbra di debito al suo bilancio o introdurre nuovi azionisti.

È entrata nella pandemia con un patrimonio netto di 49,5 milioni di sterline e ha utilizzato tutto il possibile supporto del governo, dai tagli dei tassi di interesse aziendali alle vacanze.

Nel settembre 2019, un aereo di Condor, una filiale tedesca del gruppo di viaggi britannico Thomas Cook, è stato fotografato all’aeroporto di Dusseldorf. La transazione Thomas Cook aggiunge 2.300 dipendenti al libro paga di Hays © Ina Fassbender/AFP via Getty

Molte compagnie di resort e compagnie aeree rivali devono ricorrere alle banche o ottenere prestiti garantiti dallo stato. Diverse importanti compagnie turistiche britanniche, tra cui STA Travel e Shearings, hanno chiuso.

La storia di Hayes confonde coloro che pensano che l’agenzia di viaggi di High Street sia morta. Jane Schumm, direttore della vendita al dettaglio di Hays, ha ammesso che poco prima della pandemia globale, il numero di negozi era tre volte superiore rispetto a prima della pandemia globale, con il risultato di “un po’ di capelli grigi”, ma ha detto: “Naturalmente nessun rimpianto, di ovviamente non abbiamo rimpianti, né alcun rimpianto”.

Hays ha detto che Hays ha iniziato a “vendere gilet, pantaloni e piccoli leggings di lana” nel 1980 dietro il negozio di abbigliamento per bambini della madre di John Hays, vendendo “Butlins e Pontin e vacanze in pullman”. Le vendite nel primo anno sono state di £ 812.

Ha raggiunto una crescita organica attraverso acquisizioni.Nel 2013 ha acquisito 60 agenti Bath Travel a Bournemouth, per poi fare un’offerta per i negozi Thomas Cook nel 2019. Le vacanze speciali vanno da un barile di £ 2.000 a una nave da crociera di £ 80.000.

Irene Hays ha affermato che una volta annunciato il blocco del marzo 2020, l’agenzia “ha iniziato immediatamente a eliminare tutti i costi, cercando di ridurre ogni centesimo”.

Ai lavoratori è stato chiesto di proporre misure di risparmio sui costi, dal non bere tè e caffè al cambiare il modo in cui vengono raccolti i cambi. Hanno risparmiato all’azienda 1,8 milioni di sterline.

Hayes ha descritto la decisione di licenziare i dipendenti come “straziante”.

Ma scelte difficili aiutano a proteggere la salute finanziaria del gruppo, anche se, come altre società, le sue perdite nel 2020 aumenteranno notevolmente. Non ha ancora presentato i conti dell’anno scorso.

“Ho un finanziamento con Barclays Bank, che è un finanziamento di credito revolving per i prossimi tre anni, ma non l’abbiamo ancora toccato”, ha detto Hayes. “Siamo entrati nella pandemia con un bilancio forte perché io e John non abbiamo pagato dividendi per 11 anni e non ci siamo pagati molti soldi”.

Secondo i resoconti presentati dall’edificio della società, nel 2019 il suo direttore più pagato aveva un reddito di 224.000 sterline.

Il grafico a linee del numero di agenzie di viaggio nel Regno Unito mostra che Hays ignora il declino della strada principale

I critici del settore affermano che con l’aiuto di Irene Hays, membro del consiglio di amministrazione del Ministero della Pubblica Istruzione, l’azienda è riuscita a sopravvivere alla crisi perché il governo ha firmato un contratto per gestire un call center di monitoraggio dei contatti Covid l’anno scorso.

“Il governo avrebbe potuto dare [the contract] arrivare [trade body] Abuta. .. Così tutti possiamo avere un assaggio”, ha detto l’agente di un concorrente.

Hayes ha affermato che dopo aver ascoltato i suggerimenti dei dipendenti, l’azienda l’ha subappaltata a un’altra società. Ha aggiunto che non commenta le speculazioni sulla posizione di Irene Hays.

Hayes ha affermato di ritenere che l’azienda tragga vantaggio dall’indipendenza piuttosto che dall’essere associata alle agenzie di viaggio. “Ascoltiamo molto attentamente le esigenze dei nostri clienti e cerchiamo di abbinare la migliore vacanza che possiamo offrire con il valore più alto”, ha detto. Il gruppo incassa circa il 12% del profitto al momento della prenotazione.

Servizi estesi oltre alle vacanze di vendita: Hays fornisce operazioni di back-office per oltre 200 agenzie di viaggio indipendenti, consentendo loro di avere un maggiore potere d’acquisto in un settore altamente competitivo e ha avviato negozi in franchising nel 2014 aiutando a raggiungere un fatturato nel 2019 1 miliardo libbre.

Tuttavia, a causa dell’impatto dell’acquisizione di Thomas Cook e della chiusura dei tour operator nel settore delle vacanze nel Regno Unito, l’utile ante imposte dell’anno è sceso da 11,6 milioni di sterline nel 2018 a 3,4 milioni di sterline.

Le vendite attuali sono inferiori del 35% ai livelli del 2019, ma la società prevede che torneranno ai livelli pre-pandemia entro il 2023.

Un ciclista passa da un negozio di viaggi Hays a Canterbury, UK

La complessità della prenotazione dei viaggi può avvantaggiare Hays poiché i clienti si rivolgono alle agenzie di viaggio per un consiglio invece di prenotare online © Chris Ratcliffe/Bloomberg

L’intreccio delle attuali restrizioni di viaggio e dei requisiti di test ha causato il collasso dei dipendenti esausti nell’elaborazione del numero sempre crescente di rimborsi, ma la complessità della prenotazione dei viaggi può avvantaggiare Hays poiché i clienti si rivolgono alle agenzie di viaggio per un consiglio invece di prenotare online. I nuovi clienti di Hays sono passati da circa il 20% della sua base clienti totale nel 2019 al 50% al 55%.

Stephen Douglas (Stephen Douglas) è un nuovo cliente della filiale di Ashington di Hays. Dopo aver prenotato per molti anni di vacanza online, ha affermato che anche se la sua vacanza ai Caraibi potrebbe essere “costo extra di £ 1.000”, prenoterà di nuovo con Hays. l’agente è “eccellente”.

“Hays conosce molto bene il suo mercato di riferimento”, ha affermato Jim Tucker, amministratore delegato di Interpath Advisory, che supervisiona le vendite nel negozio di Thomas Cook. “Hanno scoperto che i loro clienti avrebbero condotto una ricerca preliminare su Internet e poi sarebbero entrati nel negozio per completare la transazione”.

I clienti prenotano più viaggi a lunga distanza, in particolare viaggi negli Stati Uniti e alle Maldive, e spendono di più. Schumm sta lavorando a un progetto per trovare lacune nella copertura del negozio Hays e ha lanciato una campagna per espandere la sua attività in franchising la scorsa settimana.

Il gruppo sta inoltre assumendo 60 persone per il suo “call center virtuale”, che prenota le vacanze per i clienti al telefono.

Hayes, che ha in programma di visitare Amazon in primavera, ha dichiarato: “Le persone potrebbero avere la memoria corta e tornare a una vacanza guidata dal prezzo, ma penso che molte persone sentano che per un acquisto così importante ed emotivo, a loro piace sapere chi hanno a che fare”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *