Hong Kong dice addio al quotidiano democratico “Apple Daily”, il sentimento sale Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Lo staff di Apple Daily e il suo editore, Next Digital, scattano una foto con la versione finale di Apple Daily presso la sua sede a Hong Kong, in Cina, il 24 giugno 2021. Reuters/Tyrone Siu

2/2

Autori: Sharon Abratique e Pak Yiu

HONG KONG (Reuters)-I residenti di Hong Kong hanno raccolto i fondi dell’ultima edizione del quotidiano democratico Apple (NASDAQ:) giovedì dopo essere stati costretti a porre fine a un’operazione durata 26 anni a causa di una repressione della sicurezza nazionale giovedì.

L’Apple Daily, di proprietà dello strenuo critico di Pechino Li Zhiying in carcere, è un tabloid impenitente che mescola discorsi pro-democratici con pettegolezzi sulle celebrità e indagini su chi è al potere. Per molti anni questa è stata una spina nell’occhio di Pechino.

Da quando il magnate Lai è stato arrestato ai sensi della legge sulla sicurezza nell’agosto 2020, i sostenitori del giornale stanno affrontando una stretta implacabile, le loro emozioni sono alte e poco dopo la mezzanotte fanno la fila per l’ultima copia del popolare quotidiano.

“Non ho dormito bene nelle ultime notti”, ha detto Xie, un’ex operatrice medica di 60 anni, appoggiata a un carrello per sostenersi e in fila davanti a un’edicola nel quartiere operaio di Mong Kok.

“Spero che i giornalisti possano rimanere fedeli alle loro convinzioni e continuare a lavorare sodo”.

Dopo l’emozionante stampa finale presso la sede del giornale, ci sono state lunghe code nelle edicole di tutta la città.

Il giornale ha dichiarato in un articolo online: “Grazie a tutti i lettori, abbonati, inserzionisti e persone di Hong Kong per i loro 26 anni di amore e supporto”.

“Qui ci salutiamo e ci prendiamo cura di noi stessi”.

Alcuni membri dello staff hanno espresso rabbia e frustrazione per la chiusura.

“(Dopo) oggi, non c’è libertà di stampa a Hong Kong… Non vedo alcun futuro per Hong Kong”, ha detto Dickson Ng, 51 anni, il designer del giornale.

“Oggi mi sento molto deluso e arrabbiato. Non capisco perché i nostri gruppi limitati, aziende e giornali siano stati costretti a cessare le attività in questo caso”.

A causa della forte domanda prevista per il volume di stampa finale, “Apple Daily” ha stampato 1 milione di copie, più di 10 volte il normale volume di stampa.

I gruppi di difesa dei media hanno affermato che dopo che Pechino ha implementato la legge sulla sicurezza nazionale sul centro finanziario globale lo scorso anno, la chiusura ha causato il colpo più grave alla libertà dei media di Hong Kong finora e potrebbe danneggiare la reputazione della città come centro media aperto e gratuito.

I critici della legge affermano che è stata utilizzata per sopprimere i dissidenti in questa ex colonia britannica, ma le autorità di Pechino e Hong Kong hanno respinto questa affermazione.

I funzionari di Hong Kong e della Cina hanno ripetutamente affermato che la libertà dei media è rispettata, ma non assoluta.

Con l’intensificarsi delle preoccupazioni sulla libertà di stampa, gli attivisti della rete di Hong Kong hanno iniziato a supportare articoli sulle piattaforme blockchain anti-censura dopo la chiusura di Apple Daily.

“Molto deplorevole”

Il comitato politico di Taiwan Mainland ha rilasciato una dichiarazione sulla sospensione dell'”Apple Daily”, affermando che si sentiva “estremamente deplorevole e solennemente condannato” che i media di Hong Kong non potessero operare a causa della “soppressione politica” della legge sulla sicurezza nazionale.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che i diritti e le libertà non devono mettere a repentaglio la sicurezza nazionale.

“Ciò che voglio sottolineare è che Hong Kong è una società governata dalla legge. Tutti sono uguali davanti alla legge, e nessuna o nessuna organizzazione è al di sopra della legge”, ha detto un portavoce del Ministero degli Affari Esteri. “Tutti i diritti e le libertà, compresa la libertà dei media, non possono superare la linea di fondo della sicurezza nazionale”.

In Canada, il ministro degli Esteri Mark Garno ha affermato che la chiusura forzata di Apple Daily è stato un duro colpo per la libertà di stampa e di parola di Hong Kong.

La scorsa settimana, 500 agenti di polizia hanno fatto irruzione nella sede del giornale e una trasmissione in diretta ha mostrato le autorità che setacciano le note dei giornalisti e altri materiali di notizie in una scena che ha suscitato la condanna internazionale.

Cinque dirigenti sono stati arrestati e due di loro – il caporedattore di 47 anni Ron Luo e il 59enne Zhang Jinxiong – sono stati accusati di cospirazione per colludere con paesi stranieri e hanno rifiutato la cauzione. Mercoledì, anche un editorialista di 55 anni del quotidiano è stato arrestato ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale.

Le autorità hanno congelato le attività delle società legate ad Apple Daily e i dirigenti senior hanno affermato che ciò ha impedito il funzionamento.

Lai è diventato uno degli obiettivi più in vista della nuova legge e deve affrontare tre accuse per la sicurezza nazionale, inclusa la collusione con paesi stranieri.

È stato detenuto dal dicembre dello scorso anno, gli è stata negata la libertà su cauzione ai sensi della legge sulla sicurezza e ha scontato diverse volte in carcere per aver partecipato a riunioni non autorizzate, anche durante le massicce proteste democratiche nel centro finanziario globale nel 2019.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *