Hong Kong è pesantemente sorvegliata per l’anniversario della Cina e i funzionari affermano che la città è ora stabile

[ad_1]

© Reuters. Nel 100° anniversario della fondazione del Partito Comunista Cinese, durante una cerimonia dell’alzabandiera tenutasi a Hong Kong, in Cina, per commemorare il 24° anniversario del ritorno dell’ex colonia britannica in Cina, la polizia ha sollevato i cinesi e Hong Kong bandiere.

Hong Kong (Reuters)- La polizia dispiegata giovedì nelle strade di Hong Kong per prevenire le proteste nell’anniversario del ritorno al governo cinese, ha affermato che una legge sulla sicurezza nazionale ha riportato l’ordine dopo il caos.

Auto della polizia, cannoni ad acqua, veicoli blindati e forze di polizia hanno pattugliato le strade. I passanti sono stati intercettati e perquisiti, ei tre sono stati arrestati a Mong Kok per aver distribuito volantini “infiammatori”.

Parti del Victoria Park sull’isola di Hong Kong, dove di solito iniziano le marce annuali della società civile e della democrazia, sono chiuse per impedire qualsiasi manifestazione o raduno pubblico.

In mattinata, il portavoce ad interim di Hong Kong Lee Hsien Loong ha dichiarato nel suo discorso che le autorità adotteranno una “posizione prudente” per salvaguardare la sicurezza nazionale.

Ha detto che la legge sulla sicurezza nazionale ha trasformato Hong Kong dal caos all’ordine. Li ha detto che ora la situazione è tornata alla stabilità e il futuro è luminoso.

“Hong Kong ha sicuramente le condizioni per rimontare”, ha detto.

Pechino ha implementato la legge sulla sicurezza nazionale il 30 giugno dello scorso anno per punire con una pena massima all’ergastolo qualsiasi comportamento che la Cina consideri sovversione, secessione, terrorismo e collusione con forze straniere.

Il National Security Act è il primo passo di Pechino per portare il centro finanziario globale su un percorso autoritario e ha lanciato una campagna chiamata “Patriots Governing Hong Kong”, che include misure per ridurre la rappresentanza democratica nella legislatura di Hong Kong e vari meccanismi di selezione dei politici. .

Alla cerimonia dell’alzabandiera che segna il 24° anniversario del ritorno dell’ex colonia britannica in Cina nel 1997, Li ha tenuto un discorso per la prima volta come leader della città agente, che ha coinciso con il 100° anniversario della fondazione del Partito Comunista della Cina.

L’amministratore delegato Carrie Lam e altri alti funzionari sono stati invitati a Pechino per partecipare alle celebrazioni della festa. Dopo aver prestato servizio come ministro della sicurezza durante la repressione lo scorso anno, la scorsa settimana Lee è stata nominata la sua numero due.

I critici del governo affermano che ha usato le leggi sulla sicurezza per sopprimere i dissidenti in questa ex colonia britannica.

“Il 1° luglio ero solo una delle migliaia di persone di Hong Kong che volevano sentire la propria voce”, ha scritto su Twitter l’attivista democratico e avvocato Zhou Hengdong, che è stato nuovamente arrestato alla vigilia. Anniversario sensibile.

“Vogliono uccidere le scimmie per spaventare i polli, quindi dobbiamo far loro sapere che la gente di Hong Kong non si arrenderà”.

Funzionari di Pechino e Hong Kong hanno affermato che la nuova legge ha chiuso le “scappatoie” della sicurezza nazionale esposte nelle manifestazioni antigovernative nel 2019.

Finora, le autorità hanno arrestato 117 persone, la maggior parte dei quali politici democratici, attivisti, giornalisti e studenti, secondo la legge che Zhang Xiaoming, un alto funzionario cinese, ha descritto come “regali di compleanno” quando è stata introdotta l’anno scorso.

Pechino ha affermato che era necessario farlo dopo le proteste democratiche e contro la Cina su larga scala che si sono verificate nel 2019, che sono state descritte come atti che mettono in pericolo la sicurezza nazionale. Tuttavia, molti manifestanti hanno affermato di aver chiesto a Pechino di rispettare i diritti e le libertà garantiti dalla costituzione.

Di solito, il 1° luglio, decine di migliaia di persone di Hong Kong sono scese in piazza per protestare contro qualsiasi cosa come le esercitazioni di Pechino in città e gli alloggi inaccessibili.

Questa tradizione distingue questa città semi-autonoma dalla Cina continentale strettamente controllata, ed è improbabile che molte persone seguano questa tradizione quest’anno dopo che la polizia ha rifiutato il permesso di riunirsi per motivi di restrizioni del coronavirus.

Rafael ha dichiarato: “È chiaro che, secondo la NSL (Legge sulla sicurezza nazionale), ha effettivamente avuto un effetto raggelante sulla gente di Hong Kong per più di un anno… Poche persone hanno la sicurezza di scendere in piazza e parlare fuori.” Wong, attivista dell’Alleanza socialdemocratica.

L’organizzazione ha organizzato una protesta con altre tre persone in mattinata, ma è stata assediata da decine di poliziotti. Hanno tenuto alti gli striscioni gialli e hanno invitato le autorità a “rilasciare tutti i prigionieri politici”.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *