Hong Kong Economic Journal Notizie in tempo reale-【Record di boxe】 Il mio amico Danyou è indeciso

[ad_1]

Condividi questo articolo!

L’esercitazione su larga scala 2021 della Marina degli Stati Uniti (esercitazione su larga scala 2021), iniziata il 3 agosto, si concluderà il 16. Questa è conosciuta come la più grande esercitazione militare che copre 17 fusi orari negli oceani Atlantico e Pacifico negli anni 40. L’esercito americano a stelle e strisce ha dichiarato senza mezzi termini che l’esercitazione dimostrerà alla Cina e alla Russia che le forze marittime statunitensi possono rispondere contemporaneamente. Mar Nero, Mediterraneo orientale, Mar Cinese Meridionale e Mar Cinese Orientale. L’ammiraglio Christopher Grady, comandante del comando della flotta statunitense, ha affermato che questo è solo l’inizio di una serie di future esercitazioni. Tuttavia, è difficile immaginare che gli Stati Uniti abbiano un conflitto militare contemporaneamente con Cina e Russia.La “Stars and Stripes” ha dichiarato che la potenza navale degli Stati Uniti è sufficiente per affrontare le esercitazioni militari di Cina e Russia in più aree marine, ma la posizione è più che reale; ma Cina e Russia Per non essere da meno, i due paesi condurranno un’esercitazione militare di cinque giorni “Western United-2021” a Ningxia, in Cina, dal 9 agosto.

Va notato che le contraddizioni tra Cina e Stati Uniti stanno diventando sempre più profonde. Washington ha annunciato in precedenza che il presidente Biden ha firmato un memorandum per concedere il rinvio della rimozione agli Stati Uniti e a Hong Kong per un massimo di 18 mesi e il Consiglio di Stato ha approvato la vendita di 750 milioni di dollari in armi a Taiwan, diventando l’amministrazione Biden. vendita di armi a Taiwan. Queste due “nuove azioni” degli Stati Uniti hanno suscitato una forte opposizione da parte della Cina, insieme alla frequente presenza di navi da guerra statunitensi per “mantenere” la libertà di navigazione a Taiwan, nel Mar Cinese Orientale e nel Mar Cinese Meridionale, e anche l’intricata questione della tracciabilità del nuovo corona virus (i media ufficiali continentali si sono ripetutamente interrogati di recente) Il nuovo corona virus proviene dal laboratorio delle forze armate statunitensi e richiede all’OMS di condurre un’indagine approfondita), che ha reso difficile alleviare la tensione tra Cina e Stati Uniti nel prossimo futuro.

I titoli di Hong Kong non hanno risentito della rinnovata discordia sino-americana, ma sembrano usciti dalla nebbia della tempesta normativa continentale: dopo che l’indice Hang Seng ha oscillato a 902 punti la scorsa settimana, venerdì ha chiuso a 26.391 punti , in aumento di 212 punti o dello 0,8% su base settimanale.

Come accennato in questa colonna mercoledì scorso, entrando nella settimana dal 2 al 6 di agosto, il turnover giornaliero della main board è stato inferiore alla media dei 5 giorni, mentre l’Hang Seng Index ha chiuso a 26.426 punti il ​​4 agosto, praticamente tutti In passato 3 mesi, il volume accumulato di 26.000 a 263.000 punti chiusi nell’area intensiva. Va aggiunto che il basso turnover dell’Hang Seng Index e il range ristretto di soli 300 punti circa possono riflettere il fatto che l’Hang Seng Index è appena partito da un territorio inesplorato (vedi “Fisting Boxing Record” del 28 luglio) con un grande turnover in combinazione con un rimbalzo significativo.Entrambi gli amici e Danyou stanno “testando” la forza o la difesa dell’altro.

Lo scorso lunedì (9°), l’indice Hang Seng una volta è balzato a 26.527 punti ed è ancora tornato da 26.000 a 26.300 punti per chiudere nell’area ad alta intensità di volume. Nonostante l’indice Hang Seng abbia chiuso in rialzo di 26.300 punti nei successivi 4 giorni, da mercoledì scorso sia il massimo intraday che il livello di chiusura si sono gradualmente abbassati. Inoltre, il giro d’affari medio di 5 giorni del tabellone principale si è ridotto da 169,7 miliardi della settimana precedente a 144,7 miliardi.Ovviamente, amici e danyou non hanno davvero distinto il vincitore o il perdente.

Anche l’indice azionario forte e debole del sistema EJFQ ha mostrato una situazione simile. L’indice azionario debole, che riflette la pressione di vendita dei titoli deboli, è sceso di 25,3 punti percentuali al 43,4% nelle ultime due settimane, ma è ancora al di sopra della soglia del 40%, che in questa colonna è chiamata “zona di eccitazione” . Sebbene l’indice debole sia in una tendenza al ribasso, l’avvertimento che l’indice Hang Seng ha un forte rischio di calo a breve termine è probabilmente un “falso suono”. le scorte, rimbalzate di 14,6 punti percentuali dal minimo di quest’anno durante lo stesso periodo ad agosto.Il 25,4% il 6 era insostenibile, ed è sceso al 20,7% venerdì scorso. Affinché l’indice Hang Seng si rompa al rialzo, l’indice forte di EJFQ deve almeno sfondare l’indice debole.

vecchio Xu

leggi di più

Condividi questo articolo!

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *