Hong Kong Economic Journal Notizie in tempo reale – Le azioni statunitensi al centro di questa settimana: il record dei tassi di interesse del Reserve Board e i dati al dettaglio

[ad_1]

Condividi questo articolo!

La scorsa settimana il mercato azionario statunitense era in forte stallo.I partecipanti al mercato hanno affermato che l’attenzione di questa settimana è stata il record dei tassi di interesse dell’ultimo mese della Fed e i dati al dettaglio statunitensi come riferimento per la politica monetaria.

Guardando indietro alla scorsa settimana, anche se il Dow e l’indice di riferimento hanno stabilito nuovi massimi record, i loro guadagni sono stati limitati. Sono i titoli value più sensibili ai cicli economici che stanno guidando la tendenza al rialzo del mercato. Ad esempio, le materie prime sono aumentate del 2,7% , gli industriali sono aumentati dell’1,4% e i finanziari dell’1,9%. Il Nasdaq, che riflette l’andamento dei titoli tecnologici, non è cambiato molto. Il tasso di rendimento dei buoni del Tesoro a 10 anni degli Stati Uniti è salito all’1,36% a un certo punto e si è ammorbidito all’1,29% venerdì scorso.

Guardando avanti a questa settimana, il mercato azionario statunitense continua a essere in un tradizionale periodo di quiete e l’obiettivo principale è il record dei tassi di interesse dell’ultimo mese annunciato dalla Federal Reserve mercoledì.

Il direttore degli investimenti della CFRA, Sam Stovall, ha affermato che, sebbene sia improbabile che i registri contengano nuove informazioni molto solide, potranno comprendere meglio i dettagli del “tapering” discusso dai comitati e anche quando aumentare i tassi di interesse.

Oltre al record dei tassi di interesse, martedì il presidente della Fed Powell parteciperà al seminario e potrebbero esserci anche informazioni degne di riferimento.

Il secondo obiettivo sono i dati sulle vendite al dettaglio di luglio rilasciati dagli Stati Uniti martedì. Il mercato prevede che il valore delle vendite al dettaglio a luglio diminuirà dello 0,2%.

Michael Schumacher, responsabile degli strumenti a reddito fisso presso Wells Fargo, ritiene che i dati possano riflettere un forte mercato al consumo.

Il fondatore di Trivariate Adam Parker ha anche affermato che oltre ai dati al dettaglio, anche la produzione industriale annunciata martedì e il numero di richieste di disoccupazione per la prima volta annunciate giovedì sono stati anche indicatori importanti. Sono degni di riferimento anche altri dati economici, tra cui il New York State Manufacturing Index di lunedì e il Philadelphia Manufacturing Index di giovedì.

Il terzo focus è sui risultati annunciati da molte delle principali blue chip negli Stati Uniti, tra cui Wal-Mart, Home Depot, Macy’s, Target, TJX e Lowe’s. Oltre ai dati di vendita al dettaglio, queste società possono anche rivelare le loro opinioni sul prospettive al dettaglio e loro risposta all’aumento dell’inflazione Strategia potenziale.

Il quarto obiettivo sono i dati economici della Cina, compreso il valore della produzione industriale, il valore delle vendite al dettaglio e gli investimenti in immobilizzazioni. Tutti i dati sono stati diffusi lunedì. Di recente, la nuova epidemia della corona cinese è diventata più grave e se lo slancio della ripresa economica sarà influenzato ha attirato l’attenzione di tutte le parti.

Il quinto obiettivo è l’incontro sui tassi di interesse della Banca centrale della Nuova Zelanda mercoledì. Il mercato prevede che la Banca Centrale della Nuova Zelanda possa essere la prima banca centrale dei paesi occidentali ad alzare i tassi di interesse. La Banca centrale della Nuova Zelanda ha tagliato i tassi di interesse di 75 punti base lo scorso anno e il tasso di interesse di riferimento è sceso allo 0,25%. Se la banca centrale del paese aumenterà i tassi di interesse mercoledì, sarà la prima volta dal 2014.

leggi di più

Condividi questo articolo!

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *