Hong Kong riapre i confini con la Cina, aumentando le scorte al dettaglio

[ad_1]

Video di Reuters

Venezia si prepara a far pagare ai visitatori un biglietto d’ingresso

Piazza San Marco e Ponte di Rialto. Le attrazioni iconiche di Venezia attirano ogni giorno migliaia di turisti. Sono monitorati dalla cabina di regia della Questura cittadina. Per combattere il turismo eccessivo, i funzionari stanno monitorando tutti. Utilizzando televisori a circuito chiuso, sensori ottici e SIM di telefoni cellulari, possono comunicare a residenti e turisti, italiani e stranieri. Sanno da dove vengono le persone e dove stanno andando. Un mese dopo che alle navi da crociera è stato vietato l’ingresso a Venezia, il governo della città si prepara a chiedere ai turisti di prenotare in anticipo. E costa da 3 a 10 euro per i visitatori delle gite giornaliere. Il consigliere comunale Marco Bettini ha dichiarato: “Se non sappiamo quante persone stanno venendo, non posso garantire che questa città sia adatta per essere visitata. Per Venezia e Venezia, è un’isola, e penso che sia la prima del mondo che lo può dimostrare.Allo stesso tempo, è una delle città dove c’è un limite fisico al numero di persone in città.” Non è stato deciso che ci siano troppe persone. Le nuove regole dovrebbero entrare in vigore tra la prossima estate e il 2023. Alcune aziende venete sono preoccupate per l’impatto sulle loro vendite. I turisti sembrano divisi: “So che alcuni veneziani si lamentano perché c’è troppa gente che viene in questa città, ma penso che la vitalità di questa città sia anche merito dei turisti, quindi a volte ci sarà un po’ più di gente, ma sicuramente dovrebbero prendere un’altra strada.” “Posso capire, perché la città è molto affollata, potrebbe essere molto meglio per i cittadini di Venezia.” C’erano circa 148.000 persone nel centro storico di Venezia in un recente fine settimana. Questo prima del pieno ritorno dei turisti americani e asiatici.

Per saperne di più

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *