I bambini immigrati denunciano sovraffollamento, deterioramento del cibo e depressione nei rifugi statunitensi Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: Gli attivisti che difendono i diritti degli immigrati hanno organizzato una protesta vicino a Fort Bliss, chiedendo la fine della detenzione dei minori non accompagnati. La struttura si trova a El Paso, Texas, USA, l’8 giugno 2021. REUTERS/Jose Luis Gonzalez

2/2

Ted Hesson e Christina Cook

Washington (Reuters)-Secondo 17 testimonianze depositate in tribunale lunedì, i bambini immigrati inviati nei rifugi di emergenza negli Stati Uniti hanno descritto condizioni di vita affollate, cibo avariato, mancanza di vestiti puliti e lotta contro la depressione.

Questi bambini hanno un’età compresa tra i 9 e i 17 anni, provenienti principalmente da Guatemala, Honduras ed El Salvador.In alcuni casi, hanno parlato di aspettare mesi in rifugi di emergenza regolamentati dal governo degli Stati Uniti mentre combattevano condizioni, tra cui È difficile addormentarsi la luce e raramente chiamano i membri della famiglia.

La testimonianza ha dettagliato la situazione all’interno della rete di rifugi di emergenza istituita in fretta dall’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden in risposta al drammatico aumento del numero di bambini immigrati non accompagnati che arrivano al confine tra Stati Uniti e Messico.

Negli ultimi mesi, questi bambini sono stati spostati più rapidamente dalle affollate stazioni di pattuglia di confine ai rifugi di emergenza come parte di uno sforzo per metterli in contatto con i familiari o altri sponsor negli Stati Uniti.

Le testimonianze dei bambini registrate da marzo a inizio giugno indicano che l’amministrazione Biden ha promesso di adottare un approccio più umano nei confronti degli immigrati, ma in alcuni casi è difficile fornire la migliore assistenza ai bambini.

Attualmente ci sono circa 14.500 minori non accompagnati affidati alle cure del Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti, in calo rispetto ai 22.000 di fine aprile. HHS non ha commentato immediatamente.

In una testimonianza, una ragazza di 13 anni dell’Honduras ha affermato di essere stata inserita in una lista di controllo dei suicidi in un rifugio di emergenza a Fort Bliss, El Paso, in Texas.

Al 4 giugno la ragazza era nella struttura da quasi due mesi e ha raccontato di essere stata separata dal padre quando ha attraversato il fiume ed è entrata negli Stati Uniti.

“Il cibo qui è terribile”, ha scritto. “Ieri abbiamo preso gli hamburger, ma non potevo mangiarli perché il pane emanava un odore sgradevole… In realtà mangio solo ghiaccioli e succo perché è l’unico cibo di cui posso fidarmi”.

Ad aprile, una ragazza guatemalteca di 14 anni è stata detenuta in un centro di emergenza a Houston, affermando che il clima era molto caldo e che spesso aveva sete. Ha detto che quando non avevano acqua, le ragazze dovevano bere il latte scaduto. Ha detto di aver visto otto ragazze svenute a causa dell’alta temperatura e della mancanza di acqua, e il personale le ha portate d’urgenza in un vicino ospedale.

Una ragazza di 17 anni del Guatemala è stata detenuta a Fort Bliss e ha detto di aver dormito in una grande tenda bianca con circa 300 ragazze e culle impilate una sull’altra.

Secondo la dichiarazione del 28 aprile, ha affermato che le era difficile addormentarsi a causa del tintinnio notturno delle travi metalliche della tenda. Ha detto che il tempo era molto freddo e la polvere è entrata nella tenda.

La ragazza ha detto che non era in grado di ottenere informazioni sul suo caso e che aveva lavorato duramente per fissare un appuntamento con il consulente per parlare della sua depressione.

“Molte ragazze qui piangono forte”, ha detto. “Molti di loro finiscono per dover parlare con qualcuno perché hanno l’idea di tagliarsi”.

Un adolescente di 17 anni dell’Honduras ha detto di aver dormito in una vasta area del Dallas Convention Center dove è stato detto che c’erano 2.600 bambini.

L’adolescente ha dichiarato in una dichiarazione del 29 marzo: “Ci sono così tante persone intorno a me, mi sento soffocare”.

“Non c’è nessuno qui con cui posso parlare del mio caso. Quando mi sento triste, nessuno qui può parlarmi. Nessuno qui; parlo solo con Dio. Mi aiuta e piango. Lo farà se posso Là è una Bibbia, per favore aiutatemi.”



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *