I campioni di sangue italiani riaccendono il dibattito sui primi segnali di Covid in Europa

[ad_1]

Già nell’ottobre 2019, il nuovo test dei campioni di sangue raccolti in Italia ha rinnovato il dibattito sulla diffusione del coronavirus in Europa prima che le autorità cinesi confermassero il primo caso a Wuhan.

Lo hanno scritto in un articolo gli scienziati del Centro per la ricerca sul cancro di Milano Istituto Nazionale Tumori. Nuovo articoloIl rapporto pubblicato lunedì ha affermato che due laboratori hanno ritestato un piccolo numero di campioni di sangue pre-pandemia e i risultati hanno mostrato la presenza di anticorpi che di solito si osservano dopo l’infezione da coronavirus.

Uno dei ricercatori, Giovanni Apolone (Giovanni Apolone) ha dichiarato al Financial Times: “I risultati del nuovo test mostrano che ciò che abbiamo riportato in precedenza nei pazienti asintomatici è un segnale capzioso della precoce diffusione del virus in Italia. .”

“Se questo sarà confermato, si spiegherà l’ondata di casi sintomatici osservata in Italia [in 2020]Sars-Cov-2, o prima, si è diffuso silenziosamente sotto la superficie”, ha detto.

Prima della pandemia, i ricercatori italiani hanno inizialmente esaminato 959 persone per il cancro ai polmoni. L’anno scorso, hanno testato nuovamente i campioni, alla ricerca di anticorpi legati al coronavirus, e hanno affermato di aver trovato tracce di infezione.

Su richiesta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, questi campioni sono stati riesaminati dal laboratorio VisMederi di Siena, in Italia, e dall’istituzione affiliata all’OMS dell’Università Erasmus nei Paesi Bassi.

Marion Koopmans, capo della virologia Erasmus, ha affermato che i nuovi risultati sono “interessanti”. Tuttavia, ha avvertito che sebbene ci fossero alcune prove di anticorpi, secondo i rigorosi standard dell’università, nessuno dei campioni ha fornito prove conclusive della precedente infezione da Covid-19.

“Abbiamo utilizzato una soglia abbastanza rigorosa e non si può escludere che alcune delle risposte osservate siano reali”, ha affermato. “Tuttavia, per confermare la circolazione precoce, raccomandiamo di condurre ricerche su pazienti con malattie inspiegabili per la conferma virologica”.

Il laboratorio ha ritestato 29 campioni originali italiani, alcuni positivi e altri negativi, oltre a 29 casi di controllo nel 2018.

Da questi test, Erasmus e VisMederi hanno scoperto che tre campioni erano positivi per un anticorpo IgM correlato al coronavirus, che di solito indica un’infezione recente. È stato raccolto per la prima volta il 10 ottobre 2019. Uno dei campioni, del 5 febbraio 2020, è risultato positivo anche al cosiddetto anticorpo neutralizzante.

Tuttavia, nessuno dei campioni conteneva livelli sufficientemente elevati dei tre anticorpi che Erasmus doveva considerare come prova di infezione: IgM, anticorpi neutralizzanti e un terzo anticorpo chiamato IgG.

Uno dei ricercatori italiani ha affermato che negli altri nove campioni che VisMederi ha dichiarato positivi all’infezione, i livelli di anticorpi IgM erano al di sotto del cutoff point fissato da Erasmus, Gabriella Sozzi.

Sozzi ritiene che nel periodo pre-pandemia il virus possa essere meno aggressivo o contagioso, il che rende necessario l’utilizzo di test altamente sensibili nonostante il rischio di rilevare casi “falsi positivi”.

Kaufmans ha affermato che i severi standard dell’Università Erasmus sono necessari per dimostrare finalmente se la pandemia è iniziata prima di quanto attualmente si pensi. “Non significa che sia impossibile”, ha detto. “È solo che vuoi vedere altre prove.”

Questo documento italiano non sottoposto a revisione paritaria non affronta la questione dell’origine del nuovo coronavirus, ma i risultati potrebbero suscitare un dibattito sul fatto che il Covid-19 si sia diffuso in Italia o altrove prima del primo caso confermato in Italia. Wuhan nel dicembre 2019.Altri studi hanno collocato il primo caso in Europa Già a novembre 2019, Di cui uno a Milano.

L’OMS ha dichiarato che questo non faceva parte dell’analisi di laboratorio e i risultati hanno evidenziato la sfida di condurre test anticorpali sui campioni del 2019. Ha espresso “grazie” agli scienziati per aver cercato di far progredire la comprensione dell’origine del Covid-19.

Segnalazioni aggiuntive di Yang Yuan a Pechino e Clive Cookson a Londra

Le ultime notizie sul coronavirus

Prestare attenzione al rapporto e all’analisi in loco del “Financial Times” britannico sull’epidemia globale e sulla crisi economica in rapida evoluzione Qui.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *