I casi di Covid-19 a Sydney aumenteranno, gli ospedali sotto pressione Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters.Foto del file: Il 16 luglio 2021, Victoria spera di frenare la diffusione dell’epidemia di Coronavirus (COVID-19) a Melbourne, in Australia. Una donna sola che indossa una maschera protettiva cammina su un ponte del centro insolitamente tranquillo. Reuters /Sa

2/2

Di Renju Jose e Colin Packham

Le autorità di Sydney (Reuters) hanno dichiarato martedì che, nonostante il blocco prolungato, i casi di COVID-19 a Sydney continueranno a “aumentare in modo significativo” nelle prossime settimane e hanno avvertito che l’ondata di infezioni ha esercitato un’enorme pressione sugli ospedali.

Un tempo l’Australia era il leader mondiale nel contenimento del COVID-19 e, nonostante abbia bloccato più della metà della popolazione, sta ancora lavorando per frenare la terza ondata di contagi causati dalla variante altamente contagiosa del Delta.

Sydney, la capitale del New South Wales (NSW), è stata il centro dell’epidemia più recente: lo stato ha riportato 452 casi nelle ultime 24 ore, il terzo aumento in un solo giorno e un nuovo decesso.

Il governatore del Nuovo Galles del Sud Gladys Berejiklian (Gladys Berejiklian) ha dichiarato ai giornalisti: “Ci aspettiamo che il numero di casi riprenderà nelle prossime due o tre settimane e potrebbe aumentare in modo significativo”.

Sydney ha inasprito le restrizioni, tra cui l’istituzione di posti di blocco in alcune parti della città e l’aumento delle multe tra i rapporti secondo cui le persone hanno ignorato i severi ordini di soggiorno a casa.

Il verbale della riunione di agosto pubblicato martedì ha mostrato che gli economisti erano preoccupati che il blocco potesse far precipitare l’economia del paese da 2 trilioni di dollari australiani (1,5 trilioni di dollari USA) nella sua seconda recessione da anni, anche se la Bank of Australia è pronta a prendere la politica Azioni.

Il ministro della Sanità del New South Wales Brad Hazzard ha sottolineato che dopo che diversi casi di COVID-19 sono stati trovati in un reparto di oncologia nel sud di Sydney, 80 membri del personale medico sono stati costretti a isolarsi in un ospedale locale. linea nella parte occidentale della città per il trattamento.

“Non c’è dubbio che il sistema ospedaliero nel Nuovo Galles del Sud è sottoposto a una pressione tremenda”, ha detto Hazzard.

Diffusione del covid-19

Mentre il virus si diffondeva nel centro regionale del Nuovo Galles del Sud, è stato rilevato un caso fino a Broken Hill, a più di 900 chilometri (560 miglia) a nord-ovest di Sydney, nell’entroterra australiano. un focolaio più ampio.

Il paese sta accelerando la sua lenta diffusione della vaccinazione, con solo il 26% circa degli australiani completamente vaccinati.

Martedì a Melbourne, la capitale del Victoria, sono stati rilevati 24 nuovi casi locali, il primo giorno dopo che i funzionari hanno ripristinato il coprifuoco ed esteso il rigoroso blocco fino al 2 settembre. Lunedì sono stati segnalati 22 casi.

La capitale australiana Canberra ha segnalato 17 nuovi casi locali di COVID-19 e le autorità hanno avvertito che il numero di infezioni potrebbe aumentare nei prossimi giorni.

Nonostante la recente epidemia delta, il numero di coronavirus in Australia è molto più basso di molti altri paesi nei paesi sviluppati, con solo più di 40.000 casi e 967 decessi, ma i suoi numeri di vaccinazione sono i più bassi.

Dall’11 luglio, nell’ultima epidemia a Sydney, sono morte 57 persone, la maggior parte delle quali non è stata vaccinata. Prima del 2021, in Australia non si registravano decessi correlati al COVID.

I funzionari si sono procurati forniture di vaccini di emergenza dall’estero e si aspettano che una volta che arriveranno altre forniture in ottobre, il tasso di vaccinazione aumenterà.

(1$ = 1,3678 dollari australiani)



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *