I commenti Hawkish Bullard interrompono Wall Street, l’indice scende Reuters

[ad_1]

© Reuters. File foto: un cartello stradale è stato visto di fronte alla Borsa di New York a Wall Street a New York il 10 febbraio 2009. REUTERS/Eric Thayer/File Photo

Autori: Medha Singh e David French

(Reuters) – Le azioni di Wall Street sono scese venerdì dopo che James Brad, un funzionario della Fed, ha commentato che l’inflazione è stata più forte del previsto, il che ha scosso la fiducia degli investitori nelle loro posizioni attuali e ha causato un brusco calo dei tre principali indici azionari.

A St. Louis il presidente della Federal Reserve Bank Brad ha dichiarato di essere uno dei sette funzionari. Ritiene che a partire dal prossimo anno alzerà i tassi di interesse per frenare l’inflazione. Il blue-chip Dow Jones e gli indici di riferimento avranno il loro giorno peggiore nel prossimo mese .

Dopo le sue osservazioni, il Chicago Board Options Exchange Volatility Index, che misura il panico a Wall Street, è salito a 20,60 punti, il livello più alto dal 21 maggio, per poi tornare indietro.

“Questo potrebbe indicare che l’inflazione sta diventando una preoccupazione per la Fed”, ha detto Rick Meckler, un partner di Cherry Lane Investments, un ufficio di investimento familiare a New Vernon, nel New Jersey.

“In secondo luogo, questo suggerisce che le politiche di austerità possono frenare la crescita economica e l’S&P 500 guadagna più velocemente di quanto pensassero gli investitori”.

Prima della riunione politica della Fed di questa settimana, l’inflazione e il modo in cui la banca centrale degli Stati Uniti risponderà al paese dopo la pandemia sono stati al centro dell’attenzione degli investitori.

Pertanto, poiché la Fed prevede di aumentare i tassi di interesse prima del previsto mercoledì e suggerisce di aver raggiunto il punto in cui può iniziare a parlare di ridimensionare il suo massiccio pacchetto di incentivi, piuttosto che limitarsi a considerarlo, i principali indici di Wall Street sono stati lottando.

L’indice di riferimento S&P 500 dovrebbe terminare tre settimane consecutive di rialzo, mentre l’indice Dow Jones chiuderà ogni giorno questa settimana se è ancora in zona negativa.

Alle 13:53 Eastern Time, l’indice S&P 500 è sceso di 442,89 punti o 1,31% a 33.380,56, l’indice S&P 500 è sceso di 42,23 punti o 1,00% a 4.179,63 e 103,86 punti o da 0,74,05 a 0,74,07

Altri impatti delle dichiarazioni di Brad sul mercato includono l’ulteriore rafforzamento del dollaro. L’indice che replica il dollaro USA contro sei principali valute è balzato al livello più alto da metà aprile e si prevede che registrerà il suo più grande guadagno settimanale in circa 14 mesi.

Sebbene i prezzi del petrolio, tradizionalmente colpiti da un dollaro USA più forte, siano inizialmente scesi venerdì, sono rimbalzati dopo che fonti dell’OPEC hanno dichiarato che il gruppo di produttori prevedeva una crescita limitata della produzione di petrolio degli Stati Uniti quest’anno. [O/R]

L’aumento delle materie prime non si è tradotto in un sentimento positivo nei titoli energetici statunitensi, la performance dell’indice del settore è la seconda peggiore.

È il settore finanziario che alla fine resta indietro: le banche sensibili ai tassi di interesse risentono dell’appiattimento della curva dei rendimenti USA. [US/]

Ryan Detrick, senior market strategist di LPL Financial (NASDAQ:), ha dichiarato: “L’inaspettato calo dei rendimenti a lungo termine di questa settimana indica che il mercato potrebbe essere preoccupato per la forza della ripresa nella seconda metà di quest’anno”.

Il venerdì è anche il “Quattro giorni delle streghe”: le opzioni e i contratti future statunitensi scadono alla stessa ora ogni trimestre, portando a un aumento del volume degli scambi alla chiusura del mercato.

Randy Frederick, vice presidente del trading e dei derivati, ha sottolineato che questa è la più grande scadenza di opzioni nella storia. Carlo Schwab (Borsa Valori di New York:).



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *