I consulenti avvertono che la Gran Bretagna non è riuscita a far corrispondere la retorica sul clima con l’azione

[ad_1]

I consiglieri ambientali del governo britannico hanno avvertito giovedì che i ministri non sono riusciti a sviluppare una strategia coerente per ridurre le emissioni nei settori più inquinanti dell’economia e non sono riusciti a far corrispondere la loro retorica climatica con le azioni.

La Commissione per i cambiamenti climatici ha affermato in un rapporto altamente critico sui progressi del governo nel raggiungimento di riduzioni delle emissioni a livello economico, ha affermato che i piani di decarbonizzazione in settori chiave come l’edilizia abitativa sono stati ripetutamente ritardati ed “è difficile discernere una strategia globale. Siamo stati in passato. Piano climatico visto in 12 mesi”.

Il presidente della CCC John Gummer (John Gummer), noto anche come Lord Deben, ha dichiarato: “Quasi tutto ciò che dovrebbe accadere è ritardato o… l’obiettivo non è raggiunto”.

Ha aggiunto che sebbene l’impegno del governo a raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050 sia un impegno importante, “la consegna non è stata ancora raggiunta”.

La relazione annuale sui progressi sul tasso di decarbonizzazione è la seconda valutazione molto importante del gruppo in più di una settimana e ha aumentato la pressione sui ministri affinché agiscano prima del vertice internazionale sul clima COP26 ospitato dal Regno Unito a novembre.

Una precedente ricerca-valutazione del rischio climatico condotta ogni cinque anni-incolpa i ministri Nessun piano L’impatto “inevitabile” del cambiamento climatico.

Il CCC ha affermato che la tanto attesa strategia intersettoriale del governo su come raggiungere lo zero netto – ha affermato che sarà annunciata prima della COP26 – deve essere annunciata con urgenza e adeguatamente specifica e dettagliata. Secondo il rapporto, deve anche essere sostenuto da un impegno del ministero delle Finanze a fornire finanziamenti per la transizione.

Gummer ha affermato che senza un’affidabile strategia net-zero, “è difficile far funzionare la COP26 perché tutti cercano azioni e risultati, non solo promesse”.

CCC ha riconosciuto che sono stati compiuti progressi significativi nella decarbonizzazione del settore energetico, ma ha affermato che il trasporto via terra e le costruzioni non sono il caso: questi due settori hanno le maggiori emissioni di carbonio. Non sono stati ancora annunciati piani di decarbonizzazione indipendenti per questi due settori.

Sebbene le emissioni della Gran Bretagna siano diminuite di circa il 13% nel 2020, questo è in gran parte un cambiamento estetico causato dalla pandemia, poiché il blocco ha portato a un forte calo del numero di voli e veicoli sulle strade britanniche.Quest’anno si è invertito, ha affermato CCC. .

Il CEO di CCC Chris Stark ha dichiarato: “Siamo molto preoccupati per lo status quo. Gli obiettivi climatici del governo “non saranno raggiunti per magia”.

Ha aggiunto che la mancanza di progressi “non è un buon posto per il Regno Unito come presidente della COP”.

Il gruppo consultivo ha sottolineato che il piano climatico dei ministri “in larga misura ignora” il potenziale per cambiare la dieta del paese, come incoraggiare le persone a mangiare meno carne per ridurre le emissioni agricole.

Raccomanda che entro il 2030 le persone riducano il consumo di carne e latticini del 20% per liberare un po’ di terra per il pascolo degli animali.

“Il governo ha chiarito in modo assolutamente chiaro che non intende seguire le nostre raccomandazioni”, ha detto Stark. Ha aggiunto che se i ministri non sono disposti a promuovere cambiamenti nella dieta, dovranno trovare ulteriori misure di riduzione delle emissioni altrove.

Il gruppo raccomanda inoltre lo sviluppo di un “test zero-net”, che dovrebbe valutare tutte le decisioni del governo e sviluppare un modello per il funzionamento delle tariffe doganali sui prodotti ad alta intensità di carbonio.

Altri suggerimenti includono l’introduzione di una tassa sull’aviazione per incoraggiare le persone a ridurre i voli.Ha anche proposto di opporsi all’integrazione del governo dell’industria aeronautica Il criticato sistema di compensazione del carbonio Entra nel nuovo sistema di scambio di carbonio del Regno Unito, una proposta in discussione, fino a quando la qualità delle compensazioni non migliorerà.

Il presidente dell’UNEP Emma Howard Boyd ha affermato che i risultati del sondaggio mostrano che i preparativi per gli shock climatici “non sono abbastanza in cima all’agenda”.

Il governo ha dichiarato: “Qualsiasi suggerimento che siamo lenti nell’intraprendere azioni per il clima è un grosso errore”.

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora il rapporto del “Financial Times” del Regno Unito qui.

Sei curioso di conoscere l’impegno di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *