I dati economici sono inferiori alle aspettative Il mercato azionario di Wall Street si indebolisce

[ad_1]

Aggiornamento delle scorte

I mercati azionari globali sono scesi dai loro recenti massimi lunedì poiché i dati deboli delle due maggiori economie del mondo hanno spinto gli investitori a evitare attività ad alto rischio.

L’indice blue chip S&P 500 di Wall Street è sceso dello 0,2% all’ora di pranzo a New York, in calo rispetto al record raggiunto la scorsa settimana. Indice dell’Empire State BuildingSecondo i dati di Pantheon Macroeconomics, l’indice che replica l’attività dello Stato di New York è sceso a 18,3 da 43 di luglio, un valore inferiore al 28,5 generalmente previsto.

Allo stesso tempo, l’indice Nasdaq Composite e l’indice Russell 2000 small cap, che sono dominati dai titoli tecnologici, sono scesi rispettivamente dello 0,7% e dello 0,5%.

Ian Shepherdson, capo economista di Pantheon Macroeconomics, ha dichiarato: “È facile dare la colpa [the index’s] L’aumento dei casi di Covid causato dalla variante Delta si è attenuato, ma potrebbe non essere vero. “

Tuttavia, “L’indice dell’Empire State Building è tornato solo al livello implicito nell’indice China Caixin Purchasing Managers. [purchasing managers’ index] Qualche mese fa”, ha detto.

Anche i dati economici provenienti dalla Cina lunedì sono stati deludenti. Secondo il National Bureau of Statistics of China, la produzione industriale a luglio è aumentata del 6,4% su base annua, un dato inferiore alle aspettative del mercato del 7,8%. Anche le vendite al dettaglio sono molto al di sotto delle aspettative.

Jeroen Blokland, capo della ricerca presso True Insights, ha affermato che questi dati mostrano che “la seconda economia mondiale si sta raffreddando rapidamente” e “potrebbe anche essere un precursore delle tendenze economiche in altre regioni, soprattutto perché le interruzioni della catena di approvvigionamento sono ancora abbondanti”.

L’indice Shanghai e Shenzhen 300 dei grandi titoli azionari di Shanghai e Shenzhen è sceso dello 0,1%, mentre l’indice Hang Seng di Hong Kong ha chiuso lo 0,8%.

Il sentimento degli investitori ha subito un duro colpo e ha concluso i 10 giorni di negoziazione consecutivi dell’indice Stoxx Europe 600 nell’intera regione.L’indice è sceso dello 0,5%, il primo calo di questo mese.

Aneeka Gupta, capo della ricerca presso WisdomTree, ha dichiarato: “A causa delle preoccupazioni per il rallentamento economico della Cina e dei rischi geopolitici posti dai talebani in Afghanistan, gli orsi sono tornati sul mercato europeo”.

Tutti i principali mercati azionari europei sono scesi, con l’indice FTSE 100 di Londra in calo dello 0,9%, l’indice Xetra Dax di Francoforte in calo dello 0,3% e l’indice CAC 40 di Parigi in calo dello 0,8%.

Un sentimento cauto significa una forte domanda di beni rifugio, causando un calo del rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni di 0,05 punti percentuali all’1,25%.

Il prezzo del greggio Brent, benchmark mondiale del petrolio, è sceso di oltre l’1% al di sotto dei 70 dollari USA al barile.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *