I democratici di Hong Kong “Apple Daily” hanno firmato in “Painful Addio” Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: un dipendente entra negli uffici di Apple Daily e Next Media dopo che la polizia di Hong Kong ha fatto irruzione nella redazione il 17 giugno 2021. REUTERS/Lam Yik

2/2

Autori: Sharon Abratique e Jessie Pang

Hong Kong (Reuters)-Il più prestigioso quotidiano democratico di Hong Kong “Apple (Nasdaq:) Daily” ha pubblicato il suo ultimo numero giovedì dopo un anno burrascoso. Il suo capo magnate e altri dipendenti La nuova legge sulla sicurezza nazionale è stata arrestata e i suoi beni sono stati congelati .

I critici affermano che la chiusura del popolare tabloid, mescolando opinioni pro-democratiche con pettegolezzi sulle celebrità e indagini su coloro che sono al potere, segna la fine di un’era di media liberi nelle città dominanti della Cina.

“Grazie a tutti i lettori, abbonati, inserzionisti e persone di Hong Kong per i loro 26 anni di amore e supporto. Qui ci salutiamo e ci prendiamo cura di noi stessi”, ha detto il giornale in un articolo online.

Mercoledì sera, centinaia di sostenitori si sono radunati fuori dall’edificio dell’Apple Daily per mostrare supporto, a volte sotto la pioggia battente, agitando le luci degli smartphone. Il giornalista è andato al balcone e ha risposto con il suo cellulare.

L’ultima prima pagina ha pubblicato una foto dello staff che saluta i sostenitori, con il titolo “Il doloroso addio della gente di Hong Kong sotto la pioggia”.

Un giornalista di Reuters nella redazione dell’Apple Daily ha visto che quando la versione finale è andata in stampa, dozzine di giornalisti hanno applaudito calorosamente e alcuni sono persino scoppiati in lacrime.

Il giornalista Alvin Chan è uscito per distribuire copie gratuite ai sostenitori e ha detto: “Spero che tutti possano… continuare a credere nei nostri valori”.

Anche la versione online del giornale smetterà di aggiornarsi, affermando che la sua edizione precedente stamperà 1 milione di copie, più di 10 volte il normale volume di stampa.

Poco dopo la mezzanotte, centinaia di persone erano già in fila in alcune edicole in attesa della consegna.

Il sostegno di Apple Daily per i diritti democratici e la libertà l’ha resa una spina nell’occhio di Pechino: sin dal suo fondatore Jimmy Lai nel 1995, il magnate che si è fatto da sé ha contrabbandato dalla Cina continentale a Hong Kong su un peschereccio all’età di 12 anni.

Ha scosso il panorama dei media cinesi nella regione ed è diventato un campione di democrazia ai margini della Cina comunista. La sua scomparsa ha lasciato solo una manciata di piccoli media online sul lato politico, comprese le notizie di posizione e le notizie dei cittadini.

Citizen News e i sindacati di altri sei gruppi mediatici hanno dichiarato che giovedì indosseranno abiti neri per protestare contro quella che chiamano “la repressione del governo sulla libertà di stampa”. Non è stato possibile raggiungere la direzione di Citizen News e Position News per un commento.

Sfida Pechino

I sostenitori di “Apple Daily” lo definiscono un faro di libertà dei media nel mondo cinese. Ha ripetutamente sfidato l’autoritarismo di Pechino ed è stato letto da dissidenti e diaspore cinesi più liberali.

I beni di Lai sono stati congelati ed è in carcere per aver partecipato a raduni non autorizzati dal dicembre dello scorso anno ed è stato accusato di proteste a favore della democrazia.

Alcuni gruppi per i diritti, organizzazioni dei media e governi occidentali hanno criticato le azioni contro il giornale.

L’amministratore delegato di Hong Kong, Carrie Lam, ha dichiarato martedì che criticare i raid del giornale è stato un tentativo di “abbellire” le azioni che mettono in pericolo la sicurezza nazionale. Funzionari cinesi hanno condannato le critiche come interferenze.

I funzionari di Hong Kong e del continente hanno ripetutamente affermato che la libertà dei media è rispettata, ma non assoluta.

Apple Daily, che è pubblicato da Next Digital e impiega centinaia di giornalisti, ha dichiarato nel suo articolo online che la decisione di chiudere è stata “basata sulla sicurezza dei dipendenti e considerazioni umane”.

Il giornale ha detto che da quando è stato perquisito dalla polizia, era stato dimesso su larga scala e l’intero dipartimento doveva essere chiuso.

La scorsa settimana sono stati congelati i beni di società collegate al giornale e arrestati cinque dirigenti. Mercoledì la polizia ha arrestato un editorialista sospettato di collusione con potenze straniere.

Non è stato possibile raggiungere la direzione di Apple Daily e Next Digital per ulteriori commenti.

In un’intervista a Reuters, un consigliere di Lai ha detto lunedì che il giornale sarebbe stato chiuso “entro pochi giorni”.

Nell’agosto dello scorso anno, quando Lai è stato arrestato con l’accusa di collusione con forze straniere, la redazione del giornale è stata perquisita da circa 200 agenti di polizia. La scorsa settimana, quando altri dirigenti sono stati arrestati, sono stati perquisiti da 500 agenti di polizia. .

Aumenta la tiratura

Il giornale ha affermato che in questi due incidenti, il volume di stampa è aumentato dalle solite 80.000 copie a 500.000 copie il giorno successivo, e i residenti di questa città con una popolazione di 7,5 milioni lo hanno acquistato prima dell’alba.

L’azione della polizia è l’attacco più diretto ai media liberi di Hong Kong da quando Pechino ha ripreso il controllo di Hong Kong nel 1997.

Le autorità di Hong Kong hanno dichiarato che le misure contro l’Apple Daily non erano dirette all’industria dei media o alla libertà di stampa.

La legge sulla sicurezza nazionale applicata a Hong Kong lo scorso anno è stata la prima grande mossa di Pechino per mettere Hong Kong su un percorso più autoritario.

Carrie Lam e altri funzionari pro-Pechino hanno affermato che il governo è tornato alla stabilità dopo mesi di proteste democratiche spesso violente.

La filiale taiwanese dell’Apple Daily ha dichiarato che, a causa dell’indipendenza finanziaria, continuerà a pubblicare articoli su Internet.

Da quando Lai è stato arrestato in base alla legislazione sulla sicurezza lo scorso anno, Apple Daily ha dovuto affrontare una pressione crescente.

Le autorità hanno dichiarato che decine di articoli su Apple Daily potrebbero aver violato le leggi sulla sicurezza, questo è il primo caso segnalato dalle autorità contro i media ai sensi della normativa.

Next Digital ha fatto affidamento sui prestiti per sbarcare il lunario. Nel maggio di quest’anno, Reuters ha riferito esclusivamente che il Segretario per la sicurezza di Hong Kong aveva inviato lettere alle filiali di HSBC e Citibank minacciando di imporre un massimo di sette anni di carcere per qualsiasi transazione con il conto di Hong Kong del miliardario.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *