I funzionari contano i voti dopo le elezioni etiopi, il Tigray riporta una nuova battaglia Reuters

[ad_1]

2/2

© Reuters. Foto del file: I funzionari elettorali hanno svuotato un’urna elettorale durante le elezioni parlamentari e regionali etiopi ad Addis Abeba, in Etiopia, il 21 giugno 2021. REUTERS/Baz Ratner/Foto d’archivio

2/2

Autori: Dawit Endeshaw e Maggie Fick

Addis Abeba (Reuters)-Dopo che le elezioni parlamentari sono state definite il primo voto libero nella storia del Paese, i funzionari etiopi hanno contato i voti martedì, ma hanno riscontrato boicottaggi dell’opposizione, guerre e alcune irregolarità regionali.

Il primo ministro Abi Ahmed spera che le elezioni nazionali e regionali mostreranno il successo delle riforme democratiche che ha avviato dopo essere stato nominato dalla coalizione di governo nel 2018.

Ma il voto riflette anche la realtà caotica di questo Paese di 109 milioni di persone. Secondo la commissione elettorale, lunedì le autorità non sono state in grado di condurre sondaggi di opinione in quattro dei 10 distretti etiopici. A causa di problemi logistici, martedì gli elettori di Sidama, uno dei distretti, si sono recati al seggio elettorale con un giorno di ritardo.

La guerra ha provocato 2 milioni di sfollati nell’area del Tigray, dove nel novembre dello scorso anno Abi ha inviato truppe per combattere le autorità regionali che un tempo dominavano il governo federale di Addis Abeba.

I residenti hanno riferito che negli ultimi giorni sono scoppiati nuovi scontri a nord di Merkel, il capoluogo regionale. L’esercito etiope ha smentito le notizie secondo cui i combattenti fedeli al partito al governo nell’ex regione sono entrati in diverse città della regione.

Martedì, in un tweet, Abi ha scritto: “Tutti i settori della società hanno votato alle prime elezioni libere ed eque del nostro paese”.

Più tardi lunedì, ha dichiarato in una dichiarazione: “La democrazia non è stata costruita in un giorno. La stiamo posando mattone su mattone”.

Un portavoce della commissione elettorale ha detto ai giornalisti martedì che quasi tutti i seggi elettorali della capitale hanno già contato i voti.

È ampiamente previsto che il nuovo Partito della prosperità nazionale di Abbey sconfiggerà dozzine di gruppi di opposizione frammentati basati principalmente sulla razza. Sei anni fa, la coalizione di governo e i suoi alleati hanno vinto tutti i 547 seggi parlamentari nelle ultime elezioni del predecessore di Abi, quando l’Etiopia era uno dei paesi più autoritari dell’Africa.

Tigray non ha votato

Sebbene il primo ministro abbia vinto il premio Nobel nel 2019 per aver fatto pace con la vicina Eritrea, la sua reputazione internazionale è stata danneggiata dallo scoppio del conflitto nel Tigray e ha inviato truppe dopo aver accusato le autorità regionali di aver attaccato basi militari.

Le Nazioni Unite affermano che la carestia è imminente dopo i combattimenti tra l’esercito etiope e l’ex partito di governo del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF) nella regione. La data delle elezioni del Tigray non è stata ancora fissata.

Un medico ha detto a Reuters che martedì un attacco aereo nella città di Togoga ha ucciso diverse persone e ferito 43 persone, tra cui un bambino di 2 anni, a circa 25 chilometri (16 miglia) a sud di Merkel.

Un residente della città settentrionale di Adigrat ha detto per telefono a Reuters che la strada principale a nord di Mekelle è stata chiusa per due giorni.

Il residente ha detto che le truppe regionali del Tigray sono entrate in parti di Adigrat martedì mattina, e poi altri soldati etiopi ed eritrei sono tornati in città.

Un membro anziano del governo provvisorio del Tigray nominato dal governo federale ha affermato che le truppe fedeli al TPLF sono entrate nelle città di Ukro, Hosen e Agoura a nord di Merkler nelle ultime 48 ore. C’è una base militare federale etiope ad Agoura. Il funzionario ha aggiunto che non è chiaro se l’esercito del Tigray sia ancora lì.

Il colonnello Getnet Adane, portavoce dell’esercito federale etiope, ha detto a Reuters per telefono che i rapporti erano “fabbricati”. Il portavoce del primo ministro e il capo del gruppo di lavoro di emergenza del governo sul Tigray non hanno risposto a messaggi e chiamate in cerca di commenti.

L’ex alto funzionario del TPLF, Getachew Reda, ha deriso l’elezione in un tweet, affermando che i Tigrini avevano catturato prigionieri di guerra come regalo per Abi per “incoronarsi come #theNakedEmperorofEthiopia”.

Sebbene un portavoce del governo regionale di Oromia abbia dichiarato che due funzionari della sicurezza e un funzionario locale sono stati uccisi in un attacco da parte di un gruppo armato, non ci sono notizie di violenze su larga scala in alcune parti del paese.

L’opposizione ha affermato che ci sono state alcune violazioni. Il leader dell’opposizione Berhanu Nega ha dichiarato che dopo che funzionari e milizie locali nella regione di Amhara e nei paesi del sud, le regioni etniche e popolari hanno bloccato gli osservatori del partito, il suo cittadino etiope per il Partito per la giustizia sociale (Ezema) ha presentato 207 denunce.

Secondo i rapporti, gli osservatori dell’opposizione sono stati cacciati da molti seggi elettorali nelle due regioni, ha detto ai giornalisti il ​​presidente del consiglio di amministrazione Birtukan Midekssa lunedì sera.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *