I funzionari della Fed hanno avvertito che gli Stati Uniti non possono permettersi il “boom and bust” del mercato immobiliare

[ad_1]

Un alto funzionario della Fed ha avvertito che gli Stati Uniti non potrebbero sopportare i “cicli di boom e contrazione” del mercato immobiliare che potrebbero minacciare la stabilità finanziaria, il che dimostra che la Fed è sempre più preoccupata per l’aumento dei prezzi delle case.

Eric Rosengren, presidente della Federal Reserve Bank di Boston, ha dichiarato al Financial Times: “È molto importante per noi tornare all’obiettivo di inflazione del 2%, ma l’obiettivo è renderlo sostenibile”. sperimentare cicli di prosperità e depressione in aree come quella immobiliare.

“Non prevedo che andremo in bancarotta. Ma penso che valga la pena prestare molta attenzione al mercato immobiliare”, ha detto.

Secondo i dati diffusi dalla National Association of Realtors la scorsa settimana, il prezzo medio delle vendite di case esistenti a maggio è aumentato del 23,6% su base annua, superando per la prima volta i $ 350.000.

Rosengren ha affermato che nel mercato immobiliare di Boston è comune per gli acquirenti che utilizzano solo contanti avere il sopravvento nelle offerte, e alcune persone hanno rifiutato le ispezioni delle case per ottenere un vantaggio tra i venditori.

“Non vuoi che il mercato immobiliare sia troppo prospero”, ha detto Rosengren. “Voglio solo sottolineare che i cicli di espansione e contrazione del mercato immobiliare si sono verificati molte volte negli Stati Uniti e in tutto il mondo e sono spesso diventati fonte di problemi di stabilità finanziaria”.

Lui dice Mercato immobiliare caldo Dovrebbe essere un fattore perché la banca centrale sta valutando di rallentare o cancellare parte dell’enorme sostegno monetario fornito all’economia durante la pandemia di coronavirus.

Come parte del suo piano di acquisto di attività, la Federal Reserve acquista ogni mese 40 miliardi di dollari in titoli garantiti da ipoteca e 80 miliardi di dollari in buoni del Tesoro.

I funzionari della Fed stanno ora discutendo di tagli agli acquisti di obbligazioni. Rosengren ha affermato che per iniziare questo processo “a tempo debito”, l’acquisto di titoli garantiti da ipoteca dovrebbe essere allo stesso ritmo dell’acquisto di buoni del Tesoro. Ciò significa che il sostegno diretto al finanziamento dell’edilizia abitativa diminuirà più rapidamente.

“Ciò significa che smetteremo di acquistare MBS prima di smettere di acquistare titoli del Tesoro USA”, ha affermato.

Il presidente della Fed di St. Louis, James Bullard, è stato uno di coloro che ha invitato la Fed a rivalutare il suo sostegno al mercato immobiliare, sottolineando che ha sottolineato le preoccupazioni diffuse sulla nascente bolla.

Robert Kaplan, presidente della Federal Reserve Bank di Dallas, ha anche sostenuto di porre fine agli acquisti “prima o poi”, soprattutto considerando le crescenti prove di speculazione finanziaria nel mercato immobiliare.

La Federal Reserve ha dichiarato che inizierà a ridurre gli acquisti di asset solo dopo aver raggiunto “ulteriori progressi sostanziali” nel raggiungimento del tasso di inflazione medio del 2% e degli obiettivi di piena occupazione.

Tenendo conto della rapida ripresa, Rosengren ha affermato: “Considerando se faremo ulteriori progressi sostanziali, le condizioni potrebbero essere soddisfatte prima dell’inizio del prossimo anno”.

Ultima economia Previsioni della Fed Mostra che i funzionari della banca centrale aumenteranno i tassi di interesse dall’attuale livello più basso nel 2023, prima delle previsioni precedenti. Hanno anche rivelato che la divergenza all’interno del Federal Open Market Committee sul percorso previsto della politica monetaria è più grande che mai.

“C’è molta incertezza nelle previsioni”, ha detto Rosengren. “Alcune persone avranno una crescita molto rapida [and] Le condizioni per un inasprimento delle politiche potrebbero emergere prima. Altri penseranno che la ripresa sarà più lenta. “

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *