I lavoratori mediocri non hanno un posto dove nascondersi

[ad_1]

I dipendenti mediocri prospereranno quando lavorano da casa o in ufficio? Prima della pandemia non avevo mai pensato a questo problema, ma se l’avessi fatto, potrei immaginare che le persone di second’ordine preferiscono fare il check-in a casa.

Questo è ovviamente raccomandato da alcuni dirigenti senior, poiché il ritmo di ricarica dell’ufficio vuoto di Covid ha accelerato quest’anno. Il lavoro da casa è adatto”Partecipazione più bassa“, secondo il boss di WeWork Sandeep Mathrani. Per l’entusiasmo per “trambusto“, ha dichiarato Jamie Dimon di JPMorgan Chase.

Ma cosa succede se il contrario? Max Thowless-Reeves è un ex banchiere privato di UBS che gestisce la sua società di gestione patrimoniale a Stafford, a nord di Birmingham, ed è assistente docente in visita presso l’Aston Business School.

Non molto tempo fa, ha scritto Una lettera Al Financial Times che ne ha chiesto l’arresto. “La mediocrità è nascosta in ufficio”, ha detto, aggiungendo che quando tutti lavorano in remoto, è più facile determinare quali dipendenti aggiungono il maggior valore. Quando l’ho chiamato la scorsa settimana per chiedergli perché, ha detto qualcosa di interessante. Durante la pandemia, la sua azienda ha iniziato a utilizzare maggiormente Google Docs, il che significava che le persone potevano lavorare contemporaneamente sugli stessi materiali nelle rispettive case.

“Puoi vedere tutti quelli che digitano sullo stesso documento”, ha detto, aggiungendo che questo significa che puoi anche vedere chi ha risposto rapidamente alle domande, o ha dato suggerimenti utili, o in generale ha dato un contributo e chi no.

“Abbiamo appena capito, e non in anticipo, quali membri del team ci hanno davvero spinto in avanti”, ha detto.

La sua azienda ha solo 15 dipendenti, ma vale la pena ricordare la sua esperienza. Solo perché qualcuno è in ufficio e proprio di fronte a te non significa che stia facendo qualcosa di utile come il duro lavoro, ma invisibilmente, a casa. Il dibattito non è finito qui.

Alcune settimane fa, ho ricevuto un’e-mail da un uomo d’affari in pensione in Inghilterra che stava cercando di finalizzare tre transazioni immobiliari separate. I suoi genitori sono recentemente morti, lasciando a ciascuno dei suoi due figli abbastanza soldi per ipotecare la prima casa a Londra. Pertanto, oltre a vendere la casa dei suoi genitori, ha anche aiutato i suoi due figli a comprare immobili a Londra.

Ciò significa che ha a che fare con tre gruppi di agenti immobiliari, geometri, prestatori di mutui e avvocati, i quali hanno lavorato a casa per un periodo di tempo e hanno fornito quello che ha definito “un livello di servizio continuo sorprendente e poco professionale. “

Ciò include: ricerche di immobili errati; prezzi di vendita errati su contratti importanti; scadenze errate su richieste di mutuo e nominativi errati inseriti nei documenti. Ancora più importante, un avvocato non è riuscito a ritirare i fondi del mutuo necessari in tempo per completare, lasciando uno dei suoi figli a rischio di perdere i propri risparmi e diventare un senzatetto.

Quindi i lavoratori sono mediocri o ci sono altri motivi? Questa persona pensa che il lavoro a distanza possa essere il problema.

Ha detto: “Penso che lavorare da casa renda l’equilibrio caotico”, ha aggiunto, aggiungendo che le persone potrebbero essere sopraffatte e devono affrontarlo da sole. Il lavoro di un avvocato che aveva usato 3 volte senza problemi in passato -quando lei lavorava in ufficio- ora è “ferita” e ora è senzatetto.

Certo, è un caso isolato. Ma questo coincide con alcuni risultati di uno studio che ha esaminato la situazione di oltre 10.000 dipendenti di una grande azienda tecnologica asiatica prima e dopo che il Covid li ha costretti a tornare a casa.

I ricercatori hanno scoperto che le ore di lavoro totali Alle stelle Circa il 30%, che include molto lavoro svolto al di fuori del normale orario di lavoro.

Ma l’orario di lavoro extra non ha comportato alcun aumento della produzione, quindi lo studio ha concluso che la produttività complessiva è diminuita di circa il 20%.

Ciò non rende necessariamente corretti gli scettici che lavorano da casa. Lo studio non ha misurato direttamente la qualità del lavoro svolto. Tutto ciò sottolinea la complessità del grande esperimento di lavoro a distanza Covid e perché è troppo presto per trarre conclusioni definitive in merito.

pilita.clark@ft.com

Cinguettio: @pilitaclark



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *