I legami con la Cina rappresentano una minaccia per la libertà accademica britannica

[ad_1]

Chi scrive è membro del partito conservatore di Tonbridge e Marin e presidente della commissione speciale per gli affari esteri Foreign

L’Università di Cardiff ha pubblicato un lavoro pubblicità Il mese scorso c’era un requisito insolito: i potenziali candidati “devono avere il mandarino nella loro lingua madre o vicino alla loro lingua madre”. Forse non è così insolito nelle scuole di lingue, ma questa è la posizione di un docente di composizione musicale.

Le università britanniche sono cambiate. Nell’ultimo decennio, il nostro sistema di istruzione superiore ha fatto sempre più affidamento sulla Cina per fornire un flusso costante di studenti, partner di ricerca e finanziamenti.

Nel 2019-20, quasi 142.000 studenti cinesi studiano nelle università britanniche. Secondo i media ufficiali cinesi, il Regno Unito ha ormai superato gli Stati Uniti come destinazione più ambita per gli studenti cinesi.

È questo il problema? Gli studenti stranieri e la cooperazione internazionale svolgono un ruolo importante in un sistema di istruzione superiore sano. Tuttavia, questa relazione è motivo di preoccupazione in caso di eccessiva dipendenza.

Se il numero di studenti cinesi disposti a studiare nel Regno Unito diminuisce notevolmente, ad esempio a causa di tensioni geopolitiche, alcune delle nostre università potrebbero essere in difficoltà. Nove università britanniche raccolgono più di un quinto del loro reddito da studenti cinesi. Non sorprende che queste università sembrino ansiose di dimostrare le loro qualifiche per essere amichevoli con Pechino.

Come abbiamo visto quando lo studioso britannico Jo Smith Finley è stato sanzionato dalla Cina, Pechino vede l’istruzione superiore come un gioco leale per lasciare che le democrazie arroganti rispettino le regole.parlamento è stato detto Funzionari cinesi hanno confiscato documenti che si riferivano a Taiwan, il vicepremier ha smesso di parlare sotto la pressione dell’ambasciata cinese e agli studiosi è stato chiesto di non fare commenti politici sulla Cina.

Tutto ciò avrà un vero effetto raggelante sulla libertà accademica. Quando l’epidemia ha colpito, le università britanniche hanno creato nuove soluzioni di insegnamento online per fornire corsi agli studenti bloccati in Cina.Un gruppo di studiosi avvertimento Il servizio viene instradato attraverso i server Alibaba Cloud in Cina ed è un potenziale strumento di monitoraggio e revisione.

Ci sono anche problemi pratici con la partnership con l’esercito cinese. 2017, Regno Unito secondo Solo documenti co-autori di scienziati degli Stati Uniti e dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese. Forse il culmine della cooperazione è la firma di un memorandum d’intesa tra l’Università di Cambridge e la National University of Defense Technology, la principale università militare cinese.

Non tutte le università sono colpevoli, ma l’impatto complessivo è un fallimento sistematico nel mantenere valori liberi. Il primo passo per risolvere il problema è ovvio: aumentare sostanzialmente la trasparenza. Tutte le sponsorizzazioni di aziende legate alla Cina e le partnership accademiche con le istituzioni cinesi devono essere segnalate al Ministero dell’Istruzione per creare quello che l’ex ministro dell’Istruzione superiore Joe Johnson ha definito il “libro del giorno del giudizio” della cooperazione britannico-cinese.

Anche le università devono cercare una consulenza migliore. Il governo dovrebbe garantire che il suo nuovo gruppo consultivo per la cooperazione alla ricerca sia un’istituzione dotata di risorse adeguate, che fornisca consulenza affidabile su quali tipi di partnership possono causare problemi di diritti umani o sicurezza economica.

Inoltre, il governo deve cooperare con il dipartimento per creare un modello di reddito diversificato per ridurre la dipendenza economica dagli studenti stranieri di un paese.

Nel processo di internazionalizzazione dell’ultimo decennio, le università sono diventate esse stesse partecipi della politica estera. Scelgono attivamente con chi lavorare e il focus del reclutamento internazionale. Ciò non può essere a scapito dei valori e della libertà accademica di una società aperta.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *