I mercati azionari asiatici sono scesi ai minimi dopo la caduta di Wall Street, la Nuova Zelanda ha mantenuto invariati i tassi di interesse Reuters

[ad_1]


di Alan John

HONG KONG (Reuters) – Mercoledì i mercati azionari asiatici sono rimasti vicini ai minimi da inizio anno, poiché il crollo del mercato azionario di Wall Street durante la notte ha accresciuto le preoccupazioni sull’impatto economico della variante delta coronavirus che ha spazzato la regione.

Il dollaro USA è rimasto forte contro la maggior parte delle altre valute e la Banca centrale della Nuova Zelanda ha ritardato la decisione ampiamente prevista di aumentare i tassi di interesse dopo aver scoperto che il caso della variante Delta ha causato il blocco del paese.

La Reserve Bank of New Zealand avrebbe dovuto essere la prima banca centrale del G10 ad aumentare i tassi di interesse, ma ha affermato che la decisione di mantenere i tassi di interesse è stata presa nel contesto delle restrizioni a livello nazionale.

L’indice MSCI più ampio nella regione Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è aumentato dello 0,19% ed è sceso negli ultimi cinque giorni di negoziazione, con prezzi di negoziazione leggermente superiori ai minimi da inizio anno toccati a luglio.

Le azioni blue chip cinesi sono aumentate dello 0,21% e dello 0,35%. Le azioni di Taiwan sono scese dell’1,09%.

Kerry Craig, stratega del mercato globale presso JP Morgan Chase (NYSE:) Asset Management, ha dichiarato: “La dichiarazione sul picco di crescita economica nel secondo o terzo trimestre è davvero a posto”.

“Con l’aumento del tasso di vaccinazione, gli investitori stanno cercando di bilanciare la riapertura dell’economia, ma stanno anche vedendo l’impatto della diffusione delle mutazioni del Delta, che si riflette nel rallentamento dei dati economici, la maggior parte dei quali è stata influenzata dalla tendenza al ribasso nelle ultime due settimane. Sorpreso”, ha detto Craig.

La Cina ha annunciato lunedì che il suo PIL del secondo trimestre è cresciuto del 7,9% su base annua, inferiore all’8,1% previsto da Reuters in un sondaggio di economisti.

Durante la notte, dopo che le vendite al dettaglio sono scese al di sotto delle aspettative e le valutazioni sono diventate sempre più alte, Wall Street è scesa. Dopo aver toccato un record lunedì, l’indice è sceso dello 0,71%. ()

Dave Sekera, chief strategist del mercato statunitense presso Morningstar Research Services, ha dichiarato: “Nel mercato di oggi, troviamo difficile trovare titoli sottovalutati da consigliare agli investitori”.

I futures sull’indice azionario statunitense sono stati poco cambiati durante la sessione asiatica, scendendo dello 0,01%.

Nel mercato valutario, il dollaro USA ha raggiunto un massimo di nove mesi contro l’euro ed è vicino ai massimi recenti contro altre principali valute, poiché le preoccupazioni per il COVID-19 indicano che gli investitori hanno ridotto la loro esposizione alle valute più rischiose.

A causa del rafforzamento del dollaro USA e delle preoccupazioni per l’aumento dei casi di coronavirus, i prezzi del petrolio sono scesi ulteriormente nei primi scambi asiatici dopo essere scesi per quattro giorni di negoziazione consecutivi.

È sceso dello 0,14% a 66,50 dollari al barile.

Il rendimento del benchmark è dell’1,2617%, mentre il prezzo di chiusura degli Stati Uniti martedì è stato dell’1,258%

Disclaimer: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *