I mercati azionari globali sono sconvolti dalle preoccupazioni sulla crescita

[ad_1]

Aggiornamento delle scorte

I mercati azionari globali hanno registrato la loro settimana peggiore da giugno, poiché le preoccupazioni per un rallentamento della ripresa economica e le imminenti misure di stimolo statunitensi hanno gravemente pesato sul sentimento del mercato.

L’indice FTSE Global è sceso dell’1,8% questa settimana.Durante questo periodo, la Cina ha inasprito le normative sulla privacy dei dati per il suo settore tecnologico in rapida crescita e paesi come l’Australia e la Nuova Zelanda hanno implementato improvvisi blocchi a causa delle preoccupazioni per il coronavirus.

In risposta, gli investitori si sono rivolti a beni rifugio come il dollaro USA durante il dumping delle materie prime. L’indice del dollaro USA, che misura il dollaro USA rispetto alle altre principali valute, questa settimana è aumentato dell’1%, il livello più alto in due mesi. Temendo che la domanda venga soppressa, il greggio Brent di riferimento globale è sceso di circa il 7,7% questa settimana.

“Qualche tempo fa, i pianeti hanno iniziato ad allinearsi: abbiamo uno slancio economico molto forte in tutto il mondo e si prevede che la banca centrale non agirà per molto tempo, ed è forte. [equity] Valutazione”, ha affermato Olivier Marciot, senior portfolio manager presso la società di gestione patrimoniale Unigestion. “Passo dopo passo, il pianeta è stato smarrito, mettendo sotto pressione il mercato. “

L’indice di riferimento azionario ha riguadagnato alcune delle sue perdite venerdì. Negli Stati Uniti, l’indice Standard & Poor’s 500 è aumentato dello 0,8%, mentre l’indice Nasdaq Composite, incentrato sulla tecnologia, è aumentato dell’1,2% quel giorno.

In Europa, il mercato azionario è aumentato nel corso della giornata. L’indice di riferimento europeo Stoxx 600 è aumentato dello 0,3%. L’indice FTSE 100 ha chiuso in rialzo dello 0,4%. Cac 40 a Parigi è cresciuto dello 0,3%, mentre Dax 30 a Francoforte è cresciuto dello 0,3%.

Emmanuel Cau, stratega azionario europeo di Barclays, ha dichiarato: “Proprio come sono passati i catalizzatori positivi per forti guadagni e le prospettive tecniche sono deboli, la nuova polmonite della corona, la crescita economica e le preoccupazioni politiche stanno riemergendo”. può restare in disparte per ora”.

I mercati azionari asiatici hanno iniziato a vendere questa settimana a causa dei dati cinesi deboli e sembra che dovranno affrontare ulteriori pressioni entro la fine della settimana. L’indice MSCI nel mercato Asia-Pacifico è sceso dell’1,9%.

L’impatto dei nuovi dati cinesi Legge sulla privacyEntrerà in vigore il 1° novembre, che ha gravemente colpito il sentimento dell’intera regione. L’indice della tecnologia Hang Seng dei maggiori titoli Internet ed e-commerce della Cina, tra cui Meituan, Tencent e Alibaba, è sceso del 2,5%.

Il prezzo delle azioni di Tencent è sceso dell’11% questo mese, mentre Alibaba è sceso del 16,5% finora questo mese.

Questa settimana gli investitori si sono rivolti anche a beni di debito rifugio come il debito sovrano statunitense e tedesco, anche se venerdì ci sono stati pochi cambiamenti. Il rendimento dei titoli di Stato a 10 anni è aumentato di 0,01 punti percentuali all’1,26%, mentre il rendimento dei titoli di Stato a 10 anni tedeschi è aumentato di 0,01 punti percentuali a meno 0,496%. Quando il prezzo aumenta, il tasso di rendimento diminuisce.

I prezzi del petrolio hanno chiuso in ribasso e il greggio Brent è sceso dell’1,9% per chiudere a $ 65,18 al barile, che è stato di circa $ 10 in meno rispetto al massimo raggiunto il mese scorso, poiché la variante Covid ha influito sulla domanda.

Il dollaro è sceso leggermente quel giorno. Il dollaro USA è sceso dello 0,2% contro l’euro e la valuta comune è salita a $ 1,1703. Tuttavia, la sterlina è salita dello 0,1% contro la sterlina e la sterlina è scesa a $ 1,3626.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *