I parlamentari interrogano Johnson sulla risposta della Gran Bretagna alla crisi in Afghanistan

[ad_1]

Aggiornamento Afghanistan

Boris Johnson si prepara ad accettare le critiche dei parlamentari di alto livello sul ruolo della Gran Bretagna nel Regno Unito crisi dell’Afghanistan Quando il Primo Ministro si prepara a parlare alla Camera dei Comuni in un raro incontro ad agosto.

Nel dibattito di mezza giornata di mercoledì, Johnson dovrebbe difendere la risposta della Gran Bretagna alla rapida acquisizione del paese da parte dei talebani e gli sforzi della Gran Bretagna per ritirare i cittadini britannici e afgani.

Il Regno Unito ha attualmente 900 soldati in Afghanistan per aiutare con l’evacuazione di 3.000 britannici e con doppia cittadinanza e un numero simile di afghani che lavorano con l’esercito britannico. Le forze di combattimento britanniche hanno lasciato l’Afghanistan nel 2014.

Ma Johnson dovrebbe affrontare le critiche della risposta umanitaria britannica alla caduta dell’Afghanistan e dei preparativi del governo. A luglio ha affermato che “i talebani non hanno un percorso militare verso la vittoria”.

Le sue osservazioni potrebbero concentrarsi sugli sforzi del governo per consentire ai cittadini afghani di richiedere asilo nel Regno Unito, che si basa sull’imminente annuncio del Piano di reinsediamento dei rifugiati siriani del 2014.

Johnson discuterà anche degli sforzi della Gran Bretagna per convocare altri paesi per coordinare e modellare la risposta occidentale all’acquisizione dei talebani. Un funzionario di Downing Street ha dichiarato: “Questa è l’arma più potente che abbiamo”.

Martedì, ha avvertito il primo ministro pakistano Imran Khan che non dovrebbe riconoscere alcun nuovo governo afghano prematuramente, ma dovrebbe essere “su base internazionale piuttosto che unilaterale”.

Il primo ministro britannico ha anche detto a Khan che “la legittimità di qualsiasi futuro governo talebano dipende dal rispetto degli standard riconosciuti a livello internazionale di diritti umani e inclusività”.

L’amministrazione Johnson è stata criticata da diversi parlamentari conservatori di alto livello per il suo ruolo nel ritiro.

Il presidente della commissione speciale per gli affari esteri Tom Tugendhat ha descritto il ritiro come “il più grande disastro di politica estera dopo il Canale di Suez”..

Tobias Elwood, presidente del Comitato di difesa speciale del Partito conservatore, ha avvertito che l’Afghanistan potrebbe diventare “un rifugio sicuro per il terrorismo dilagante e presto diventerà un campo di battaglia per le potenze vicine per esercitare la loro influenza per procura”.

I legislatori potrebbero anche chiedersi perché Johnson se ne sia andato il 10 di sabato, quando è partito per un giorno libero. Anche il ministro degli Esteri Dominic Raab (Dominic Raab) è andato in vacanza a Creta nei fine settimana prima di essere richiamato a Londra.

Il leader del partito laburista all’opposizione, Sir Kil Stammer, ha dichiarato che i ministri “non sono intervenuti in questo momento critico”. Ha aggiunto: “Parla con chiunque abbia esperienza in Afghanistan e ti diranno che era chiaro la scorsa settimana che ci stiamo dirigendo verso una situazione molto seria”.

In termini di evacuazione, il Regno Unito ha la capacità di trasportare in aereo 1.000 persone da Kabul ogni giorno.

Tuttavia, il capo dell’operazione congiunta responsabile dell’evacuazione, il tenente ammiraglio Sir Ben Kee, ha ammesso martedì che le truppe britanniche stavano lavorando con il consenso dei talebani e che potrebbero dover ritirarsi se il permesso di volo è stato bloccato.

“Ora [the Taliban] Rispettate il loro accordo con gli Stati Uniti”, ha detto. “Ci permettono di fare affari, ma dobbiamo essere pragmatici e onesti: i talebani controllano i modi e gli obiettivi che possiamo raggiungere e talvolta possono annullare il loro consenso. “

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *