I partner giapponesi di Biogen chiedono un’azione globale contro l’Alzheimer

[ad_1]

Recentemente gli Stati Uniti hanno approvato Biogen’s Amici dell’AlzheimerAlzheimer Il capo del suo partner di sviluppo giapponese Eisai ha affermato che c’è urgente bisogno di un quadro per testare e curare una malattia “pandemia segreta”.

Aducanumab sarà venduto con il marchio Aduhelm ed è il primo nuovo trattamento per la malattia di Alzheimer in quasi 20 anni, ma suscitare polemiche Negli Stati Uniti per Il suo prezzo è di $ 56.000 all’anno E mettendo in dubbio la sua validità.

In un’intervista, il CEO di Eisai Haruo Naito ha affermato che il gruppo giapponese e Biogen si stanno preparando a prendere provvedimenti per rendere il farmaco più ampiamente disponibile.Ma ha aggiunto che i paesi di tutto il mondo hanno bisogno di una legislazione speciale per affrontare il morbo di Alzheimer – come fa il National Cancer Act per questa malattia – per affrontare le alte morti personali e il costo globale annuale della demenza, e ora stima Più di 1 trilione di dollari.

“Non pensiamo che Aduhelm da solo possa curare fondamentalmente l’Alzheimer, ma raggiungere questo traguardo ci permetterà di immaginare come possiamo ottenere un trattamento fondamentale”, ha detto.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci sono quasi 10 milioni di nuovi casi di demenza ogni anno, due terzi dei quali sono il morbo di Alzheimer. Naito ha affermato che la malattia è una “epidemia segreta” che si sta diffondendo dai paesi sviluppati come il Giappone e gli Stati Uniti ai paesi in via di sviluppo.

“Non sono solo una o due aziende farmaceutiche, ma avere un quadro pubblico-privato più ampio per combattere questa malattia è fondamentale e le persone sono frustrate con poco sforzo in questo settore”, ha aggiunto.

Da quando la Food and Drug Administration ha approvato l’aducanumab, il prezzo delle azioni di Eisai è aumentato del 45% e gli analisti si aspettano che il farmaco contribuirà interamente agli utili per l’anno fiscale che si concluderà a marzo 2024.

Oltre al costo del farmaco, l’analista del Credit Suisse Fumiyoshi Sakai ha affermato che i potenziali ostacoli allo status di blockbuster del nuovo farmaco includono la difficoltà di fare una diagnosi chiara del morbo di Alzheimer e i test specializzati necessari per valutare se il paziente è adatto al farmaco . farmaco. I pazienti idonei devono anche ricevere liquidi per via endovenosa ogni quattro settimane.

Tuttavia, Sakai ha affermato che l’approvazione della FDA aumenta le possibilità che Eisai BAN2401, un altro farmaco per il morbo di Alzheimer sviluppato congiuntamente con Biogen, venga approvato in futuro. Anche i farmaci dei gruppi farmaceutici rivali Eli Lilly e Roche potrebbero entrare nel mercato prima del previsto.

“Forse l’aducanumab è ancora nel campo dei farmaci sperimentali, ma con più dati accumulati nei prossimi anni, aprirà la strada all’avvento di altri farmaci”, ha detto Sakai.

Dall’inizio degli anni ’80, Eisai ha sviluppato farmaci per curare la demenza, l’essere più famoso Donepezil, Il trattamento più ampiamente prescritto per la malattia di Alzheimer, originariamente sviluppato come Aricept.

“Se ci guardi da qualsiasi angolazione, siamo tutti demenza”, ha detto Naito, nipote di 73 anni del fondatore di Eisai. “Abbiamo la conoscenza accumulata in una serie di fallimenti a lungo termine e abbiamo investito risorse equivalenti a quelle delle grandi aziende farmaceutiche, quindi penso che siamo competitivi”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *