I prezzi del petrolio hanno toccato il massimo da due anni, le azioni asiatiche sono rimbalzate

[ad_1]

I mercati azionari dell’Asia-Pacifico sono balzati dopo il rimbalzo di Wall Street e i prezzi del petrolio sono saliti al livello più alto in due anni, poiché il segnale che la Federal Reserve continuerà a sostenere la ripresa economica dalla pandemia di coronavirus rassicura gli investitori.

Nel trading asiatico di martedì pomeriggio, l’indice giapponese Topix è aumentato del 3,1% e l’indice australiano S&P/ASX 200 è aumentato dell’1,8%. L’indice Sensex di riferimento dell’India è aumentato dello 0,8% a un livello record, mentre l’indice CSI 300 della Cina è aumentato dello 0,5%.

Queste mosse seguirono Rimbalzo delle azioni statunitensi Lunedì, l’indice S&P 500 ha chiuso in rialzo dell’1,4%.Azioni USA caduto la scorsa settimana In precedenza, la Fed è passata a un tono più duro, sollevando timori che gli aumenti dei tassi di interesse possano minare la ripresa economica globale.

Ma il sentimento del mercato lunedì è stato rafforzato dai commenti più moderati del presidente della Federal Reserve Jay Powell. Powell ha detto in un discorso preparato martedì al Congresso che la banca centrale “farà tutto il possibile per sostenere l’economia finché sarà necessario per completare il recupero.”

John Williams, presidente della Federal Reserve Bank di New York, Detto anche L’economia statunitense non è ancora pronta perché la banca centrale inizi a ritirare il suo enorme sostegno monetario.

Jean Boivin, capo del BlackRock Investment Institute, ha affermato che “le nuove prospettive per la Fed non si tradurranno presto in un aumento significativo dei tassi di interesse”.

“Potremmo vedere la volatilità del mercato… ma sosteniamo il mantenimento degli investimenti e la gestione di qualsiasi turbolenza”, ha aggiunto Boivin.

Martedì, i futures sull’indice S&P 500 sono aumentati dello 0,2% nel commercio asiatico, mentre i futures sull’indice FTSE 100 di Londra sono aumentati dello 0,3%.

Anche i prezzi delle materie prime che sono stati duramente colpiti dalle preoccupazioni per le prospettive economiche globali la scorsa settimana sono aumentati. Il benchmark petrolifero internazionale Brent è aumentato leggermente dello 0,3% a 75,14 dollari USA al barile, superando la soglia dei 75 dollari USA per la prima volta da aprile 2019.

Brent è In aumento di oltre il 50% Quest’anno, la forte domanda è evidenziata prima della riunione dell’OPEC+ della prossima settimana.

Bitcoin si stabilizza dopo un forte calo avvertimento La People’s Bank of China ha dichiarato lunedì che le banche statali e le piattaforme di pagamento del paese devono “indagare e identificare” i conti che facilitano le transazioni di criptovaluta e bloccare tutte queste transazioni.

Martedì la criptovaluta è salita dell’1% a $ 32.881, ma questo mese è comunque scesa del 6,5%.

Il mercato obbligazionario si è stabilizzato dopo che i rendimenti sono stati inversamente proporzionali ai prezzi, ed è salito alle stelle lunedì quando gli investitori hanno abbandonato la sicurezza dei titoli di stato e hanno reinvestito nel mercato azionario. Nelle transazioni asiatiche, il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni si è stabilizzato all’1,492%.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *