I prezzi delle case negli Stati Uniti e in Europa salgono a livelli record

[ad_1]

Poiché le misure di stimolo fiscale e monetario su larga scala aiutano il mercato immobiliare residenziale a continuare a sfuggire all’impatto della pandemia di coronavirus, i prezzi delle case negli Stati Uniti e in alcune parti dell’Europa hanno stabilito nuovi record.

La National Association of Realtors ha dichiarato martedì che il prezzo medio delle case esistenti negli Stati Uniti è aumentato del 23,6% su base annua il mese scorso a un nuovo massimo di $ 350.300, con aumenti in ogni regione del paese.

Nonostante la crisi del Covid-19, anche il mercato immobiliare europeo è in rialzo. Statistics Netherlands ha dichiarato che nei Paesi Bassi il prezzo delle case esistenti a maggio è aumentato del 12,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il tasso di crescita più rapido dal 2001.

Sebbene i prezzi continuino ad aumentare, il numero di vendite di immobili residenziali negli Stati Uniti e nei Paesi Bassi è diminuito, indicando che la domanda è scarsa. Il catasto olandese ha dichiarato che a maggio sono state registrate 16.126 transazioni immobiliari residenziali, con un calo su base annua del 12,1%.

Tra aprile e maggio, le vendite di case di seconda mano negli Stati Uniti sono diminuite dello 0,9% e il tasso annuo destagionalizzato è stato di 5,8 milioni di unità. NAR ha dichiarato che l’inventario totale di 1,2 milioni di unità negli Stati Uniti era inferiore del 20,6% rispetto a maggio 2020, ma è aumentato del 7% da aprile.

Alcuni economisti hanno affermato che il calo delle vendite potrebbe indicare che il mercato immobiliare statunitense ha raggiunto il picco, con l’attività che lo scorso anno ha raggiunto il livello più alto dal 2006.

Ian Shepherdson, capo economista di Pantheon Macroeconomics, ha dichiarato: “Il calo delle vendite e l’aumento delle scorte significano che l’estrema pressione al rialzo sui prezzi dovrebbe iniziare a svanire presto”.

Altri ritengono che, spinti dalle politiche delle banche centrali, i prezzi delle case aumenteranno ulteriormente. Adam Slater, economista dell’Oxford Economics Institute, ha dichiarato: “Le condizioni monetarie facili possono far salire i prezzi delle attività e alla fine potrebbe esserci una brusca correzione”. Prospettive interessanti».

L’impennata dei prezzi delle case ha attirato l’attenzione dei funzionari della Fed, soprattutto considerando i suoi 40 miliardi di dollari al mese acquistare Titoli garantiti da ipoteca istituzionali come parte del suo piano di acquisto di obbligazioni da $ 120 miliardi.

Il presidente della Fed di Dallas, Robert Kaplan, ha recentemente avvertito che i prezzi sono a livelli “massimi storici” e ha sottolineato che gli investitori finanziari hanno acquistato un gran numero di proprietà residenziali.Martedì, il gruppo di private equity Blackstone Group essere d’accordo Acquisita Home Partners of America per 6 miliardi di dollari, acquirente e gestore di proprietà in affitto unifamiliare con oltre 17.000 case.

“Sempre più acquirenti unifamiliari vengono estromessi dal mercato”, ha affermato Kaplan durante un evento ospitato lunedì dal Think Tank Official Currency and Financial Institutions Forum. “In questa fase, ci chiediamo se il mercato immobiliare abbia davvero bisogno che la Fed fornisca 40 miliardi di dollari al mese a sostegno”.

Nello stesso incidente, il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Brad, ha affermato che ora potrebbe essere il momento di considerare se “uscire” dagli acquisti MBS dell’istituto.

Lo ha detto la Banca centrale europea Un report Questa settimana, nel quarto trimestre dello scorso anno, i prezzi delle case nell’Eurozona sono aumentati del 5,8% su base annua, il tasso di crescita più alto dalla metà del 2007.

Secondo il rapporto, lo scorso anno Germania, Francia e Paesi Bassi hanno rappresentato quasi i tre quarti dell’aumento totale dei prezzi delle case nella zona euro.

L’aumento dei prezzi e la carenza di alloggi a prezzi accessibili hanno suscitato indignazione pubblica contro i grandi proprietari commerciali in diversi paesi europei.Irlanda imporre A chi acquista 10 o più case entro 12 mesi viene imposta un’imposta di bollo del 10% per impedire agli investitori finanziari di acquistare grandi quantità di immobili.

In Germania, il piano Fusione da 18 miliardi di euro La disputa tra Vonovia, il più grande proprietario residenziale del paese, e la sua rivale Deutsche Wohnen ha innescato richieste di restrizioni sugli affitti e persino di nazionalizzazione di queste società.

La questione dei prezzi delle case è diventata anche un parafulmine per aver criticato la politica monetaria ultra-espansiva della Banca centrale europea. La sua presidente Christina Lagarde ha accettato questa settimana le domande sulla questione al Parlamento europeo.

“Le famiglie giovani e della classe media sono costrette a partecipare a una forte concorrenza e a pagare prezzi esorbitanti nel mercato immobiliare surriscaldato”, ha affermato Michiel Hoogeveen, un membro del Parlamento europeo olandese che dubita dell’Europa. “Questa è una delle conseguenze dei vostri generosi finanziamenti e della vostra politica a basso interesse per mantenere in vita i paesi più deboli della zona euro”.

In risposta, Lagarde ha dichiarato che “non vi è alcun segno evidente che [a] Il credito ha promosso la bolla immobiliare in tutta la zona euro”, ma ha aggiunto che alcuni paesi, in particolare alcune città, hanno “vulnerabilità immobiliari residenziali”.

[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *