I prezzi delle case nel Regno Unito aumentano a causa di contanti a basso costo, in cerca di spazio

[ad_1]

© Reuters. Foto del file: Il 6 agosto 2020, c’è un cartello “Aiuto per l’acquisto” accanto a una nuova casa ad Aylesbury, nel Regno Unito. REUTERS/Matthew Childs

Jonathan Cable

LONDRA (Reuters)-Un sondaggio Reuters sugli analisti del mercato immobiliare ha rilevato che a causa dei bassi costi di finanziamento, della carenza di offerta e del desiderio di più spazio abitativo, i già costosi prezzi delle case nel Regno Unito aumenteranno notevolmente nei prossimi anni.

Come nella maggior parte dei paesi sviluppati, milioni di britannici hanno lavorato da casa negli ultimi 17 mesi, poiché le misure adottate per contenere la pandemia di coronavirus hanno chiuso gli uffici e limitato i viaggi.

Il tempo forzato a casa consente ad alcune persone di accumulare più risparmi e possono almeno continuare a lavorare a tempo parziale, il che significa che le persone vogliono più spazio perché adattano le loro proprietà alle aree di vita e di lavoro.

“L’attuale tendenza a volere più spazio ha una certa continuità. Dopo un cambiamento fondamentale nella domanda degli acquirenti lo scorso anno, ci vorranno molti anni prima che l’offerta raggiunga la domanda”, ha affermato Reborg di John Chakol, un broker ipotecario.

Alla domanda su quale sia il principale fattore trainante dei prezzi delle case nel Regno Unito nei prossimi 12 mesi, 4 su 12 intervistati a un’ulteriore domanda nel sondaggio Reuters del 13-19 agosto hanno espresso il desiderio di più spazio abitativo, tre persone hanno affermato che c’era una carenza dell’offerta, e le altre cinque persone hanno detto una politica monetaria allentata.

Soldi economici

Con la pandemia che colpisce duramente l’economia, la Banca d’Inghilterra, come i suoi colleghi, ha tagliato i tassi di interesse a un record dello 0,10% e ha riavviato il programma di acquisto di obbligazioni, rendendo i prezzi molto più economici per coloro che possono permettersi i mutui.

Russell Quirk della società immobiliare Proper PR ha dichiarato: “I bassi costi di finanziamento sono un fattore che supporta l’accessibilità dei prezzi delle case, e quindi il fattore più importante nella crescita dei prezzi delle case”.

“Se osservi la correlazione tra bassi tassi di interesse e prezzi delle case negli ultimi 10 o 12 anni, troverai una correlazione diretta: più economico è il denaro, più costoso è il prezzo della casa”.

D’altro canto, alla domanda su cosa rappresenti il ​​maggior rischio al ribasso per i prezzi, 6 intervistati su 12 hanno affermato che i tassi di interesse sono aumentati. Altri hanno menzionato le nuove varianti del coronavirus, l’alto tasso di disoccupazione o la ripresa della settimana lavorativa d’ufficio a tempo pieno.

Sebbene un sondaggio Reuters sugli economisti all’inizio di questa settimana abbia rilevato che la banca centrale aspetterà fino al 2023 per aumentare i tassi di interesse, hanno affermato che i tassi di interesse potrebbero essere aumentati prima di questo.

“Se le cose vanno secondo i piani e impariamo ad accettare il COVID-19, allora l’inasprimento della politica monetaria potrebbe essere il rischio maggiore”, ha affermato Aneisha Beveridge di Hamptons, un’agente immobiliare.

Tuttavia, la mediana di un sondaggio più ampio di 15 esperti di mercato mostra che i prezzi delle case aumenteranno del 6,0% quest’anno, del 3,5% l’anno prossimo e del 3,0% nel 2023, superando di gran lunga le aspettative per l’inflazione complessiva.

La previsione per quest’anno e il prossimo anno è superiore al sondaggio di maggio ed è il livello più alto dall’inizio del sondaggio.

A Londra, prevedono un aumento del 2,8% quest’anno, del 2,5% nel 2022 e del 2,4% l’anno successivo.

Dei 12 intervistati che hanno risposto a un’altra domanda, 6 hanno affermato che questi aumenti di prezzo significano che l’accessibilità economica si deteriorerà nei prossimi anni. Quattro persone hanno detto che sarebbe rimasto lo stesso e due persone hanno detto che sarebbe migliorato.

“La domanda continuerà a far salire i prezzi e i tassi dei mutui diminuiranno. Ma aumenterà anche l’inflazione salariale. Il risultato saranno prezzi più ‘insopportabili’, specialmente per gli acquirenti per la prima volta (di immobili)”, ha detto Quaker.

Secondo i dati del sito web immobiliare Rightmove (OTC:), il prezzo medio richiesto per una casa questo mese è £ 337.371 (US $ 461.962), che è più di 10 volte lo stipendio medio nel Regno Unito. Poiché è improbabile che gli aumenti salariali tengano il passo con l’aumento dei prezzi delle case, il divario di accessibilità potrebbe ampliarsi.



[ad_2]

Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *